Tsioque: provato

(Bari)ore 19:36:00 del 09/01/2019 - Tipologia: , Videogames

Tsioque: provato

Diciamo subito che la storia svolge bene il suo compito e, anzi, nella parte finale regala un discreto colpo di scena, che culmina in un finale vagamente inaspettato..

 

I più attenti di voi ricorderanno forse Tormentum: Dark Sorrow, piacevole avventura grafica sviluppata da OhNoo Studios. La casa polacca, forte della collaborazione dell’animatore Alek Wasilewski e del compositore Edward Harrison, torna ora sulle scene con Tsioque, un’avventura grafica che ha i suoi motivi di interesse.

Una principessina agguerrita

In Tsioque si racconta la storia dell’omonima principessina che un bel giorno vede partire sua madre, la regina, per il campo di battaglia.

Rimasta sola nel castello, la nostra viene subito imprigionata dal malvagio stregone, che in assenza della regina vuole impossessarsi di tutto il regno. Da questo incipit parte la storia di Tsioque, che vedrà la piccola protagonista intenta a sconfiggere lo stregone e a portare la pace. Diciamo subito che la storia svolge bene il suo compito e, anzi, nella parte finale regala un discreto colpo di scena, che culmina in un finale vagamente inaspettato.

Il gioco sceglie un approccio piuttosto umoristico, tipico delle avventure grafiche bidimensionali dei bei vecchi tempi, e la scelta sembra pagare soprattutto durante le fasi iniziali, quando le strampalate guardie del castello faranno di tutto per catturare Tsioque.

La presenza del cattivissimo stregone, inoltre, incute il giusto timore, e tutto sommato anche il fatto che la protagonista sia una bambina viene sfruttato in maniera adeguata, soprattutto nel finale. Nel complesso, dunque, la narrativa regala una piacevole esperienza, per un’avventura che però dura all’incirca tre ore, e non propone grandi incentivi per essere ripetuta.

Facciamo una premessa: il gioco dura 2/3 ore, che per alcuni può sembrare poco, invece secondo me è ottimo, cosicché non stanchi troppo e la storia fili abbastanza liscia fino alla fine. Il problema è che il prezzo è forse un po’ altino per un gioco che offre sì una qualità alta per essere un indie, ma non possiede una longevità che ne giustifichi il costo di 12€.

Nel complesso, comunque, TSIOQUE è molto ben curato, di pregevole fattura e divertente. Un’avventura grafica vecchio stampo che vuole farsi strada nel panorama videoludico moderno, facendo della semplicità e nella bellezza delle immagini i suoi punti forti. Merita assolutamente di essere giocato!

Se siete curiosi, lo trovate direttamente su Steam al già citato prezzo di circa 12€.

TSIOQUE ricalca le caratteristiche delle vecchie avventure grafiche, mischiandole ad elementi action in maniera sublime. Se aggiungiamo che è interamente disegnato a mano, possiamo dire che è davvero un ottimo titolo del genere.

 

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Recensione Xenon Racer
Recensione Xenon Racer
(Bari)
-

Non facciamo fatica a credere nel loro progetto dopo aver visto il successo del loro primo gioco e l’evoluzione che c’è stata con questo Xenon Racer.
  Questo weekend ritorna la Formula 1, e se dovessi pensare che potrebbe essere...

A Plague Tale Innocence: guida passo passo
A Plague Tale Innocence: guida passo passo
(Bari)
-

La troviamo impegnata in una battuta di caccia col padre, in cerca di un cinghiale bello grosso da mettere al tappeto con la sua fidata fionda.
  A PLAGUE TALE INNOCENCE RECENSIONE - Circondato ormai da qualche mese da...

PlayStation Now in Italia: cosa cambia
PlayStation Now in Italia: cosa cambia
(Bari)
-

PlayStation Now arriva in Italia: il futuro dei videogiochi è lo streaming
Il 12 marzo Sony ha lanciato anche in Italia PlayStation Now, un nuovo servizio...

Yoshis Crafted World: guida
Yoshis Crafted World: guida
(Bari)
-

Se Yoshi’s Woolly World ci metteva di fronte ad un mondo fatto interamente di lana, qui siamo di fronte ad un mondo fatto di cartoncino.
  Gli sviluppatori di Good Feel ci hanno ormai abituati a ottimi platform...

One Piece World Seeker: guida passo passo
One Piece World Seeker: guida passo passo
(Bari)
-

Non è per un caso se anni dopo l’inizio della pubblicazione del manga, siamo ancora qui a leggere gli albi di Rufy, Zoro, Sanji, Nami e compagnia, alla ricerca di One Piece, che rischia di fare la fine dei tartari.
  One Piece World Seeker era riuscito ad illuderci che dall’unione di Ganbarion...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati