STOP AI MANTENUTI - ecco la nuova sentenza

(Bari)ore 15:36:00 del 13/06/2017 - Tipologia: , Nuove Leggi

STOP AI MANTENUTI - ecco la nuova sentenza

Manca ancora un piccolo passo avanti : se il coniuge ti ha tradito ed ha un amante se ne deve andare di casa e lasciare i figli al coniuge fedele!! Indipendentemente se è l’uomo o la donna..

Manca ancora un piccolo passo avanti : se il coniuge ti ha tradito ed ha un amante se ne deve andare di casa e lasciare i figli al coniuge fedele!! Indipendentemente se è l’uomo o la donna.

Così la legge sarebbe perfetta e ci sarebbero meno separazioni per infedelta’.

Anche i figli sarebbero felici perché non si vedrebbero costretti a vivere con un estraneo/a in casa loro.

La sentenza della Corte Suprema di Cassazione rivoluziona le norme sull’assegno di mantenimento in caso di divorzio. D’ora in poi i criteri per concedere il mantenimento non verteranno più sul garantire lo stesso tenore di vita che c’era nel corso del matrimonio. Basterà infatti garantire un assegno che consenta di sopravvivere, anche se la soglia minima è ancora da determinare. Per concedere l’assegno divorzile si terrà conto dello stato di autosufficienza o meno dell’ex coniuge, in base a quattro criteri: “il possesso di redditi di qualsiasi specie”; “il possesso di cespiti patrimoniali mobiliari ed immobiliari”; “le capacità e le possibilità effettive di lavoro”; “la stabile disponibilità di una casa di abitazione”. Nel caso in cui venga dimostrata la non autosufficienza economica sarà possibile disporre del sostentamento.

Addio assegno di mantenimento all’ex coniuge solo perché più povero: da oggi in poi non conterà più la differenza di reddito tra moglie e marito al momento della separazione e del successivo divorzio, ma il fatto che il richiedente non sia oggettivamente in grado di mantenersi da solo. E se l’assenza di redditi dipende da inerzia o da mancanza di volontà a trovare un lavoro, il giudice dovrà negare l’assegno di mantenimento. È questa la rivoluzione epocale varata poche ore fa dalla Cassazione: un cambiamento storico perché da oggi in poi il sussidio a favore del coniuge più debole economicamente non verrà più accordato con la facilità e l’automatismo del passato, ma richiederà prove più convincenti del proprio stato di oggettiva difficoltà economica. Cosa significa in concreto? Significa un definitivo addio al mantenimento per chi può mantenersi da solo. Ma procediamo con ordine e vediamo cosa cambia da oggi in poi.

Come abbiamo già chiarito nell’articolo Assegno di mantenimento all’ex moglie: nuove regole, la Corte ha portato a compimento l’iter interpretativo varato qualche anno fa: un inter con cui ha messo alle strette il diritto ad ottenere, sempre e comunque, l’assegno di mantenimento solo per il fatto di avere un reddito più basso rispetto all’ex coniuge. A contare non è più la semplice sussistenza di una differenza economica tra i due ex coniugi, ma l’assenza di redditi o l’incapacità a procurarseli.

Come infatti avevamo già chiarito in Niente più assegno di mantenimento alla donna separata e Addio mantenimento all’ex moglie che può lavorare), la Corte dà peso anche ad altre circostanze come la possibilità di reimpiegarsi nel mondo del lavoro alla luce dell’età del richiedente (tanto più giovane, tanto più facilmente potrà trovare un’occupazione), della formazione scolastica, delle precedenti esperienze formative e/o lavorative. Detto in termini pratici, l’assegno di mantenimento resterà ad appannaggio ancora delle casalinghe che, per scelta condivisa da entrambi i coniugi, hanno rinunciato a una carriera per occuparsi del ménage familiare e consentire all’uomo di concentrarsi a tempo pieno nella propria attività professionale, imprenditoriale e/o lavorativa.

Senza contare che, oramai da qualche anno, è stato messo nero su bianco il principio secondo cui, nel momento in cui il coniuge beneficiario del mantenimento va a convivere stabilmente con un’altra persona, perde il diritto all’assegno.

Scritto da Gregorio

NEWS PRINCIPALI
Parcheggio senza BANCOMAT? Parcheggio GRATIS!
Parcheggio senza BANCOMAT? Parcheggio GRATIS!
(Bari)
-

Lo afferma una sentenza del giudice di pace. La soluzione per i comuni è adeguarsi o spingere sul pagamento attraverso lo smartphone
La notizia farà male a quei comuni che fanno cassa con multe e soste sulle...

DIRITTO  a morire...o DOVERE di uccidere? VIDEO
DIRITTO a morire...o DOVERE di uccidere? VIDEO
(Bari)
-

Tommaso Scandroglio critica la legge italiana sul testamento biologico che obbliga medici e infermieri a praticare l'eutanasia cioè, in pratica, a uccidere un innocente
La interessantissima 88° conferenza organizzata dal "Centro Culturale Amici del...

Se cammini il cellulare si blocca dopo 5 passi: ecco la NUOVA LEGGE IN COREA
Se cammini il cellulare si blocca dopo 5 passi: ecco la NUOVA LEGGE IN COREA
(Bari)
-

La Corea del Sud lancia un’app contro gli smartphone zombie: dopo 5 passi bloccherà il telefono
Il garante per le comunicazioni della Corea del Sud ha imposto l’uso...

Ennesimo REGALO agli italiani: super PATRIMONIALE per 'RESTARE' in UE
Ennesimo REGALO agli italiani: super PATRIMONIALE per 'RESTARE' in UE
(Bari)
-

NUOVA PATRIMONIALE IN ARRIVO - La Patrimoniale arriva in Aula accompagnata dalla contrarietà delle categorie sociali ed economiche – gli artigiani hanno già raccolto oltre 1.800 firme - delle associazioni dei consumatori e delle forze politiche di minoran
NUOVA PATRIMONIALE IN ARRIVO - La Patrimoniale arriva in Aula accompagnata dalla...

Genitore OFFENDE il docente? Deve pagare i DANNI
Genitore OFFENDE il docente? Deve pagare i DANNI
(Bari)
-

La Cassazione per la prima volta ha statuito che “quella virgola” debba stare dopo la parola docente e non dopo la parola “offende”, per cui ha riconosciuto il diritto al risarcimento danni per l’insegnante ingiustamente denigrato dai genitori.
La Cassazione per la prima volta ha statuito che “quella virgola” debba stare...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati