Stadio della Roma, cosa conoscere

(Roma)ore 18:05:00 del 28/02/2017 - Tipologia: , Ambiente, Politica

Stadio della Roma, cosa conoscere

L’incontro tra la sindaca Virginia Raggi, il vicesindaco Marcello De Vito, il costruttore Luca Parnasi e il direttore generale della squadra giallorossa Mauro Baldissoni, in rappresentanza del presidente James Pallotta, si è concluso con una stretta di ma.

Tra tutto e niente e' passato quello che era ampiamente prevedibile: la via di mezzo. Si chiama mediazione, si chiama politica. Nessuno ha vinto o perso niente. Se le cose saranno fatte bene la citta' avra' un moderno centro sportivo, stop. Sono tutto men che 5ss ma stavolta almeno una decisione e' stata presa, non ci sono stati i soliti pavidi furbetti del "noi no".

I consiglieri sono tecnici non sono il Movimento 5 Stelle. La Raggi ha rimediato benissimo ai danni ereditati da Marino che ha firmato un contratto milionario per fare uno stadio a rischio idrogeologico e senza norme di sicurezza. Milioni che se non si fosse deciso per fare lo stadio la giunta Raggi avrebbe perso ma non solo perche' avrebbe dovuto pagare altri milioni di risarcimento.

L’accordo è arrivato. Dopo le polemiche, le riunioni, gli appelli e le proteste dei tifosi. Lo stadio della Roma si farà, e sì farà a Tor di Valle. L’incontro tra la sindaca Virginia Raggi, il vicesindaco Marcello De Vito, il costruttore Luca Parnasi e il direttore generale della squadra giallorossa Mauro Baldissoni, in rappresentanza del presidente James Pallotta, si è concluso con una stretta di mano e un bagno di folla in piazza del Campidoglio.

L’intesa prevede un taglio superiore del 50% delle cubature previste dal progetto originario. Il rischio che il progetto si trasformasse in una “colata di cemento” preoccupava moltissimo la base del Movimento. Tanto che Beppe Grillo, arrivato a Roma per qualche giorno, aveva garantito che i problemi sarebbero stati risolti. Quasi tutti: perché l’accordo raggiunto ha spaccato la maggioranza M5S in Assemblea Capitolina.

“Si tratta in pratica di un nuovo progetto ecocompatibile ed ecosostenibile – dice Virginia Raggi al termine dell’incontro, al fianco di Mauro Baldissoni in piazza del Campidoglio – di un milione di cubature siamo scesi di oltre la metà”. Addirittura “il 60% in meno per la parte relativa al Business Park – ha spiegato la sindaca – abbiamo elevato gli standard di costruzione a classe A4, la più alta al mondo, metteremo in sicurezza il quartiere di Decima che non sarà piu soggetto ad allagamenti; realizzeremo una stazione nuova per la ferrovia Roma-Lido”. Ma non solo: “Via le torri, ci saranno edifici bassi rispettosi”. 

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
Non tagliateci i vitalizi. Gli ex Parlamentari scrivono a Fico e Casellati!
Non tagliateci i vitalizi. Gli ex Parlamentari scrivono a Fico e Casellati!
(Roma)
-

Gli ex parlamentari scrivono ai presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Casellati, per avviare un confronto sul tema dell’abolizione dei vitalizi, mettendo tuttavia in guardia i vertici delle istituzioni sul rischio incostituzionalità di
Gli ex parlamentari scrivono ai presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed...

Governo: come mai NESSUNO parla di EVASIONE?
Governo: come mai NESSUNO parla di EVASIONE?
(Roma)
-

Lega e 5 Stelle hanno vinto le elezioni anche grazie alle promesse sulla riduzione delle imposte. Molto meno arato è il tema di costirngere tutti a pagare quanto dovuto
I due “non vincitori” del 4 marzo, Salvini e Di Maio, hanno puntato la loro...

La grande foresta pluviale spazzata via da Nestle' e Unilever
La grande foresta pluviale spazzata via da Nestle' e Unilever
(Roma)
-

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.
All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta...

L'Aquila: scuole ricostruite dopo il terremoto? ZERO!
L'Aquila: scuole ricostruite dopo il terremoto? ZERO!
(Roma)
-

A quasi 9 anni la situazione è invariata, nessun edificio scolastico è stato ricostruito
I bambini nati dopo il 2007, a L’Aquila, potrebbero essere definiti la...

Addio Rondini: il clima ferma i migratori
Addio Rondini: il clima ferma i migratori
(Roma)
-

Il problema, oggi, è che la “memoria” delle rondini potrebbe non bastare più, da quando – a causa del surriscaldamento climatico – il Sahara ha preso ad avanzare anche verso Sud, estendendo in modo pericoloso l’habitat proibitivo del deserto
Vola sulle ali delle rondini il meraviglioso romanzo “Il viaggiatore notturno”,...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati