Siria: gli Stati Uniti continuano ad armare l’Isis!

CHIETI ore 11:30:00 del 27/02/2015 - Tipologia: Cronaca, Esteri, Sociale

Siria: gli Stati Uniti continuano ad armare l’Isis!

Siria: gli Stati Uniti continuano ad armare l’Isis! E’ giunto il momento che ci svegliamo tutti!.

“Come mai gli equipaggiamenti militari di fabbricazione statunitense sono arrivati nelle Mani dello Stato Islamico?” Il giorno dopo l’esecuzione dei 21 cristiani copti egiziani in Libia da parte dell’Isis, lo scorso Lunedì, vari network egiziani hanno diretto le loro attenzioni sugli equipaggiamenti militari di fabbricazione statunitense che utilizzano i componenti dello Stato Islamico.

Si tratta delle baionette che vengono utilizzate dai terroristi dell’ ISIS nel nuovo video in cui decapitano le loro 21 vittime cristiane. I siti egiziani si domandano come questo tipo di pugnali appartenenti all’Esercito statunitense come armi d’ordinanza, siano arrivati nelle mani dello Stato Islamico. Parallelamente il Movimento di Resistenza Islamica (Hezbollah) in Iraq ha pubblicato questo Lunedì immagini che mostrano un elicottero  da trasporto di carico pesante, modello Chinook, quindi di costruzione italo-americana, che fornisce armi all’ISIS nella provincia occidentale del Al-Anbar.

Nel corso degli ultimi mesi, in reiterate occasioni i media ed i funzionari siriani ed iracheni hanno denunciato e condannato il sostegno che gli Stati Uniti "continuano ad offrire in segreto" all’ISIS. Che gli USA abbiano creato, addestrato e finanziato l'ISIS è cosa risaputa, ma se dovessero essere verificate e confermate queste ultime accuse le ultime briciole di serietà rimaste agli USA e ai loro alleati verrebbero definitivamente spazzate via.Nel frattempo riportiamo le ultime dichiarazioni rilasciate dall’ex agente della CIA Steven Kelley , il quale  ha riferito, nel corso di una intervista rilasciata a Press TV che "l’ISIS è un nemico totalmente creato e finanziato dagli Stati Uniti".  Dichiarazioni che si aggiungono a quelle dell'ex segretario di stato Hillary Clinton: "L’Isis è roba nostra, ma ci è sfuggita di mano".

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
Come distruggiamo la MENTE dei nostri figli...continuamente
Come distruggiamo la MENTE dei nostri figli...continuamente

-

Troppo spesso i genitori mi portano i loro figli emotivamente avviliti, psicologicamente affranti, demotivati e senza più la minima autostima di se stessi
Figli svogliati e disattenti. Sette mesi prima di morire, il famoso psichiatra...

Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'
Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'

-

Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte europea per una serie di infrazioni di tipo ambientale: la questione degli olivi e della Xylella, l’inquinamento da pm10 e la gestione dei rifiuti radioattivi.
Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte...

GENOCIDIO in Congo, 6 milioni di morti: NESSUNO ne parla, a NESSUNO interessa
GENOCIDIO in Congo, 6 milioni di morti: NESSUNO ne parla, a NESSUNO interessa

-

Congo: Un genocidio è in corso, più di 6 milioni di persone (la metà sono bambini sotto i 5 anni!). Sono stati massacrati tra l’indifferenza generale e con il sostegno degli Stati Uniti e dell’Europa!
Centinaia di migliaia di donne e bambine sono state violentate e mutilate dagli...

200.000 morti l'anno a causa dei pesticidi nel cibo
200.000 morti l'anno a causa dei pesticidi nel cibo

-

I pesticidi utilizzati per aumentare la produzione agricola per una popolazione in crescita a discapito della salute della stessa, causano 200.000 morti l’anno.
Lo sostiene un rapporto dei relatori speciali dell’Onu per il diritto al cibo,...

LA SVEZIA VIETA LE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE
LA SVEZIA VIETA LE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE

-

Il 10 maggio il Parlamento svedese ha respinto 7 proposte che avrebbero promosso le vaccinazioni obbligatorie.
Il 10 maggio il Parlamento svedese ha respinto 7 proposte che avrebbero promosso...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati