Sebastién Loeb Rally EVO, recensione del game

TRIESTE ore 16:41:00 del 05/02/2016 - Tipologia: Videogames - Sebastien Loeb Rally EVO

Sebastién Loeb Rally EVO, recensione del game

Intersecate tutto questo con le oltre cento auto e i 300 km di strade percorribili, ed otterrete un quadro più completo della vastità di Sebastién Loeb Rally EVO: la modalità carriera può impegnare per decine e decine di ore, e offre quella varietà suffic.

L’aspetto che immediatamente salta all’occhio del giocatore di Sebastién Loeb Rally EVO si riscontra nella enorme varietà dei contenuti. Vi è una corposa modalità carriera, costiutita da eventi ben diversificati che coprono diverse discipline, e che richiedono un’inevitabile progressione attraverso il consueto meccanismo che ci costringe a svolgere alcune gare per principianti al fine di ottenere crediti da spendere in un veicolo di classe differente. Si tratta della stessa idea messa in campo dai vari Forza Motorsport, Gran Turismo e affini, che Milestone ha saputo coniugare meravigliosamente bene con il mondo del rally, alternando gare singole, rally completi, rally cross e gare hillclimb.

Ci era mancato il rally targato Milestone. Perché, dopo il passaggio del marchio WRC in altre Mani e i risultati non proprio incoraggianti dell’ultimo, recente episodio, l’unica alternativa valida ai giochi made in Milano è nelle mani di Codemasters, un punto di riferimento storico del genere. Così, per riproporre questo meraviglioso sport, Milestone ha pensato bene di puntare in alto, e ottenere il nome e la consulenza del più grande campione di rally che il pianeta Terra abbia mai avuto modo di accogliere: Sebastién Loeb. Non perderemo tempo nel raccontarvi la biografia di Loeb, limitandoci a dire che - con ogni probabilità - occorreranno parecchi lustri prima di poter ritrovare nel mondo un uomo capace di vincere così tanto, e di fare sembrare facili delle vere e proprie magie sulle tortuose e polverose strade del mondiale.

Infine, non si può fare finta di nulla e chiudere entrambi gli occhi di fronte al reparto tecnico del gioco: su PC, a fronte di un’ottimizzazione molto buona e di un frame rate che supera di gran lunga i 60fps a 1080p sulla nostra GTX 980, il gioco è certamente penalizzato da un motore grafico vetusto. La realizzazione degli ambienti - nonostante l’utilizzo di mappe satellitari che hanno permesso un realismo dei percorsi molto elevato - non è certo entusiasmante, con il bordo-pista caratterizzato dalla reiterazione degli stessi modelli tridimensionali, talvolta collocati in posizioni sfortunate. Milestone si sta preparando a cambiare motore per i prossimi giochi, ma per il momento dobbiamo accontentarci.

Ciononostante, Milestone sembra avere compiuto dei passi nella direzione giusta rispetto a quanto visto in WRC: pur non riuscendo a raggiungere i livelli simulativi dell’agguerrita concorrenza di Codemasters, il gioco è sensibilmente migliore dei precedenti giochi rallystici di Milestone e anni luce avanti al recente WRC 5 pubblicato da Bigben Interactive.

Non poteva mancare la modalità gara rapida, divisa in gare singole, rally completi, Pikes Peak e gare a cronometro, che consentono di scendere subito in pista con una delle auto sbloccate, acquistate o noleggiate per l’occasione.

Un gioco ricchissimo

Abbiamo avuto il piacere di partecipare all’evento di lancio di Sebastién Loeb Rally EVO presso lo showroom di Peugeot a Parigi, dedicandoci al gioco nei giorni successivi, scoprendo un gioco ricco di contenuti che, tuttavia, non hanno completamente sopperito ad alcuni problemi tecnici. Ma procediamo con ordine.

Intersecate tutto questo con le oltre cento auto e i 300 km di strade percorribili, ed otterrete un quadro più completo della vastità di Sebastién Loeb Rally EVO: la modalità carriera può impegnare per decine e decine di ore, e offre quella varietà sufficiente a mantenere il giocatore attento e attivo per molto tempo.

A fronte di una varietà e vastità dei contenuti semplicemente encomiabile, vi sono alcuni dubbi sulla gestione della fisica, per l’occasione supervisionata da Loeb in persona. Sui terreni meno tecnici le gomme sembrano rispondere molto bene e, di fronte a un errore, si manifestano con evidenza i motivi per cui il pilota ha perso il controllo. Su terreni più complessi quali i fondi polverosi e la neve, però, le cose sembrano andare in maniera drammaticamente diversa: si innesca, infatti, quell’effetto hovercraft per cui l’auto sembra perdere di peso e galleggiare sulla strada, impedendoci di capire le reazioni del veicolo e reagire di conseguenza. Il problema è parzialmente superato dall’ottima implementazione del force feedback, ma per chi gioca con un volante privo di questa funzione o - peggio - su di un gamepad, le cose si fanno davvero complesse e le correzioni in controsterzo diventano estremamente difficili da calibrare.

Vi è poi una modalità espressamente dedicata alla figura del campione alsaziano, che ripercorre le fasi salienti della sua carriera e consente di sbloccare le auto con cui Loeb è si è guadagnato il soprannome di marziano del rally. Dagli esordi a bordo delle Peugeot e Citroën‎, fino agli anni in cui Loeb si è affermato come il più grande campione di sempre, questa particolare modalità, per la verità, non è che una variazione sul tema della modalità carriera, e - pur funzionando bene - non aggiunge nulla di realmente appetibile al giocatore medio. Ma, per i fan di Loeb, si tratta di una modalità che omaggia il campione facendoci rivivere la sua vita sportiva.

Salite e discese

Completa il tutto la modalità online che, tuttavia, non abbiamo potuto testare in tempo per la recensione e che ci ripromettiamo di provare nel corso dei prossimi giorni.

Nella modalità rally cross, invece, si mettono in evidenza altre lacune del gioco difficili da decifrare nei rally classici: la fisica delle collisioni, ad esempio, è mal calcolata e le auto sembrano comportarsi in maniera innaturale dopo un piccolo contatto a velocità certo non sostenute. Altri problemi, inoltre, sull’intelligenza artificiale, con avversari sconsiderati ai livelli di difficoltà elevati e troppo mosci già a livello medio. Vi è, inoltre, un importante scalino tra il livello di difficoltà medio e il livello di difficoltà subito superiore, che impedisce al giocatore di aumentare il livello di sfida quel tanto che basta da rendere l’esperienza più complessa, ma non frustrante. Molto buona, invece, la riorganizzazione delle pacenote, gli appunti letti dal navigatore durante la corsa: sono state anticipate e vengono annunciate in gruppo, in maniera infinitamente più realistica di qualunque altro gioco di rally disponibile sul mercato, ma che potrebbero spiazzare il giocatore abituato alle letture “meccaniche” degli appunti viste negli altri videogiochi di questo genere.

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
The Division 2: cosa conoscere
The Division 2: cosa conoscere

-

Dovremo quindi ristabilire l’ordine della capitale, messo in ulteriore subbuglio da voci su un possibile colpo di Stato imminente.
  Partiamo subito dall’ambientazione di The Division 2, che da New York passa a...

Tales of Vesperia Definitive Edition: cosa sapere
Tales of Vesperia Definitive Edition: cosa sapere

-

Considerando che la versione originaria del gioco era un’esclusiva per la console Microsoft di scorsa generazione, nell’estremo tentativo del colosso di Redmond di ingraziarsi i fan dei giochi di ruolo di matrice nipponica, la pubblicazione multipiattafor
  Sì, lo sappiamo cosa state pensando: “un’altra edizione definitiva”, “hanno...

Hearthstone La Sfida di Rastakhan: guida passo passo
Hearthstone La Sfida di Rastakhan: guida passo passo

-

Si è fatta attendere quasi tre settimane, ma la modalità Avventura per giocatore singolo de La Sfida di Rastakhan rappresenta, probabilmente, il lato migliore dell’espansione, senza nulla togliere alle carte più efficaci tra le 135 proposte.
  Inutile nasconderlo: quello appena passato è stato un anno difficile...

Anthem: cosa conoscere
Anthem: cosa conoscere

-

Peccato che prima che il lavoro fosse finito, queste entità sono misteriosamente scomparse e hanno lasciato sul pianeta gli artefatti che stavano utilizzando per portare a termine il loro lavoro.
  Intanto Anthem viene presentato come un action RPG perennemente connesso...

Tsioque: provato
Tsioque: provato

-

Diciamo subito che la storia svolge bene il suo compito e, anzi, nella parte finale regala un discreto colpo di scena, che culmina in un finale vagamente inaspettato.
  I più attenti di voi ricorderanno forse Tormentum: Dark Sorrow, piacevole...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati