Scuola ultime news: smartphone vietati, ecco una nuova tecnologia

CROTONE ore 15:33:00 del 25/04/2015 - Tipologia: Esteri, Tecnologia - Scuola

Scuola ultime news: smartphone vietati, ecco una nuova tecnologia

Scuola ultime news: smartphone vietati, ecco una nuova tecnologia. Probabilmente sarà il preside più odiato e allo stesso tempo più amato d’Italia.

Probabilmente sarà il preside più odiato e allo stesso tempo più amato d’Italia. A seconda se questa storia la si guarda dalla prospettiva degli studenti o dei genitori. Stefan Keim, preside di una scuola del Trentino Alto Adige, si è trasformato in una sorta di Acchiappa-Smartphone. Come scrive Skuola.net, ha applicato in Maniera davvero determinata una direttiva dell’Intendenza scolastica dell’Alto Adige che proibisce l’uso dei cellulari a scuola. Si è infatti messo a girare nei corridoi e nelle classi con un rilevatore di onde ad alta frequenza che segnala i cellulari accesi. "L’avevo comprato quando è nata la mia prima figlia - dice a Repubblica - per vedere se in casa ci fossero onde magnetiche pericolose”. E le punizioni sono severe: per chi viene colto due volte con il telefono in mano, sono previste note sul registro. Alla terza c’è la sospensione.

Ma perché oggi i ragazzi sono diventati così dipendenti dagli smartphone? “Il problema principale è che devi essere sempre in rete – dice Keim - devi essere pronto a rispondere immediatamente a qualsiasi messaggio, anche se è solo un ‘ciao’. Soltanto così sei accettato dal gruppo virtuale e non ti senti escluso. Per questo ho deciso di intervenire, non solo con i divieti ma cercando il consenso”. Keim avrebbe voluto questa Politica sin dal primo giorno di scuola, “ma non era pronto l’armadio chiesto al Comune, dove pensavamo di mettere in deposito i cellulari, una cassetta per classe. Abbiamo iniziato ai primi di novembre e ci sono stati problemi. Per ritirare 187 cellulari servono molti minuti e gli alunni rischiavano di perdere l’autobus. E così abbiamo detto: lasciate i cellulari a casa. Se proprio non potete, metteteli nell’armadio. Terza soluzione: portateli in classe ma spenti e nascosti nello zainetto. Se sono visibili, scatta la sanzione”.

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
La Francia si MANGIA l'Africa: il bilancio dell'ORRORE
La Francia si MANGIA l'Africa: il bilancio dell'ORRORE

-

Sapevate che molti paesi africani continuano a pagare una tassa coloniale alla Francia dalla loro indipendenza fino ad oggi?
Sapevate che molti paesi africani continuano a pagare una tassa coloniale alla...

I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)
I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)

-

Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo sovrano vale mille miliardi, Altro che debito pubblico! Il segreto del loro successo.
Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo...

OnePlus 6T: prezzo e data di uscita
OnePlus 6T: prezzo e data di uscita

-

Il OnePlus 6T sarà presentato entro la fine di novembre: a bordo troveremo lo Snapdragon 845, 8GB di RAM e 128GB di memoria interna. Novità per la fotocamera
Neanche il tempo di godersi il successo ottenuto con il OnePlus 6 (lo smartphone...

Google Glass ritornano in una nuova versione!
Google Glass ritornano in una nuova versione!

-

Google ci riprova e presenta sul mercato una nuova versione dei Google Glass: sembrano quelli di prima, ma promettono di essere più intelligenti e, soprattutto, si rivolgono a un nuovo pubblico.
A volte ritornano e stavolta tocca ai Google Glass. Ve li ricordate? Gli...

L'economia TRUMP VOLA: lavoro per tutti!
L'economia TRUMP VOLA: lavoro per tutti!

-

Ci sono momenti dove il cronista deve tacere a far parlare solo i fatti. E questi fatti sono immensi, gridano vendetta per noi cittadini ridotti da un sistema monetario infame a viver da topi nel perenne terrore delle ire e delle scudisciate del Padrone a
Ci sono momenti dove il cronista deve tacere a far parlare solo i fatti. E...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati