Recensione anteprima Astrobot Rescue Mission

(Genova)ore 12:39:00 del 05/09/2018 - Tipologia: , Videogames

Recensione anteprima Astrobot Rescue Mission

Questa basilare premessa narrativa ha dato modo agli sviluppatori di sbizzarrirsi in quanto ad ambientazioni: nel corso della nostra prova abbiamo potuto affrontare livelli ambientati in moderne città, correndo su pericolanti lastre di metallo, in rigogli.

 

Seppure in sordina, anche Playstation VR è stato protagonista di questa Gamescom 2018: al booth Sony era possibile provare, infatti, alcuni dei titoli che andranno a segnare il futuro di questa periferica nel corso di quest'anno ed oltre. Di questi, però, soltanto uno è riuscito a conquistare il nostro cuore: stiamo parlando di Astrobot: Rescue Mission, il platform in VR che sembra avere tutte le carte in regola per classificarsi tra i migliori titoli disponibili per il visore targato Sony.

Il ritorno di Astro

Se il protagonista di questa nuova avventura, di nome Astro, vi ricorda qualcosa, avete sicuramente ragione. Lo avevamo già visto in The Playroom, dove accompagnava il giocatore nei diversi minigiochi disponibili, anche in VR. Adesso, però, questo buffo robottino è finalmente protagonista di un'avventura tutta sua: sarà infatti vestendo i suoi panni che dovremo cercare di salvare l'equipaggio della nostra astronave, disperso su ben cinque diversi pianeti.

Questa basilare premessa narrativa ha dato modo agli sviluppatori di sbizzarrirsi in quanto ad ambientazioni: nel corso della nostra prova abbiamo potuto affrontare livelli ambientati in moderne città, correndo su pericolanti lastre di metallo, in rigogliosi giardini, finendo anche su un grattacielo per affrontare un probabile parente di King Kong (su questo torneremo in seguito). Insomma, la varietà non manca in questo Astrobot: Rescue Mission. Graficamente, il titolo è decisamente accattivante, grazie ad un'irresistibile direzione artistica e all'assenza dei problemi che fin troppo spesso hanno fatto da sfondo ai titoli Playstation VR. Non solo: nonostante i molti spostamenti di telecamera avvenuti durante i livelli, non abbiamo avvertito alcun accenno di motion-sickness. Quando ci siamo tolti il visore, avendo terminato i livelli della nostra prova, avevamo solamente voglia di tuffarci di nuovo nelle avventure di Astro: un obiettivo non semplice da centrare viste le problematiche che questa tecnologia, ancora ai suoi albori, ha presentato e continua a presentare fin troppo spesso.

Un robottino a spasso per l'universo

Come già annunciato dal creative director di Japan StudioAstrobot: Rescue Missionpotrà contare su 26 livelli. In ciascuno di essi avremo diversi obiettivi: il primo sarà quello di raggiungere la fine del livello, semplicemente. Per farlo dovremo attraversare piattaforme, calibrando con attenzione i nostri salti, e sconfiggere gli eventuali nemici che si pareranno sul nostro cammino. Sono presenti anche piccoli enigmi ambientali, che talvolta dovranno essere risolti per proseguire nel livello. Per completare davvero il livello, però, dovremo anche trovare tutti i nostri compagni dispersi al suo interno, spesso ben nascosti, e raccogliere le diverse monete sparse lungo tutto il percorso. I comandi di Astro sono affidati al classico Dualshock 4, di cui viene saltuariamente utilizzato anche il sensore di movimento, come quando abbiamo ottenuto un rampino da utilizzare per agganciare oggetti lontani.

Abbiamo anche avuto modo di giocare una boss fight contro un gigantesco scimmione, sul tetto di un grattacielo: una lotta tanto semplice quanto divertente nella sua esecuzione, che prevedeva di staccare i denti del povero primate utilizzando il rampino ottenuto poco prima. Fino a qui, tutto nella norma: si tratta di elementi basilari di un platform che, per quanto ben realizzati, non stupiscono affatto. La carta vincente di Astrobot sta nella tecnologia che utilizza: Japan Studio ha fatto di Playstation VR il cardine di questa avventura, senza limitarsi ad utilizzarlo come fattore di immersione. Nel gioco dovremo costantemente guardarci intorno, sporgerci oltre i muri, ruotare la testa per vedere parti del livello altrimenti nascoste: in poche parole, il giocatore avrà una parte attiva all'interno del gioco, esplorando ogni livello insieme ad Astro. La soddisfazione che si prova nello scovare un passaggio segreto, con al suo interno un compagno diverso, è davvero grande, al punto che non si riuscirebbe ad immaginare il gioco senza Playstation VR. Gli amanti dei platform che possiedono la piattaforma si troveranno di fronte ad un platform con tutti i crismi, con il valore aggiunto di essere uno di quei pochi titoli che hanno saputo davvero utilizzare questa tecnologia. Ci sono però dei dubbi che rimangono: innanzitutto, la difficoltà ci è apparsa troppo calibrata verso il basso. Non sappiamo se le cose cambieranno nei livelli più avanzati, ma nel corso della nostra prova non abbiamo avuto particolari problemi nel terminare i livelli, scovando peraltro la maggior parte dei segreti. Il secondo, grande dubbio è collegato al primo: ventisei livelli, considerata la durata non elevata di quelli da noi provati, potrebbero finire troppo presto. Staremo a vedere: sicuramente, Astrobot: Rescue Mission è uno dei titoli che tutti i possessori di Playstation VR dovrebbero tenere d'occhio.

Da: QUI

 

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
Judgment: cosa conoscere
Judgment: cosa conoscere
(Genova)
-

Da quello che abbiamo potuto vedere finora, dopo esserci lasciati alle spalle i primi due capitoli della storia principale, Judgment ha molto in comune con la saga madre, ma anche elementi sufficientemente differenti per potersi ritagliare una sua dignità
  JUDGMENT RECENSIONE - Quando il team Ryu ga Gotoku Studio responsabile della...

Assetto Corsa Competizione: recensione
Assetto Corsa Competizione: recensione
(Genova)
-

RECENSIONE ASSETTO CORSA COMPETIZIONE - Assetto Corsa Competizione rappresenta una sfida davvero impegnativa per Kunos Simulazioni.
RECENSIONE ASSETTO CORSA COMPETIZIONE - Assetto Corsa Competizione rappresenta...

Outer Wilds: guida passo passo
Outer Wilds: guida passo passo
(Genova)
-

Una volta scesi a patti con l’idea stessa di collasso e, per quanto possa essere spiacevole, quando ci si abitua anche alla prigione salvifica del loop temporale, si accetta la supernova come elemento scenografico catartico, e non nascondo di essermi godu
  OUTER WILDS - Outer Wilds è un’esclusiva console Xbox One, di questi tempi...

Giochi per ragazze android migliori
Giochi per ragazze android migliori
(Genova)
-

GIOCHI PER RAGAZZE ANDROID - Decine di applicazioni nascono ogni giorno suoi dispositivi mobili e sempre più ci ritroviamo a non sapere qual è quella giusta e che possa fare al nostro caso.
GIOCHI PER RAGAZZE ANDROID - Decine di applicazioni nascono ogni giorno suoi...

The Elder Scrolls Online Elsweyr: cosa sapere
The Elder Scrolls Online Elsweyr: cosa sapere
(Genova)
-

La particolarità rispetto ad altre incarnazioni del necromante è che i non morti evocati sono più simili ad una magia piuttosto che a un pet: conta molto la posizione in cui vengono evocati, la vita media è molto bassa e non è richiesto di mantenerli in v
  THE ELDER SCROLLS ONLINE ELSWEYR RECENSIONE - Per chi no lo ricordasse, TES:...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati