Preparazione Pasta con calamari e tuorlo sodo

GORIZIA ore 10:43:00 del 09/03/2016 - Tipologia: Cucina - Pasta con calamari e tuorlo sodo

Preparazione Pasta con calamari e tuorlo sodo

Un piatto perfetto per ogni occasione, per sfoderare le vostre abilità culinarie in una ricetta che sprigiona tanti buoni sapori, impreziosita da briciole di tuorlo sodo: un tocco accattivante e originale che rievoca il colore dei piccoli grappoli di mimo.

Una volta pronte, tenetele da parte(13); dedicatevi ai pomodorini: tagliateli a metà (14). Tritate grossolanamente con un coltello le nocciole (15).

Pasta con calamari e tuorlo sodo

separate gli albumi dai tuorli sodi (4-5) e setacciate questi ultimi in un colino aiutandovi con un cucchiaino o una forchetta (6)

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Per preparare la pasta con calamari e tuorlo sodo cominciate dalla cottura delle uova sode. Riempite un pentolino con abbondante acqua fredda, immergeteci le uova (1). Dal momento del bollore, contate circa 9 minuti (dipende anche dalla grandezza delle uova, noi abbiamo usato uova medie), il tempo sufficiente per cuocerle. Poi spegnete la fiamma, passate il pentolino sotto acqua fresca corrente per raffreddarle e sgusciatele (2). Incidete con un coltellino l’albume (3),

 Bavette 320 g Calamari 250 g Olio di oliva extravergine 30 g Pomodori ciliegini 300 g Uova 2 medie per un totale di 120 g Vino bianco 30 g Nocciole sgusciate 40 g Aglio 2 spicchi Basilico 3 foglie Sale q.b. Pepe q.b.

lasciate insaporire, poi eliminate l’aglio (19) e aggiungete le listarelle di calamaro (20). Sfumate con il vino bianco (21), lasciate cuocere 1-2 minuti

poi aggiungete i pomodorini (22) mescolate (23), salate e pepate e fate cuocere per circa 10 minuti, Intanto in una pentola dai bordi alti portate al bollore l’acqua salata e cuocete le bavette per circa 8 minuti (24).

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Versate le nocciole tritate in una padella (16) e tostatele a fuoco moderato per qualche minuto (17). Tenete da parte le nocciole tostate e nella stessa padella scaldate l’olio di oliva con gli spicchi di aglio interi (18),

Asciugate con un panno di carta il calamaro (11) e tagliatelo nel senso della lunghezza per dividerlo in due parti (11) poi riducetelo a listarelle sottili (12-13)

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Ingredienti

Preparazione

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Consiglio

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Pasta con calamari e tuorlo sodo

spegnete il fuoco e unitelo alla pasta (28) per dare profumo al piatto. Mescolate e impiattate, quindi servite guarnendo ciascun piatto con il tuorlo sbriciolato (29). La pasta con calamari e tuorlo sodo è pronta per essere gustata (30)!

Scolate la pasta al dente direttamente nella padella con il condimento (25), mescolate poi unite le nocciole tostate (26); infine tritate il basilico fresco (27)

Pasta, amore e fantasia! Non stiamo per presentarvi una nuova commedia all’italiana sulla scia di uno dei più grandi classici della nostra storia del cinema ma è l’ispirazione per il primo piatto che vogliamo proporvi oggi: pasta con calamari e tuorlo sodo! Un incontro magico di ingredienti e profumi che vi incanterà al primo assaggio. Sinuose bavette avvolgono un succulento sugo di calamari profumato al basilico e insaporito con dolci pomodorini e nocciole croccanti. Un piatto perfetto per ogni occasione, per sfoderare le vostre abilità culinarie in una ricetta che sprigiona tanti buoni sapori, impreziosita da briciole di tuorlo sodo: un tocco accattivante e originale che rievoca il colore dei piccoli grappoli di mimosa. La pasta con calamari e tuorlo sodo è un trionfo di colori che rallegrerà la vostra tavola con gusto!

Una volta raccolto il tuorlo per la pasta con calamari e tuorlo sodo, non buttate via l’albume sodo! Tagliatelo a cubetti e arricchite una fresca insalata mista, risulterà più sostanziosa e saporita!

Pasta con calamari e tuorlo sodo

Si consiglia di consumare subito la pasta con calamari e tuorlo sodo, se dovesse avanzare potete conservarla in frigorifero per un giorno al massimo in un contenitore ermetico.  Si sconsiglia la congelazione.

così da ottenere delle briciole che potrete tenere da parte in una ciotolina (7). Passate alla pulizia del calamaro (noi abbiamo usato un grosso calamaro ma voi potete usare dei calamari più piccoli, raggiungendo il peso indicato). Sciacquate il calamaro sotto l’acqua corrente , poi con le Mani staccate delicatamente la testa dal mantello, estraete le interiora (8). Eliminate la pelle esterna: incidete con un coltellino la parte finale del mantello, quel tanto che basta per prendere un lembo della pelle e tirate via completamente il rivestimento con le mani (9).

Conservazione

Scritto da Carla

NEWS PRINCIPALI
Torta salata agli spinaci: guida
Torta salata agli spinaci: guida

-

Una volta che avrete ottenuto un impasto uniforme (4), trasferitelo sulla spianatoia e formate un panetto (5).
  Da sempre amiamo le torte salate per la loro versatilità e la semplicità di...

Yakitori roll: guida
Yakitori roll: guida

-

Trasferite il pollo in una pirofila e condite con olio (3), salsa di soia (4), aceto di riso (5), la salsa tabasco (6), miele (7) e scorza di lime (8), mescolate bene il tutto e coprite con pellicola (9).
  Gli amanti della cucina asiatica conosceranno sicuramente sia gli spiedini...

Saccottini salati: come fare
Saccottini salati: come fare

-

È possibile farcire i saccottini anche con diversi formaggi stagionati e salumi.
  Con l'impasto dei croissant salati si possono realizzare tantissimi...

Puccia salentina alle olive: come fare
Puccia salentina alle olive: come fare

-

Per l'impasto, se preferite addentare la puccia senza pensieri, potete scegliere le olive denocciolate!
  Il perché del nome puccia? Pare derivi dal latino “buccellatum”, il pane...

Come fare la Crema di porri e castagne
Come fare la Crema di porri e castagne

-

Per ottenere un composto più gustoso provate a cuocere la crema di porri e castagne con un brodo vegetale leggero.
  Immaginate di scaldare le vostre mani cingendo una ciotola fumante di...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati