Per LEGGE, liberi di MORIRE in una sanita' da TERZO MONDO

(Avellino)ore 14:09:00 del 26/12/2017 - Tipologia: , Denunce, Nuove Leggi, Salute

Per LEGGE, liberi di MORIRE in una sanita' da TERZO MONDO

Come rileva “La Verità”, riservano brutte sorprese i dati più recenti sulla spesa pubblica sanitaria italiana comparata con la media dei paesi occidentali..

La sanità allo sfascio non riesce più a curare gli italiani, ma in compenso li aiuterà a morire: senza per questo contestare l’introduzione della norma sul “fine vita”, fa riflettere che i suoi promotori non aprano bocca per denunciare lo stato comatoso dell’assistenza sanitaria, flagellata dai tagli imposti dal regime di austerity introdotto da Bruxelles.

«Come sapete la settimana scorsa è stata approvata la legge sul Dat, cioè sul testamento biologico che dovrebbe regolare il fine vita», scrive Fabio Lugano su “Scenari Economici”. «Un bel po’ di gente a celebrare, la Bonino che piangeva, e altri marpioni ad occupare la Tv. Per me, personalmente, è stata una notizia piuttosto triste: avrei preferito mille volte veder affermata un po’ più di vita, con una cura in più, una nascita in più, che questa triste affermazione della morte». Purtroppo, aggiunge Lugano, in Italia ormai «siamo a un livello di disorientamento e di disperazione tale che l’assassino, non il salvatore, è l’eroe, così come l’ignorante è il ministro dell’istruzione o il distruttore è ministro dell’economia». Tutto è ribaltato. E, mentre i poveri sono diventati 10 milioni e mezzo – quota record nell’Unione Europea – i livelli di assistenza stanno scivolando verso quelli dell’Est Europa.

Come rileva “La Verità”, riservano brutte sorprese i dati più recenti sulla spesa pubblica sanitaria italiana comparata con la media dei paesi occidentali. A furia di essere “efficienti” e “austeri”, sintetizza Lugano, «stiamo abbandonando i paesi avanzati Emma Bonino in lacrimeper avvicinarci alla spesa pubblica dei paesi dell’Est Europa, parte del vecchio blocco sovietico, sia come spesa in generale sia come spesa a carico dello Stato». Ormai, insiste “Scenari Economici”, stiamo lasciando il welfare State occidentale per muoverci verso quello dei paesi dove la garanzia è inferiore. «Ricordo che ho avuto discussioni durissime con un governatore regionale italiano mostrandogli, dati alla mano, quanto ad esempio i posti letto ospedalieri per 100 mila abitanti in Italia fossero ormai molto inferiori a quelli tedeschi e francesi». Ma non è stato utile, ammette Lugano: non ci sono piani (né soldi) per sperare di poter invertire la rotta. Da quell’orecchio, la politica non ci sente: sa che “non può” spendere, e non si ribella alla dottrina del rigore imposta dall’ordoliberismo finto-europeista.

In più, a pesare sono anche i forti disequilibri lungo la penisola: «L’Italia ha la non invidiabile caratteristica di presentare un’incredibile differenza di spesa sanitaria pro capite da regione a regione: in Trentino la spesa sanitaria pro capite è pari a 805 euro a persona, mentre in Campania è pari a 326 euro, per cui non appare così strano che i pronto soccorso esplodano e la gente sia curata per terra». Sarebbe interessante conoscere il parere del governatore Vincenzo De Luca su questi dati, «ma non vorremmo disturbarlo solo per la salute dei suoi concittadini», conclude Lugano, sarcastico. Parlano i numeri, purtroppo: «La spesa pubblica in sanità nel 2017 è stata pari al 6,7% del totale, ma scenderà ancora al 6,4% da qui al 2020. Quindi, che senso ha parlare di vita, di cure, quando si può scegliere di morire?».

Da: QUI

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'
Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'
(Avellino)
-

Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte europea per una serie di infrazioni di tipo ambientale: la questione degli olivi e della Xylella, l’inquinamento da pm10 e la gestione dei rifiuti radioattivi.
Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte...

GENOCIDIO in Congo, 6 milioni di morti: NESSUNO ne parla, a NESSUNO interessa
GENOCIDIO in Congo, 6 milioni di morti: NESSUNO ne parla, a NESSUNO interessa
(Avellino)
-

Congo: Un genocidio è in corso, più di 6 milioni di persone (la metà sono bambini sotto i 5 anni!). Sono stati massacrati tra l’indifferenza generale e con il sostegno degli Stati Uniti e dell’Europa!
Centinaia di migliaia di donne e bambine sono state violentate e mutilate dagli...

Giorgio Napolitano non molla i PRIVILEGI: 880 000 Euro di PENSIONE l'anno
Giorgio Napolitano non molla i PRIVILEGI: 880 000 Euro di PENSIONE l'anno
(Avellino)
-

Napolitano, pensione dorata: chauffeur, maggiordomo. E ufficio da 100 mq
Napolitano, pensione dorata: chauffeur, maggiordomo. E ufficio da 100...

200.000 morti l'anno a causa dei pesticidi nel cibo
200.000 morti l'anno a causa dei pesticidi nel cibo
(Avellino)
-

I pesticidi utilizzati per aumentare la produzione agricola per una popolazione in crescita a discapito della salute della stessa, causano 200.000 morti l’anno.
Lo sostiene un rapporto dei relatori speciali dell’Onu per il diritto al cibo,...

Marco Rizzo: 'LEGA, PD E 5 STELLE SERVI DEL POTERE'! Video
Marco Rizzo: 'LEGA, PD E 5 STELLE SERVI DEL POTERE'! Video
(Avellino)
-

Marco Rizzo: «Leghisti, piddini e grillini pari sono: tutti servi del capitale»… Parola di comunista – di Orlando Trinchi
Marco Rizzo: «Leghisti, piddini e grillini pari sono: tutti servi del capitale»…...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati