Paghi in ritardo le bollette? Da quest'anno ti costera' CARO!

(Firenze)ore 18:18:00 del 18/01/2018 - Tipologia: , Denunce, Economia

Paghi in ritardo le bollette? Da quest'anno ti costera' CARO!

Con la liberalizzazione del mercato dell’energia, è stato consentito ai gestori di proporre modifiche unilaterali del contratto; il cliente che riceve tale proposta, ha la possibilità di valutare le nuove condizioni e rifiutare la variazione per iscritto .

Caro Salvagente, mi è arrivata una proposta di modifica unilaterale dell’Enel a mio giudizio vessatoria e ingiustificata. Tanto per fare un paio di esempio, stabiliscono per ogni sollecito di pagamento 2,44 euro,  e addirittura 28 euro,  per le diffide, non so su quali basi. Si puo’ fare qualcosa?

Giuliano Capecelatro

Caro Giuliano, non è l’unico lettore a lamentare questa comunicazione da parte dell’Enel. Che fare? ci chiede. Ben poco, a quanto ci risulta, ma abbiamo voluto girare la sua domanda a Valentina Masciari, responsabile utenze di Konsumer Italia. Ecco cosa ci ha risposto.

Si tratta di un tipico caso di modifica unilaterale del contratto, decisa dall’operatore senza alcun tipo di contrattazione con l’utente.

Con la liberalizzazione del mercato dell’energia, è stato consentito ai gestori di proporre modifiche unilaterali del contratto; il cliente che riceve tale proposta, ha la possibilità di valutare le nuove condizioni e rifiutare la variazione per iscritto per non incorrere nel tacito assenso; se infatti non rifiuta la proposta per iscritto, essa si intende tacitamente accettata. L’Autorità, a garanzia del consumatore, ha previsto che le variazioni contrattuali devono essere  comunicate sempre per iscritto  all’utente 3 mesi prima dell’attuazione della variazione stessa e il conteggio va effettuato dal primo giorno del mese successivo a quello in cui il cliente riceve la comunicazione. La comunicazione va fatta con lettera apposita, non in fattura e  deve contenere come oggetto “Proposta di modifica unilaterale del contratto” .

La comunicazione, deve indicare poi,  tutte le variazione e le modifiche che si apporteranno al contratto in essere, quali:

le modifiche proposte

i contenuti e gli effetti della variazione

la decorrenza della variazione, ossia da quando avviene la modifica

le modalità per la comunicazione del recesso da parte del cliente (30 giorni di tempo per comunicare le sue decisioni)

La comunicazione di variazione unilaterale, non va invece inviata se ad esempio, riguarda una variazione dei prezzi che deriva da un aggiornamento automatico previsto dal contratto. Di questo tipo di  modifiche, l’utente deve essere informato nella prima bolletta su cui vengono applicate.

Alla luce di quanto esposto, il Sig. Giuliano, può solo comunicare di non accettare le variazioni che gli sono state inviate e recedere dal contratto, quindi cambiare fornitore.

È chiaro che nella scelta del nuovo fornitore, va tenuto presente, non solo il costo della materia prima ma, anche tutte le altre varie voci che vengono applicate in fattura e che, come visto nel caso di Enel Energia, potrebbero far lievitare la fattura stessa.

Da: QUI

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
(Firenze)
-

E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali economici del Belpaese siano stati in larga misura acuiti e creati dai governi presieduti da Silvio Berlusconi.
E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali...

Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
(Firenze)
-

L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE DALLE BOLLETTE DELLA LUCE NONO PAGATE, A CARICO DI TUTTA LA COLLETTIVITÀ.
L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE...

Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!
Ma quale antifascismo! Gli italiani vogliono LAVORO, MENO TASSE E TUTELA FAMIGLIA!
(Firenze)
-

Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il contrasto alla disoccupazione e la lotta al precariato
Altro che antifascismo. I temi centrali per gli italiani sono il lavoro, il...

RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
(Firenze)
-

Il grosso vantaggio dell’Ue per le lobby finanziarie e industriali è che è molto più facile influenzare un potere centrale che i singoli governi dei 28 paesi membri.
JUNCKER (PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA) AUTORIZZA BEN 19 TIPOLOGIE DI ...

In Campania c'e' un feudo: QUELLO DEI DE LUCA. Seggi che vanno da PADRE IN FIGLIO
In Campania c'e' un feudo: QUELLO DEI DE LUCA. Seggi che vanno da PADRE IN FIGLIO
(Firenze)
-

Nell’attesa che Piero De Luca, figlio d’arte, s’affacci in Parlamento, al quale è predestinato grazie alla candidatura blindata col Pd, alla campagna elettorale ci pensa papà il governatore
Nell’attesa che Piero De Luca, figlio d’arte, s’affacci in Parlamento, al quale...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati