Pace Fiscale: rottamazione cartelle anche per il VATICANO?

(Roma)ore 21:37:00 del 17/11/2018 - Tipologia: , Politica

Pace Fiscale: rottamazione cartelle anche per il VATICANO?

Dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea, che chiede all’Italia di trovare un modo per recuperare i miliardi di euro di ICI non versati dalla Chiesa, il Governo costretto a trovare una soluzione. .

Una recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha annullato la decisione della Commissione Europea del dicembre del 2012 che riconosceva “l’assoluta impossibilità” per lo Stato italiano di calcolare e recuperare l’ICI non versata dalla Chiesa cattolica. La sentenza sconfessa la lettura dei commissari UE, secondo cui l’Italia si trova nell’impossibilità di “recuperare gli aiuti illegali” concessi alla Chiesa, poiché “è impossibile ottenere le informazioni necessarie per il recupero di tali aiuti attraverso le banche dati catastali e fiscali italiane”. Dunque, il Governo deve e può recuperare dalla Chiesa una cifra che, stando a calcoli effettuati dal ministero dell’Economia, si aggira intorno ai 4,8 miliardi di euro e concerne 6 annualità.

Il Messaggero riporta le ipotesi allo studio del Governo Conte sulle modalità con cui potrebbe avvenire il recupero parziale della somma. Già, perché l’unica cosa che appare certa è che la Chiesa non verserà l’intero importo, ma beneficerà quantomeno di una riduzione sostanziosa della cifra. Si legge sul quotidiano romano:

Una somma che potrebbe essere, appunto, fortemente ridotta utilizzando gli strumenti della "pace fiscale" che il governo sta mettendo a punto collegandola alla legge di Bilancio. Dunque: rottamazione, definizione agevolata, taglio del capitale, sconto o annullamento di sanzioni e interessi legali e di mora. Le ipotesi sono tutte aperte ma, viene fatto filtrare, la soluzione non è prossima. Serve infatti la collaborazione con i commissari alla Concorrenza di Bruxelles e con i Comuni (che sono i titolari dell'imposta sugli immobili).

Una delle ipotesi più gettonate parrebbe essere quella di uno sconto che preveda anche l’eliminazione delle sanzioni e degli interessi, sul modello della rottamazione ter predisposta dal governo nell’ambito della cosiddetta “pace fiscale”. Più difficile, invece, che si arrivi alla definizione agevolata (che vorrebbe dire un sostanzioso sconto in cambio di un pagamento immediato), proprio perché i tempi sembrano poter essere piuttosto lunghi, a causa di procedimenti tecnici complessi e di una struttura burocratica non sempre all’altezza di risposte celeri.

Da: QUI

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
MIUR: meno compiti per le vacanze per stare di piu' in famiglia
MIUR: meno compiti per le vacanze per stare di piu' in famiglia
(Roma)
-

Meno compiti per le vacanze e più tempo con le famiglie.
Meno compiti per le vacanze e più tempo con le famiglie. A dirlo è il ministro...

Fotografia di un Paese ULTIMO in Europa
Fotografia di un Paese ULTIMO in Europa
(Roma)
-

Perché tanta ipocrisia sul caso della società del papà di Di Maio? Federcontribuenti: ”perché padre e figlio non hanno ritenuto di dover dire la verità che tutti conosciamo?
Perché tanta ipocrisia sul caso della società del papà di Di Maio?...

Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
(Roma)
-

Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea con la prospettiva dell’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia per deficit eccessivo, da più parti ci si chiede quale strada percorrere.
Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea...

Corruzione, Italia peggior Paese Occidentale: ci costa 230 miliardi l'anno
Corruzione, Italia peggior Paese Occidentale: ci costa 230 miliardi l'anno
(Roma)
-

I risultati di uno studio europeo: il nostro Paese è il peggiore tra quelli occidentali. Con quello che viene sottratto alla comunità si potrebbero risolvere le principali emergenze sociali
E' l'Italia il Paese con il più alto livello di corruzione in Europa. Almeno in...

Andalusia: trionfa l'estrema destra dopo 36 anni di socialismo
Andalusia: trionfa l'estrema destra dopo 36 anni di socialismo
(Roma)
-

Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata della Spagna, compie un passo senza precedenti verso destra, mettendo fine al dominio dei socialisti, durato ben 36 anni, e spalancando le porte alla nuova destra nazionalista
Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati