ODE alla gioia di Napoli post Juve: se non la capite...FATEVENE UNA RAGIONE

(Firenze)ore 12:35:00 del 29/04/2018 - Tipologia: , Calcio

ODE alla gioia di Napoli post Juve: se non la capite...FATEVENE UNA RAGIONE

Come si può spiegare che Napoli e il Napoli sono sotto macumba? Ecco, la città dolente continua a sopravvivere, nella sua quotidianità perde anche il sorriso ma se si tratta di sognare, Napoli si presenterà da Morfeo sempre in splendida forma.

Posto magico, in tribuna. Terza fila, tra la porta piccola e l’area di rigore, quasi ad altezza campo. Magico posto perché, quando è successo quello che volevamo che accadesse, ho visto alzarsi in cielo Kalidou non dall’alto verso il basso ma come se stessimo sullo stesso livello.

Ma quel posto confinava con la maledetta curva sud, quella dei capi ultrà della Ndrangheta. “Noi non siamo napoletani”. Passi pure, visto che effettivamente la maggioranza di quegli spalti erano riempiti da calabresi, siciliani, piemontesi di seconda, terza generazione.

Poi “benvenuti in Italia”. E questo mi ha dato profondamente fastidio. Perché razzista e sbagliato. Avrà pure un senso “l’Italia dei mille campanili” o no? Avete frequentato la scuola dell’obbligo? Davvero ormai la storia è diventata un optional?

Al fischio finale

In attesa del fischio d’inizio andavano avanti i cori e le coreografie juventine e antinapoletane, con un “mastro di festa” di tutto rispetto: l’eterno ragazzino dalle chiome bionde, Pavel Nedved, che da bordo campo invitava a sostenere la squadra con quel sorriso velenoso, quella spavalderia nello stringere i pugni.

E chi se la scorderà mai la reazione degli spalti al gol napoletano, al fischio di fine partita dell’arbitro. Alla fuga negli spogliatoi di Allegri. Allo sguardo assente per il dolore di Agnelli junior. E quelle facce ammutolite di sciami di tifosi che abbandonavano lo stadio?

La Napoli barocca è bellissima

Quando nella notte abbiamo festeggiato in un pub e lo schermo gigante mandava in onda le immagini che arrivavano da Napoli, il commento indigeno è stato più o meno questo: «I soliti esagerati». Come si può spiegare che Napoli e il Napoli sono sotto macumba? Ecco, la città dolente continua a sopravvivere, nella sua quotidianità perde anche il sorriso ma se si tratta di sognare, Napoli si presenterà da Morfeo sempre in splendida forma. Anche in forma esagerata. La Napoli barocca è bellissima, del resto.

Questa mattina ha segnalato su Facebook Ulderico Pomarici che “da mesi era muto il display della linea 1 di Metronapoli dove vengono riportate le corse. Oggi improvvisamente esce fuori la data e la scritta:”Napoli ci crede!” E una foto postata sulla rete mostra un display a una fermata di autobus di fronte al San Carlo, con la scritta: “Juve-Napoli 0-1. Grazie Napoli Rinnovo”.

Ecco, siamo alla città impazzita di amore e di speranza. Eccoli i fenomeni paranormali che siamo abituati a registrare in momenti molto particolari. Del resto le vittorie e gli scudetti del Napoli di Maradona non prepararono il terreno a un nuovo Rinascimento napoletano?

Napoli ha trovato pace

Come la possiamo raccontare questa Napoli che aspetta a Capodichino in migliaia e migliaia i suoi giocatori vittoriosi di ritorno da Torino nel cuore della notte? E i fuochi d’artificio che sembrava la festa di Piedigrotta o il Capodanno?

Signori, questa è Napoli. Che ieri sera ha fatto i conti con la storia. Ora potrà accadere qualsiasi cosa, nel bene e nel male, ma ieri sera noi napoletani abbiamo fatto pace con noi stessi. Vincendo a Torino abbiamo fatto la storia. Ricordate l’intervista di Maradona nel film “La mano de dios” di Kusturica? Quando dice perché rifiutò l’assegno in bianco dell’avvocato Agnelli che lo voleva fortemente alla Juve. Era il secolo scorso, e Maradona in estrema sintesi raccontò il capitalismo e la lotta di classe, il Nord e il Sud del mondo, il potere e la povertà. Insomma, spiegò così perché non sarebbe mai andato alla Juve. Ieri sera, forse, Napoli ha trovato pace. È appagata per il regalo di Kalidou Koulibaly. Se non riuscite a capirlo, pazienza.

Da: QUI

Scritto da Carmine

NEWS PRINCIPALI
Calcio: la piu' grande arma di distrazione di massa?
Calcio: la piu' grande arma di distrazione di massa?
(Firenze)
-

Qualcuno le chiama “armi di distrazione di massa”, passatempi ricreativi per distogliere l’attenzione delle masse dalle nefandezze messe in opera dall’èlite
  Qualcuno le chiama “armi di distrazione di massa”, passatempi ricreativi per...

Flop Dazn? L'ASSURDO silenzio della Lega calcio e le responsabilita' dei club
Flop Dazn? L'ASSURDO silenzio della Lega calcio e le responsabilita' dei club
(Firenze)
-

Ricostruendo i giorni in cui il bando per l’assegnazione dei diritti tv vinto dalla società spagnola Mediapro fu revocato dalla stessa Lega Calcio, grazie all’unanimità dei club di Serie A.
Ricostruendo i giorni in cui il bando per l’assegnazione dei diritti tv vinto...

DAZN: un PEZZOTTO legalizzato?
DAZN: un PEZZOTTO legalizzato?
(Firenze)
-

Dazn, Dazone, Dazen, Dezen, persino Tarzan, tutte le variabili e le versioni a Napoli dello streaming dell’anno.
Dazn, Dazone, Dazen, Dezen, persino Tarzan, tutte le variabili e le versioni a...

DAZN: difficile soluzione ai problemi in tempi brevi. Intanto, o PAGHI, o NON SEGUI IL CALCIO
DAZN: difficile soluzione ai problemi in tempi brevi. Intanto, o PAGHI, o NON SEGUI IL CALCIO
(Firenze)
-

Ha fatto scalpore in questi giorni il difficile debutto di Dazn nel mercato italiano.
Ha fatto scalpore in questi giorni il difficile debutto di Dazn nel mercato...

Russi e il business nel calcio: ecco quanto guadagnano
Russi e il business nel calcio: ecco quanto guadagnano
(Firenze)
-

Quanti soldi fanno gli oligarchi russi con le squadre di calcio occidentali?
Il miliardario Alisher Usmanov ha deciso di mettere in vendita l’Arsenal anche...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati