Notizie Cuneo, vigile in malattia ma insegna a un sub: licenziato

CUNEO ore 07:13:00 del 23/03/2015 - Tipologia: Cronaca, Denunce - Cronaca

Notizie Cuneo, vigile in malattia ma insegna a un sub: licenziato

Notizie Cuneo, vigile in malattia ma insegna a un sub: licenziato. Doppio lavoro, il secondo in nero e lo svolgeva da finto malato, per questo è stato denunciato e licenziato.

CUNEO - Doppio lavoro, il secondo in nero e lo svolgeva da finto malato, per questo è stato denunciato e licenziato. E' la storia di un ispettore della polizia municipale di Mondovì che è stato rinviato a giudizio per truffa aggravata allo Stato e licenziato da Comune. L'ispettore ha una grande passione per il mare e per le immersioni ed era riuscito a trasformarle in una opportunità di lavoro.

Sì, perché mentre per il Comune di Mondovì era impossibilitato a lavorare a causa di una grave lombalgia, in realtà stava facendo l'istruttore di sub per un diving center di Alassio, spostando bombole d'ossigeno e altre attrezzature pesanti: gesti incompatibili con la malattia. La truffa è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Albenga che per il comando di Savona stava compiendo accertamenti sul lavoro nero. Lo sviluppo delle indagini, compiuto anche con la polizia locale di Mondovì, ha permesso di scoprire che fare l'istruttore di sub era un vero proprio secondo lavoro per l'ispettore.

Per lui era usuale l'assenza dal lavoro per malattia soprattutto nelle stagioni calde e allo stesso tempo era presente al porto turistico di Alassio, "come dimostrano le strisciate del badge di accesso al porto. Lo strumento, intestato al diving, è stato dimostrato che era di fatto nella sua esclusiva disponibilità", affermano i finanzieri. L'ispettore era così certo dell'impunità che sul sito del diving center, nella pagina dedicata allo staff, c'era un suo profilo, accompagnato da una suo foto, in cui è descritto come esperto sommozzatore.

Compiuti tutti i riscontri del caso, i finanzieri di Albenga, coordinati dal sostituto procuratore della Repubblica di Cuneo, Massimiliano Bolla, nel settembre scorso hanno compiuto il blitz per contestare all'ispettore le accuse. Quel giorno, dopo aver richiesto ed ottenuto nelle prime ore della mattina un ulteriore prolungamento del suo infortunio per "l'aggravarsi della lombalgia", aveva partecipato ad un'escursione subacquea all'isola Gallinara. "Un fatto gravissimo - ha commentato il sindaco di Mondovì Stefano Viglione - per questo il Comune di Mondovì ha avviato le procedure che hanno portato al licenziamento del dipendente.

È giusto che chi sbaglia venga punito. Il Comune agirà nelle competenti sedi per tutelare l'immagine del Corpo di Polizia e di tutto il personale che lavora ogni giorno con serietà". L'ispettore è stato rinviato a giudizio e il primo aprile prossimo scatterà il licenziamento. Il caso è stato segnalato alla Procura della Corte dei Conti del Piemonte per il recupero del danno erariale. Il datore di lavoro sarà sottoposto a segnalazione al dipartimento della Funzione pubblica perché avrebbe dovuto verificare che stava impiegando un funzionario pubblico. Accertamenti anche sul medico che redigeva i certificati.

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
Roberto Saviano: In 10 anni guadagnai per 13 milioni di euro
Roberto Saviano: In 10 anni guadagnai per 13 milioni di euro

-

L'inchiesta giornalistica di Panorama su Roberto Saviano: l'autore di Gomorra ai raggi x, dagli incassi fino alla scorta
Roberto Saviano, scrittore simbolo, ai raggi x. Gli incassi, le relazioni, le...

Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy

-

L'Europa attacca ancora una volta l'Italia. E questa volta, a farne le spese, è il vino.
Dopo lo spumante, la Commissione europea ha dato il via libera alla...

Scommesse online: 68 arresti, volume di affari per 4,5 miliardi  per le MAFIE
Scommesse online: 68 arresti, volume di affari per 4,5 miliardi per le MAFIE

-

Tre diverse indagini hanno portato all’arresto di 68 persone della criminalità organizzata pugliese, reggina e catanese
Le mafie si sono spartite e controllano il mercato delle scommesse online: è il...

Perche' i nostri risparmi sono in pericolo
Perche' i nostri risparmi sono in pericolo

-

Questa volta il Cigno nero, per quanto potrà apparire incredibile, lo stiamo fabbricando da soli con le nostre mani, anzi per la precisione con le nostre bocche. Apriamo gli occhi e facciamoci sentire. Aiuteremo il cambiamento. Quello vero
Ho scritto questa lettera agli italiani, donne e uomini, madri e padri, ma...

Tentano di BRUCIARE la casa del giornalista REPORT che ha INDAGATO SULLA JUVE
Tentano di BRUCIARE la casa del giornalista REPORT che ha INDAGATO SULLA JUVE

-

Ignoti hanno disegnato una croce rossa sul muro della sua abitazione, per poi cospargere di benzina il pianerottolo: provvidenziale l’abbaiare di un cane, che ha “sventato” il tentativo di intimidazione, avvenuto nella notte attorno alle quattro e mezzo.
Ignoti hanno disegnato una croce rossa sul muro della sua abitazione, per poi...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati