Nei supermercati sotto ANSIOLITICI e al GELO: chiedi piu' sicurezza? LICENZIATO

(Torino)ore 11:18:00 del 30/09/2018 - Tipologia: , Cronaca, Denunce, Sociale

Nei supermercati sotto ANSIOLITICI e al GELO: chiedi piu' sicurezza? LICENZIATO

Negozi insicuri, merci e macchinari che spesso ostruiscono le uscite di sicurezza..

Negozi insicuri, merci e macchinari che spesso ostruiscono le uscite di sicurezza. Di più: temperature che d'inverno scendono fino ai 5 gradi e documenti di valutazione del rischio realizzati con il copia-incolla.

Sono solo una piccola parte dei rilievi fatti da Fabio L., da 18 anni capo filiale Lidl e oggi delegato della Cgil, ai suoi datori di lavoro. O meglio, ex datori, visto che Fabio si è visto recapitare una lettera di licenziamento il mese scorso.  Fabio gestiva un punto vendita a Torino, con 27 dipendenti, in una zona difficile, di periferia. «La mia filiale è famigerata. Non si contano gli episodi di violenza, le aggressioni. Forse mi hanno trasferito lì perché avevano già intenzione di farmi fuori».
Negli ultimi mesi era diventato un rls (responsabile dei lavoratori per la sicurezza) per la Cgil, e ha compiuto sopralluoghi in altri supermercati Lidl del Piemonte e delle regioni limitrofe, prima di essere defenestrato. «La verità è che mi hanno sempre osteggiato. Perché facevo domande, prendevo posizione, sono molto preparato in materia di sicurezza sul lavoro. Ne ho parlato col procuratore della Repubblica Guariniello, anche lui ha constatato che esiste un grosso problema».


L’attivista sindacale ci aveva già cercato parecchi mesi fa, quando ancora non era stato né sospeso né licenziato. E il racconto che fa delel condizioni di lavoro sue e dei suoi colleghi è durissimo
Insicurezza. «I punti vendita della Lidl sono insicuri, anche perché la maggior parte risale agli anni novanta e ha quindi fattezze anguste. Solo che nel frattempo il volume d’affari s’è moltiplicato. Molti di questi dovrebbero chiudere o rinnovarsi profondamente. Spesso le merci e i macchinari in esubero ostruiscono persino le uscite di sicurezza…».
Stress. «Io ho cominciato a dir loro: “Voi sottostimate il documento sullo stress correlato, obbligatorio per legge dal 2008. Alla Lidl questo studio non l’hanno mai fatto. Ho creato un gruppo WhatsApp di rls Cgil per scambiarci informazioni e notizie riservate. Ebbene, abbiamo scoperto che tutti i dvr(documenti di valutazione del rischio) sono uguali nelle “nostre” centinaia di negozi italiani. Eppure la legge prevede che siano standardizzati i processi, non certo i risultati. È come se si dovesse fare un prelievo di sangue e invece di prendere il mio si attingesse dalle vene di un mio parigrado di Verona, concludendo con un consequenziale “stanno tutti bene”. Ma non è così, naturalmente. La mia sede sorge in un quartiere borderline di Torino: non possiamo avere in corpo la stessa quantità dì stress io, i miei dipendenti e i colleghi che lavorano in borghi senza delinquenza. Il fatto di non effettuare delle autentiche valutazioni del rischio fa poi sì che la Lidl non preveda alcuna forma di prevenzione o contrasto al fenomeno».
L’orario di lavoro? Alla giornata. «Tutti i giorni ricevevo una telefonata a mezzogiorno o all’una, per sapere quale sarebbe stato il fatturato del giorno. se prevedevi di fatturare mille euro in meno, scattava l’allarme rosso. Mi intimavano: “Manda via gente”. Ma stiamo scherzando? Cosa siamo diventati, lavoratori (fissi) a chiamata? L’obiettivo è sempre quello: andare oltre, forzare le regole, abbattere, all’ennesima potenza, i costi del personale. Chiariamo bene un aspetto: non si è mai trattato di una pianificazione oraria, ma di un’imposizione. La responsabilità è dei piani alti aziendali. Se mi stimavano un incasso di mille euro l’ora, quando nel mio punto vendita si fanno piccole spese e non si guadagna mai più di 5 o 600 euro… per avvicinarsi a quei picchi irreali di produttività, dovevo correre il triplo, e magari continuare a lavorare a lungo dopo aver timbrato il badge di uscita».
Ma che freddo fa. «D’inverno si toccavano i 5 gradi di temperatura dentro il nostro magazzino. L’ho fatto presente tante volte, senza risultato».
Un lavoro usurante. «Alla Lidl Il tasso di fatica è elevatissimo. Trionfa il dogma della rapidità, specialmente per le operazioni di movimentazione delle merci sugli scaffali. Schiene rotte, ernie e placche alla schiena costituiscono la regola. E in futuro andrà sempre peggio, perché i lavoratori invecchieranno. Se l’equazione ossessiva da portare avanti è: “spendo sempre di meno, incasso sempre di più”, a rimetterci è, in primissima istanza, la salute di noi dipendenti».
Depressione e ansiolitici a go-go. «Sono ingrassato di trenta chili in tre anni per lo stress e il nervoso accumulati. Costantemente gli incubi, mi svegliavo di soprassalto. Avevo la testa piantata lì. Gli psicofarmaci, in Lidl, sono la normalità. Io sono il primo che assume regolarmente ansiolitici, e non va bene. Tutto questo si riflette sulle malattie professionali, che sono lunghe e difficili da codificare. Pensiamo all’amianto: ci sono voluti decenni, e decine di migliaia di morti, per capirne la pericolosità. La nostra generazione non andrà, magari, a morire di lavoro; ma patirà danni irreparabili all’apparato muscolo-scheletrico, e soprattutto alla psiche».
Rappresaglia? «Mi hanno preso di mira perché volevo sapere, confutavo le loro teorie. Mi attendevano al varco, pronti a impallinarmi. Tra l’altro, ho sempre conseguito ottimi risultati: il mio era tra i migliori punti vendita in Piemonte. Ho preso un negozio in perdita e nel mio primo anno di gestione abbiamo incassato un milione di euro in più. Fatturato in espansione anche negli anni a venire. Cosa gli ha dato fastidio? La presenza di un capo filiale che toccava fili e nervi scoperti, sollevando questioni eluse. La mia battaglia non è per me. È per noi tutti».
Da noi contattata, Lidl Italia ci ha risposto con le seguenti parole: «Le confermiamo che nei confronti del sig. Fabio L. è in corso un procedimento disciplinare le cui motivazioni non hanno però nulla a che vedere con l'attività sindacale svolta dal collaboratore. Le ragioni che hanno determinato l'avvio del procedimento non possono essere rivelate per ovvie ragioni di privacy. Precisiamo che, se da un lato la nomina a rappresentante sindacale non compromette in alcun modo il rapporto di lavoro, dall'altro non preclude all'Azienda di esercitare il potere disciplinare ai sensi della normativa vigente. Infine ci teniamo a sottolineare che Lidl Italia è da sempre aperta al dialogo con le organizzazioni sindacali con cui, negli anni, ha instaurato un rapporto di proficua collaborazione». 

Da: QUI

 

Scritto da Samuele

NEWS PRINCIPALI
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Torino)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
(Torino)
-

Secondo le stime dei virologi, l'influenza colpirà 6 milioni di italiani meno degli anni scorsi ma con virus potenzialmente più pericolosi
INFLUENZA RECORD IN ITALIA - Non ci sono più le mezze stagioni, è proprio il...

Guerra, Italia responsabile. Quante armi vendiamo alla Turchia
Guerra, Italia responsabile. Quante armi vendiamo alla Turchia
(Torino)
-

VENDIAMO ARMI ALLA TURCHIA, ITALIA RESPONSABILE DELLA GUERRA IN SIRIA - «In Italia c’è una legge, la 185/90, che vieta di vendere armi ai paesi in guerra.
VENDIAMO ARMI ALLA TURCHIA, ITALIA RESPONSABILE DELLA GUERRA IN SIRIA - «In...

Ecco le 20 aziende responsabili di 1 terzo di tutte le emissioni del mondo
Ecco le 20 aziende responsabili di 1 terzo di tutte le emissioni del mondo
(Torino)
-

Il 35% di tutte le emissioni di anidride carbonica e metano dal 1965 al 2017 è stato prodotto da 20 colossi del settore petrolchimico
GAS SERRA, LE AZIENDE RESPONSABILI - Oltre un terzo di tutte le emissioni di gas...

Fatture false, genitori Renzi condannati a 1 anno e 9 mesi
Fatture false, genitori Renzi condannati a 1 anno e 9 mesi
(Torino)
-

Il pm Christine von Borries nella sua requisitoria odierna aveva chiesto per i genitori di Renzi una condanna a un anno e nove mesi, e a due anni e tre mesi per Dagostino.
PROCESSO GENITORI RENZI - Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell'ex premier...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati