Migliori videogames di Dragon Ball

(Roma)ore 19:46:00 del 24/01/2018 - Tipologia: , Videogames

Migliori videogames di Dragon Ball

Ci vorrebbe davvero la Stanza dello Spirito e del Tempo per elencare tutti i primissimi titoli tratti dal manga di Toriyama..

Arco delle origini

Ci vorrebbe davvero la Stanza dello Spirito e del Tempo per elencare tutti i primissimi titoli tratti dal manga di Toriyama. Accantonando tutte le opere "minori" diffuse sul leggendario Famicom e sul SEGA Mega Drive, facciamo un balzo al 1996, anno nel quale i miei ricordi iniziano a farsi molto più nitidi e Dragon Ball Z: Ultimate Battle 22 giunge sugli scaffali europei della PlayStation One. Ora come ora, non posso che guardare a questo piccolo picchiaduro in due dimensioni con un po' di nostalgia e di tenerezza: per chi vi scrive, Ultimate Battle 22 è stato il primo gioco a marchio Dragon Ball su cui abbia mai messo le mani. Potete provare a capire, quindi, quale forza d'attrazione esercitasse un simile prodotto su un bambino di sei/sette anni che stava crescendo, e cresce ancora, a latte, biscotti e Sfere del Drago. A ripensarci col senno del poi, era un disastro su quasi tutti i fronti, specialmente su quello della giocabilità, che ha saputo mettere davvero a dura prova la resistenza dei miei poveri pollici. Si trattava comunque di problemi che, al tempo, non mi ponevo minimamente, estasiato dalla possibilità di giocare nei panni di Goku, Vegeta, Freezer e persino del mitico Great Saiyaman. Cosa potevo "desiderare" di più? La risposta sarebbe arrivata circa un anno dopo, con Dragon Ball Z: The Legend.

Meno "accattivante" sul fronte visivo (quantomeno di primo acchito) il gioco si rivelò comunque decisamente più piacevole da approcciare rispetto al suo predecessore: il gameplay "a squadre", le brevi sequenze più dinamiche durante l'attivazione dei super colpi, ed infine una modalità storia che ripercorreva le tre saghe della serie Z rubarono tantissime ore di studio ai miei compiti delle elementari. Lo stesso accadde, poco tempo dopo, con il sopraggiungere di Dragon Ball GT: Final Bout. Partendo dal presupposto che non ho mai avuto un buon rapporto con questo anime "apocrifo", nemmeno quando ero un poppante, c'è da dire che il gioco riuscì inaspettatamente ad intrattenere molto a lungo me ed i miei amici, attratti come eravamo da due aspetti fondamentali della produzione: anzitutto l'eccezionale sigla animata d'apertura, che ancora oggi fa invidia alle animazioni di Super, ed in secondo luogo quell'indefinibile amore per il trash che alberga un po' in tutti noi.

Final Bout era un picchiaduro abominevole, inutile negarlo: la resa in 3D dei personaggi faceva più male agli occhi di uno spillone nella pupilla, mentre il sistema di combattimento era di una lentezza, una macchinosità ed una legnosità indescrivibili. Tuttavia, tra i personaggi giocabili, trovavano spazio anche Pan ed il Super Saiyan di quarto livello, con i quali prendere a calci il grosso sedere di Baby Vegeta. Ed è per questo che il fanciullo interiore che è in me, a distanza di anni, lo ricorda ancora con affetto. Così come ricorda la sequenza di tasti da premere nel menù di gioco per sbloccare sin da subito tutti i lottatori...

Arco dell'ascesa

C'è un unico filo conduttore che accomuna la seconda ondata di opere a tema Dragon Ball, capaci scandire il periodo della mia adolescenza: la parola "Budokai", chiaro riferimento al torneo di arti marziali che ha sempre fatto da sfondo alle peripezie dei protagonisti. Le due trilogie delle serie Budokai e Budokai Tenkaichi, allo stato attuale - almeno fino all'arrivo di FighterZ - incarnano di certo il punto più alto mai raggiunto da una trasposizione videoludica del capolavoro di Toriyama.

 

Il mio contatto iniziale con il primo Budokai (poi riproposto, insieme al terzo capitolo, in una HD Collection per PlayStation 3 ed Xbox 360), è stato alquanto estasiante, sia per la bellezza visiva (e l'accuratezza delle cutscene), sia per l'utilizzo di un combat system che rendeva finalmente giustizia alla spettacolarità dell'anime. Peccato soltanto che lo Story Mode si concludesse con la saga di Cell, lasciando in disparte quella di Majin Bu (con annessi tutti i magnifici personaggi che ne fanno parte).

Ho dovuto attendere gli altri due capitoli per avere una visione "completa" delle gesta dei Guerrieri Z. Merito non solo di un grandissimo numero di eroi, ma anche di un cel shading delizioso, che finalmente sostituì la grezza modellazione poligonale degli scorsi episodi, avvicinando la produzione alla gloria visiva dell'anime. Budokai 3, in particolare, segnò un profondo spartiacque per tutti i tie-in a venire.

Lo stesso modello di riferimento contro cui fu costretto a confrontarsi il secondo trittico succitato, quello di Budokai Tenkaichi, che conobbe nel terzo episodio il culmine della raffigurazione videoludica di Dragon Ball. Budokai Tenkaichi 3 è stato a lungo - e forse lo è ancora - la concretizzazione in formato digitale del mio amore per il Re degli Shonen: l'opera contiene in sé un concentrato di mastodontico fanservice declinato in una formula di gioco incredibilmente genuina, fresca, vivace e sovrabbondante.

Dalla prima serie con Goku ancora bambino, passando per Z e GT, fino ad arrivare agli OVA: nulla è stato trascurato, con l'obiettivo di dar forma ad una bibbia interattiva che, per ogni appassionato, è la realizzazione di un desiderio tanto, troppo ambito. Avevo 17 anni quando Budokai Tenkaichi 3 si insinuò all'interno della mia PlayStation 2 nel 2007, esattamente un decennio dopo aver provato Ultimate Battle 22. Per chi, come il sottoscritto, era "diventato grande" in compagnia del Dragon Ball cartaceo, animato e ludico, si trattava di un regalo perfetto: la summa assoluta di una passione immortale.

Arco della decadenza

Dopo Budokai Tenkaichi 3, nella mia esperienza personale, è iniziato un periodo (molto lungo) di insoddisfazione: forse la mia fame di Dragon Ball era già sazia in abbondanza, o forse le successive incarnazioni interattive del franchise erano troppo pigre e poco originali da stimolare di nuovo il mio appetito.

A prescindere dalle motivazioni, l'ultimo capitolo per PlayStation 2 che ebbi modo di provare, ossia Infinite World, mi lasciò con un vago senso di insignificanza nel palato: da una parte troppo simile concettualmente al gameplay di Budokai, e dall'altra poco incisiva nelle limitate innovazioni introdotte a livello ludico e tecnico. Aspettai insomma al varco il primo, vero episodio "next gen" per PlayStation 3, con conseguenze a metà tra la delusione e la noncuranza: Burst Limit non era effettivamente un pessimo picchiaduro, ma solo un mediocre tie-in, che ha svolto un annoiato compito di routine, riducendo inspiegabilmente il numero di guerrieri e gli eventi della trama (ancora una volta orfani del caro Majin Bu). E pensare che solo un anno dopo, su Wii, sarebbe uscito il gradevole Revenge of King Piccolo, un esperimento alquanto originale, che si distanziava dall'immaginario della serie Z (reiterato fino allo sfinimento) per tornare allo spensierato senso di avventura proprio della prima parte del manga.

E mentre sulla console Nintendo veniva accolto quel piccolo gioiellino, su PS3 e Xbox 360 il brand dava segni di ripresa con i due capitoli di Raging Blast, ricadendo tuttavia ben presto in una spirale di ripetitività con l'anonimo Ultimate Tenkaichi ed il confusionario Battle of Z. Quest'ultimo, in particolare, era stato ideato e sviluppato con il solo intento di lucrare spudoratamente sul lungometraggio La Battaglia degli Dei: dal canto mio, avevo fiutato il pericolo, ma venni comunque scioccamente irretito in una formula di gioco caotica e disorganica, imperfetta e raffazzonata. Posai quindi il pad, decidendo di congedarmi dalla versione digitalizzata del mio manga preferito. Non senza un pizzico di rammarico, nel ricordare di tanto in tanto, i fasti di Budokai Tenkaichi 3. Almeno finché una lieve fiammella di speranza non si riaccese sotto il nome di Xenoverse.

Arco della rinascita

Prima di catapultarmi nel reame dei multiversi e dei Time Patroller, però, vale la pena spendere un paio di parole d'encomio per la miniserie Raging Blast: i due titoli che la compongono, lanciati tra il 2009 ed il 2010 sulle console Sony e Microsoft della passata generazione, possedevano - vagamente - il sapore un po' annacquato della saga Tenkaichi. Il che, considerando le produzioni immediatamente precedenti e future, era già un traguardo non da poco.

Si notava in filigrana un sistema di combattimento fulmineo e complesso (forse troppo...), con a corredo un novero di guerrieri che componeva un roster di tutto rispetto. Certo, non mancavano problemi (anche belli grossi) di telecamera e concatenazione dei colpi, ma nel complesso si respirava un'aria ancora intrisa di quella passione che, in seguito, è andata spegnendosi tristemente. Finché, come già accennato, il team DIMPS non ha deciso di dare un forte scossone al brand con Dragon Ball Xenoverse 1&2. Ben lungi dall'essere un dittico di picchiaduro tecnici, intensi e soddisfacenti, questa nuova iterazione ha avuto il pregio di imbastire una storyline finalmente del tutto originale, con un carico di fanservice smodato ed incalcolabile. Non era probabilmente ciò che i fan duri e puri si meritavano, ma era sicuramente quello di cui avevano bisogno: una ventata d'aria fresca, un combat system leggero e intuitivo, un pizzico di coraggio nella volontà di allontanarsi dalla timeline canonica e un cumulo di citazioni all'opera di partenza, grande almeno quanto quella dell'indimenticato Budokai Tenkaichi 3.

Xenoverse 2, nello specifico, è un compendio totalizzante di Dragon Ball, un cosmo virtuale in continua espansione, come dimostrano le progressive aggiunte del team di sviluppo, intenzionato a muoversi di pari passo con l'avanzamento delle puntate di Super, attraverso l'inserimento nel roster sempre nuovi membri, tra cui spicca - ovviamente - l'invincibile Jiren il Grigio, paladino della giustizia dell'undicesimo universo. Ed il nostro "ultra istinto" ci dice che non è ancora finita...

Arco del trionfo

Ci sono momenti, in Dragon Ball FighterZ, in cui riaffiorano le memorie di ieri, riviste però con la maturità di oggi. Lo stesso, identico piacere del citazionismo a briglie sciolte, della grafica bidimensionale, della meraviglia di quando ero poco meno di un ragazzino, a cui si affianca la consapevolezza - data dalla maturità - di ciò che significa sperimentare un videogame nel senso più puro del termine. Per una volta - ed è un evento assai raro - la passione non acceca il giudizio critico, ed anzi si muove in simbiosi con un meccanismo ludico che sfiora la perfezione.

Non c'è più bisogno di mascherare le magagne dietro il paravento dell'incanto fanciullesco (come con Ultimate Battle 22), né la necessità di nascondere con il fanservice un combat system un po' approssimativo o semplicistico (è il caso di Xenoverse e della serie Budokai Tenkaichi): in FighterZ tutto trova un suo bilanciamento, una sua coesione, una sua fusione. Il giocatore diventa fan, ed il fan diventa giocatore. Se la versione definitiva non ci riserverà spiacevoli sorprese, il lavoro di Arc System potrebbe rivelarsi il tie-in per eccellenza. Eppure, le nostre recenti prove ci hanno già rincuorato a sufficienza: ogni animazione è un omaggio sentito al capolavoro di Toriyama, ogni mossa finale un trionfo d'esaltazione, ogni combo un piccolo miracolo. Grazie, Sfere del Drago!

Da: QUI

Scritto da Samuele

NEWS PRINCIPALI
Street Fighter 5, guida
Street Fighter 5, guida
(Roma)
-

Con l'uscita di questo Abraham Lincoln sopra le righe, però, le basi del confronto sono diventate molto più solide e le prove di un legame tra i due combattenti hanno iniziato ad accumularsi. Portando a termine la storia si sblocca un costume praticamente
La mossa della compagnia nipponica ha colto tutti di sorpresa, visto che secondo...

Videogames: Operazione Apocalisse Hearthstone
Videogames: Operazione Apocalisse Hearthstone
(Roma)
-

Magnetismo consente di fondere due robot giocando quello che porta in dote la keyword alla sinistra di uno già presente sulla board, così da creare combinazioni decisamente potenti per abilità e corpo del nuovo servitore ottenuto.
Dopo settimane di attesa, condite dal consueto stillicidio di informazioni...

Overcooked 2, guida
Overcooked 2, guida
(Roma)
-

La durata della campagna, insomma, è abbastanza alta, tenendovi impegnati anche grazie alla rigiocabilità che viene offerta dai vari livelli, da completare e ricompletare fino ad arrivare alle tre stelle finali. A tal proposito, tenete conto che la diffic
Master Chef, #foodporn, impiattamento, spolverata di cannella, impasto al...

Videogames: Shadow of the Tomb Raider
Videogames: Shadow of the Tomb Raider
(Roma)
-

Lara Croft è alle prese con una vera e propria apocalisse: il mondo ha bisogno di lei. Questo dà il là all’avventura della nostra beniamina: una premessa tanto importante quanto nota in questo genere, che ci porta all’improvviso a viaggiare alla ricerca d
Manca davvero poco all’uscita di Shadow of the Tomb Raider. Con questo pretesto...

Asphalt 9 Legends: cosa sapere
Asphalt 9 Legends: cosa sapere
(Roma)
-

Consigliamo di giocarvi su uno schermo non troppo piccolo, dove luci, colori e suoni si dimostrano coinvolgenti fin da subito, introducendoci a un mondo sfidante e dall’appeal deciso
Non di sola console vive il giocatore, ormai è un fatto assodato da anni. Se i...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati