Mario Party The Top 100, cosa sapere

(Torino)ore 11:41:00 del 24/12/2017 - Tipologia: , Videogames

Mario Party The Top 100, cosa sapere

L'utente potrà dunque ripercorrere la storia di questa possente proprietà intellettuale attraverso una modalità giocatore singolo a tabellone lineare dove il nostro personaggio, selezionabile tra gli otto presenti (forza Yoshi!!).

CONTENUTI SENZA ETÀ

È sempre un piacere vedere come Nintendo tenda a rifinire le proprie produzioni e a riadattarle con la dovuta cura ad ogni cambio di piattaforma. Con Mario Party: The TOP 100 le cose erano ancora più difficili dato che alcuni dei mini giochi presenti nella collezione presentavano sistemi di controllo differenti e qualità tecniche che andavano in qualche modo amalgamate. Due decenni sono passati dai primi Mario Party e il minimo comune denominatore che unisce tutti i capitoli è sempre stato quella voglia di divertire stupendo, con trovate tanto originali quanto dal design ricercato. Non tutti i giochi di Mario Party: The Top 100 sono ovviamente un inno al game design, ma molti di questi riescono a elevarsi sopra lo standard che i soliti party game hanno cercato di imporre negli ultimi anni.

L'utente potrà dunque ripercorrere la storia di questa possente proprietà intellettuale attraverso una modalità giocatore singolo a tabellone lineare dove il nostro personaggio, selezionabile tra gli otto presenti (forza Yoshi!!), dovrà farsi strada da minigioco a minigioco per superare tutti e quattro i mondi disponibili. Obiettivo ultimo, ovviamente, sarà quello di raccogliere stelle e monete, un compito non particolarmente difficile per i giocatori più smaliziati ma che rappresenterà invece una sfida più che dignitosa per i più giovani. Una delle forze di Mario Party: the Top 100 è infatti quella di avere una selezione eterogenea di tipologie di gioco adatti ad ogni età e livello di abilità

Una festa breve

Tolte le due modalità principali, troviamo altre tre modalità che ci mettono immediatamente di fronte ai minigiochi, veri protagonisti di questo titolo. Oltre alla modalità di minigioco libero, abbiamo “vinci la serie” e “decathlon”: nella prima modalità sfideremo i nostri avversari al meglio delle 3 o 5 battaglie, mentre nella seconda dovremo affrontare 5 o 10 minigiochi cercando di realizzare, in essi, il punteggio più alto. Si tratta certamente di modalità concettualmente semplici, ma senza dubbio saranno quelle che vi troverete ad utilizzare più spesso per sfidare i vostri amici. Purtroppo, è ancora una volta assente qualsiasi tipo di modalità multiplayer: per giocare con i vostri amici, dovrete essere insieme in locale. Fortunatamente, è stata mantenuta la possibilità di giocare con una sola cartuccia: i vostri amici non avranno quindi bisogno di acquistare il gioco per unirsi ad una sessione. I minigiochi, fortunatamente, fanno il loro dovere, costituendo il vero piatto forte del pacchetto: gli sviluppatori hanno accuratamente selezionato i migliori provenienti da ciascun episodio principale della serie, e per chi li ha già giocati a suo tempo sarà inevitabile provare un pizzico di nostalgia. Alcuni minigiochi hanno subito dei cambiamenti, soprattutto quelli provenienti dall'era Wii (come Goombowling), vista l'assenza di motion-control: nonostante i cambiamenti, i minigiochi rimangono comunque divertenti, senza perdere un grammo del loro carisma. Mario Party: The Top 100, però, fallisce proprio in quello che voleva dimostrare: non si può costruire un Mario Party solamente intorno ai minigiochi, perché senza diversivi essi rischiano di annoiare ed il gioco, di conseguenza, di finire nel dimenticatoio molto presto.

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Call of Duty Black Ops 4, provato
Call of Duty Black Ops 4, provato
(Torino)
-

Passiamo al lato putrescente del gioco, nel senso stretto del termine, ovvero la modalità Zombie. Amata da una grandissima quantità di pubblico, per la sua natura marcescentemente spettacolare, per la sua base cooperativa e per l’intrinseca follia delle s
Activision ha presentato a Los Angeles Call of Duty: Black Ops 4, il...

Wild West Online, guida passo passo
Wild West Online, guida passo passo
(Torino)
-

La vera ciliegina sulla torta è il trailer d’annuncio presente su Youtube, a cui sono stati chissà perché disattivati i commenti, dove fioccano i pollici in giù e, rullo di tamburi, nella descrizione campeggia la copertina proprio del primo Red Dead Redem
Signori e signore, Wild West Online è ufficialmente il Quattro carogne a...

Videogames: The Crew 2
Videogames: The Crew 2
(Torino)
-

L’idea di ricreare in formato ridotto, ma pur sempre verosimile, l’intera mappa degli Stati Uniti d’America e metterla a disposizione di un gioco mastodontico, piacque fin da subito a pubblico e critica, che accrebbero le proprie attese nei confronti di q
The Crew fu tentativo da parte di Ubisoft di evolvere il concetto di open-world...

Destiny 2 La Mente Bellica, guida
Destiny 2 La Mente Bellica, guida
(Torino)
-

Il Protocollo d’Intensificazione, questo il nome dell’attività, è ad oggi la migliore presente in Destiny 2: nella sua semplicità di base infatti racchiude un insieme di meccaniche e una difficoltà di completamento davvero proibitiva se non affrontata con
Destiny 2 non sta affrontando un momento bellissimo: lo spopolamento dei server...

Wulverblade, guida
Wulverblade, guida
(Torino)
-

Wulverblade è infatti un brawler conservatore, uno di quelli che più classici non si può: dalle meccaniche di gioco, al campionario di eroi messi a disposizione, non c'è molto che lasci stupiti; ma il contesto storico in cui è immerso, insieme alla storia
Da genere di culto a genere in via di estinzione o a esclusivo appannaggio degli...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati