Maltagliati al ragu' di pesce, come fare

(Roma)ore 07:11:00 del 27/01/2018 - Tipologia: , Cucina

Maltagliati al ragu' di pesce, come fare

Una generosa dadolata di platessa, gamberi e trote dalle carni sode e gustose, incontra un ever green della cucina italiana: la passata di pomodoro..

Il ragł piace proprio a tutti ma quando si veste del sapore di mare acquista un fascino irresistibile: saporito e delicato č perfetto con la pasta fresca che ne esalta il sapore. Oggi vi proponiamo questo primo piatto: maltagliati al ragł di pesce. Una generosa dadolata di platessa, gamberi e trote dalle carni sode e gustose, incontra un ever green della cucina italiana: la passata di pomodoro. Un mix di sapori di mare ed un ricco condimento perfetto per questi maltagliati fatti a mano che con la loro porositą sono perfetti per raccogliere il ragł di pesce. Noi vi immaginiamo gią portare questa meraviglia di piatto in tavola davanti ai vostri ospiti: il successo č assicurato!

Conservazione

Consigliamo di consumare i maltagliati al ragł di pesce appena pronti. Potete nel caso conservarli in frigorifero in contenitore chiuso ermeticamente per al massimo 1 giorno.

Potete anche conservare sottovuoto la pasta fresca per 2 giorni al massimo.

Potete congelare i malgatliati su un vassoio spolverizzati con poca semola rimacinata in modo e una volta irrigiditi potete trasferirli in un sacchetto gelo.

Consiglio

Qualche spunto per rendere la preparazione pił intrigante? Con un nota piccante di peperoncino e fresca di basilico non si sbaglia mai. Perché non provare anche ad aggiungere pił sapore grazie a dei pomodori datterino o cilieigino velocemente scottati in padella? Vedrete che figurone farete con i vostri amici!

Occorrente

trota o salmone 150 gr

olio extra vergine d'oliva 3 cucchiai

1 carota

1 cipolla

1 sedano

2 agli

pomodori a pezzi 400 gr

vino bianco mezzo bicchiere

sale e aneto

platessa 150 gr

gamberetti 150 gr

4 uova

farina

PREPARAZIONE

Prepariamo il sugo: laviamo accuratamente le verdure, andiamo ad eliminare le parti ammaccate o annerite, tagliamole a fette e inseriamole in un frullatore; tritiamo il tutto ad una velocitą intermedia e lavoriamo il composto per due minuti.

Versiamo le verdure tritate in una padella antiaderente, versiamo 3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva e facciamo cuocere a fuoco basso per almeno 10 minuti. Durante questo tempo, prepariamo il pesce, ricordandoci di tanto in tanto, di mescolare le verdure, onde evitare che si possano bruciare. Puliamo i filetti di trota e apriamo il pesce in due, eliminiamo la coda e la parte della testa e sfiliamo via le lische, il tutto con un coltello o con delle pinzette apposite.

Puliamo la platessa, incidendo la coda e tenendo la lama del coltello aderente al filetto, facciamola scivolare tra il filetto stesso e la pelle. Laviamo sotto l'acqua e rimuoviamo anche qui le lische. Quando abbiamo pulito correttamente i pesci, sminuzziamoli in dadini. Decongeliamo i gamberetti e inseriamoli nella padella delle verdure, passati un paio di minuti, versiamoci anche la trota e la platessa, facendo cuocere per altri due o tre minuti. Alziamo la fiamma e sfumiamo il tutto con l'ausilio del vino bianco, lasciamo che l'alcool evapori e lasciamo andare a cottura per 15 minuti a fuoco lento.

Prepariamo adesso i maltagliati: versiamo in un recipiente 4 uova, la farina, un pizzico di sale impastiamo, tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto elastico, liscio e omogeneo. A fine lavoro copriamo il composto con una pellicola, lasciandolo riposare in un luogo fresco e asciutto per circa 1 ora. Terminato il tempo di riposo, stendiamo la pasta servendoci di un mattarello, fino a renderla molto sottile nel suo spessore.

Tagliamo a strisce non necessariamente uguali, ma della stessa dimensione circa. Versiamo la pasta in un pentola con acqua bollente e cuociamo dai 3 ai 5 minuti, scoliamoli al dente e inseriamoli nel tegame con il ragł di pesce fatto precedentemente; inseriamo l'aneto spezzettandolo e serviamoli caldi.

In alternativa per preparare i maltagliati al ragł di pesce, prendiamo un tegame e aggiungiamo mezzo dado, la cipolla tagliata a rondelle, il prezzemolo tritata e un filo di olio di oliva. Facciamo soffriggere il tutto e aggiungiamo una confezione di preparato di pesci per condire risotti o pasta. Facciamo saltare in padella e giriamo con una paletta di legno. Copriamo con un coperchio abbastanza grande e lasciamo cuocere per 15 minuti circa. Aggiungiamo il sugo e un bicchiere di acqua, continuiamo a far cuocere a fuoco lento, per circa 20 minuti. Chiudiamo il gas e prepariamo i maltagliati. In un pentolino mettiamo mezzo litro di latte e una noce di burro; una volta che il burro sarą sciolto aggiungiamo la farina. Giriamo, fino a quando l'impasto non si amagami per bene. Stendiamo la pasta con matterello e formiamo i maltagliati. Facciamo cuocere i maltagliati in abbondante acqua e una volata pronti uniamoli al ragł di pesce.

Scritto da Carla

NEWS PRINCIPALI
Ciambelle salate saporite: guida passo passo
Ciambelle salate saporite: guida passo passo
(Roma)
-

Sentitevi liberi di variare il ripieno utilizzando gli ingredienti che preferite: per una versione vegana, per esempio, potete omettere la scamorza e sostituirla con delle verdure di stagione!
  Avete invitato i vostri amici a casa il sabato sera e avete bisogno di uno...

Polpette di sedano: guida
Polpette di sedano: guida
(Roma)
-

Coprite con il coperchio e cuocete per circa 30 minuti a fiamma moderata, avendo cura di mescolare di tanto in tanto.
  Tutti utilizziamo regolarmente carote, sedano e cipolla per preparare il...

Polenta chips: guida
Polenta chips: guida
(Roma)
-

Nel frattempo tritate il rosmarino finemente il rosmarino insieme a del sale grosso. Poi trasferite le chips di polenta in un cestino con della carta paglia magari (16), per servirle cosparse con il trito appena preparato
Siete pił tipi da aperitivo o da brunch? Che sia di sera dopo il lavoro, magari...

Pancotto del Gargano: guida passo passo
Pancotto del Gargano: guida passo passo
(Roma)
-

Una zuppa corposa realizzata con ciņ che la terra metteva a disposizione dei contadini e di conseguenza soggetta a numerose varianti, una pił buona dell’altra: nella nostra troverete cime di rapa, patate, pomodori e, ovviamente, il tipico pane pugliese.
  La cucina contadina viene spesso definita povera perché realizzata con...

Ciambella abbraccio: guida
Ciambella abbraccio: guida
(Roma)
-

Sģ, perché a noi piace scrivere soltanto dei finali belli, come avevamo gią fatto per la ciambella bicolore!
  Diciamoci la veritą, cosa c'č di meglio di un abbraccio? Quello caldo della...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati