Le reti segrete della truffa dei 49 milioni della Lega

(Cagliari)ore 08:39:00 del 22/12/2018 - Tipologia: , Denunce, Politica

Le reti segrete della truffa dei 49 milioni della Lega

Le associazioni per ottenere finanziamenti. E quelle per nascondere i soldi. Sullo sfondo l'ipotesi di riciclaggio in Lussemburgo, con un'azienda amministrata dal tesoriere del partito Centemero, scelto da Salvini.

Un network di associazioni per ottenere finanziamenti illeciti. Un altro giro di sigle per nascondere i 49 milioni della truffa ai danni dello Stato. In più, una serie di società anonime sospettate di aver avuto un ruolo nel riciclaggio, tra cui una amministrata proprio dall'attuale tesoriere leghista Giulio Centemero. Ecco tutte le piste setacciate dalla magistratura.

L'Espresso, in edicola da domenica 16 dicembre, nel servizio di copertina dal titolo “Legacadabra” ricostruisce le piste calde delle tre inchieste giudiziarie attualmente in corso sulla Lega: quella della procura di Genova, che indaga per riciclaggio, e quelle dei magistrati di Bergamo e Roma, concentrati invece sul finanziamento illecito. Tutte hanno al centro i conti del partito del vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e provano a dare una risposta a due domande.

Come riesce a finanziarsi la Lega visto che ha i conti correnti sotto sequestro? E dove sono finiti i 49 milioni? I dubbi sulla fine del tesoro padano nascono dai bilanci stessi del partito. Tra la fine del 2011 e il 2017 la Lega ha infatti speso 32 milioni di euro.

I rendiconti ufficiali si limitano a dire che buona parte di questi soldi sono stati usati per “contributi ad associazioni” e “oneri diversi di gestione”. Né Maroni né Salvini hanno mai spiegato i dettagli di quelle operazioni. E soprattutto non hanno mai reso pubblici i nomi di queste organizzazioni che hanno beneficiato dei denari padani. Ora gli investigatori della guardia di finanza del capoluogo ligure coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Pinto e dal sostituto Paola Calleri stanno cercando di risolvere l’enigma

Dall'altro lato ci sono invece le associazioni create sul modello di fondazioni politiche. Usate per incamerare finanziamenti da privati. Una di queste è l'associazione Più Voci, la cui esistenza è stata scoperta dall'Espresso molti mesi prima che diventasse di dominio pubblico con l'arresto del costruttore romano Luca Parnasi. Il quale, come avevamo rivelato nell'aprile 2018, era nella lista dei finanziatori dell'associazione leghista insieme alla catena di supermercati Esselunga.

Dalla rivelazione dell'Espresso è nata la seconda indagine nella Capitale con l'ipotesi di finanziamento illecito, che vede indagati sia l'attuale tesoriere leghista Centemero che il suo omologo del partito democratico, Francesco Bonifazi, dato che pure la fondazione legata al Pd ha ricevuto una donazione di Parnasi. Stesso reato ipotizzato nel fascicolo aperto dai pm di Bergamo, dove ha sede la Più Voci. Secondo quanto risulta all’Espresso, nel capoluogo orobico sono stati ascoltati alcuni testimoni. Oltre alla Più voci c'è poi almeno un'altra associazione finita nel mirino dei magistrati. Un'organizzazione operativa in Liguria, anche in questo caso usata per raccogliere donazioni anonime da girare poi al partito.

Blitz della finanza a Bergamo nella sede dei commercialisti del partito dove è registrata l’associazione Più voci finanziata dal costruttore Luca Parnasi.

Un altro fronte caldissimo delle indagini giudiziarie è il Lussemburgo. La settimana scorsa sono state eseguite delle perquisizioni nello studio di commercialisti di Bergamo, in via Angelo Maj 24 (stesso indirizzo della Più voci), di cui avevamo scritto nel giugno scorso nel servizio di copertina dal titolo “L'Europa offshore che piace a Salvini”. A questo indirizzo hanno sede sette imprese controllate da una anonima holding lussemburghese. Sono tutte registrate presso lo studio del commercialista Alberto Di Rubba, che insieme al collega Andrea Manzoni gestisce i conti dei gruppi parlamentari della Lega. Il sospetto della procura di Genova e del nucleo di polizia tributaria della finanza del capoluogo ligure è che attraverso questa rete di aziende sia stato commesso il delitto di riciclaggio di parte dei 49 milioni, quelli incassati con la truffa sui rimborsi firmata Bossi e Belsito.

C'è però un dettaglio rilevante: una delle imprese bergamasche finite nel mirino dei pm è amministrata dal tesoriere del partito, Centemero, scelto proprio da Salvini. Un'altra è gestita invece da Manzoni, professionista di fiducia di Centemero e direttore amministrativo del gruppo parlamentare alla Camera. 

Da: QUI

Scritto da Gregorio

NEWS PRINCIPALI
Famiglia: come funzionera' l'assegno Bonetti
Famiglia: come funzionera' l'assegno Bonetti
(Cagliari)
-

La ministra Elena Bonetti presenterà il pacchetto nelle prossime ore proprio alla kermesse dell’ex premier, alla quale parteciperà con un ruolo da protagonista.
ASSEGNO BONETTI COME FUNZIONERA' - Il Ministro per le Pari Opportunità e la...

Giovani italiani dipendenti dalle scommesse sul web. Popolo di perdenti che non sogna piu'
Giovani italiani dipendenti dalle scommesse sul web. Popolo di perdenti che non sogna piu'
(Cagliari)
-

Secondo i dati di un rapporto ufficiale, nel Regno Unito sempre più adolescenti sono coinvolti nelle scommesse online. Il numero di giocatori tra gli 11 e i 16 anni è quadruplicato in due anni
ITALIANI DIPENDENTI DALLE SCOMMESSE ONLINE - Molte persone afflitte dalla...

Quanto costa avere un tumore oggi in Italia?
Quanto costa avere un tumore oggi in Italia?
(Cagliari)
-

Avere un tumore oggi costa al malato oltre 40mila euro all’anno
QUANTO COSTA UN TUMORE OGGI IN ITALIA - Per quali ragioni un paziente affetto...

Italiani popolo di fumatori: quanto ci guadagna lo Stato?
Italiani popolo di fumatori: quanto ci guadagna lo Stato?
(Cagliari)
-

QUANTO LO STATO GUADAGNA DAI TABACCHI - L'organizzazione mondiale della salute stima che ogni anno 6 milioni di persone muoiano per causa del tabacco, e di questi uno su dieci non è neppure un fumatore ma è solo esposto al fumo passivo.
QUANTO LO STATO GUADAGNA DAI TABACCHI - L'organizzazione mondiale della salute...

Qualita' dell'aria, Italia prima in UE per morti da biossido azoto
Qualita' dell'aria, Italia prima in UE per morti da biossido azoto
(Cagliari)
-

ITALIA E QUALITA' DELL'ARIA - L'Italia è il primo Paese in Europa per morti premature da biossido di azoto (NO2) con circa 14.600 vittime all'anno ed è nel gruppo di quelli che sforano sistematicamente i limiti di legge per i principali inquinanti atmosfe
ITALIA E QUALITA' DELL'ARIA - L'Italia è il primo Paese in Europa per morti...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati