Le arance non vendono, gli agricoltori tagliano gli alberi per vendere la legna

(Milano)ore 21:42:00 del 31/03/2019 - Tipologia: , Ambiente, Denunce, Lavoro, Sociale

Le arance non vendono, gli agricoltori tagliano gli alberi per vendere la legna

Le arance Italiane (le migliori del mondo) non si vendono più: nei supermercati trovi quelle africane, mentre i nostri agricoltori sono costretti a tagliare gli alberi per vendere la legna…! .

Le arance non vendono, o meglio vengono vendute ai mercati a prezzi troppo bassi. Gli agricoltori hanno deciso così di tagliare gli alberi e vendere il legname. Lasceranno poi i terreni incolti in attesa di tempi migliori. Accade nella provincia di Taranto, a Palagiano, dove oggi si è registrato un’altro espianto di 180 alberi.

“Un chilo di clementine – polemizzano gli agricoltori – si vende a meno di 50 centesimi. Meglio dunque tagliare gli agrumeti, vendere il legname da ardere e lasciare i terreni incolti, in attesa di tempi migliori. Il problema, lamentano, è che dal Marocco arrivano arance che costano meno della metà dei quelle italiane. Inoltre, prima di arrivare nei nostri mercati, passano dalla Spagna per ottenere il marcio della Comunità europea.

Agrumi senza certificazioni

Anche la Coldiretti denuncia Agrumi senza certificazione che invadono impunemente i mercati mondiali. Le regole e certificazioni, infatti, valgono solo per gli agrumi italiani in uscita. Per quelli in entrata, al contrario, non ci sono controlli.

1,5 milioni di quintali invenduti

“Da novembre scorso – racconta il Presidente di Coldiretti Taranto, Alfonso Cavallo – abbiamo denunciato la grave crisi che il comparto agrumicolo della provincia di Taranto sta vivendo. A nulla sono valsi gli appelli alla Regione Puglia. Di 2,5 milioni di quintali di agrumi prodotti, ben 1,5 milioni sono rimasti invenduti. Non è pensabile che per farsi ascoltare dalla politica, gli agricoltori debbano arrivare a distruggere il prodotto o a eradicare gli alberi. Servono fatti, non solo annunci.

Importazioni dal Nord Africa

Coldiretti non manca di evidenziare pure gli effetti delle importazioni dal Nord Africa. Infatti, mentre gli agrumi tarantini non vengono venduti, aumentano le vendite di agrumi dai paesi africani e dal Sud America.

Coldiretti segnala che il Marocco, in soli due mesi, ha esportato in Italia 170 mila tonnellate di clementine. La richiesta è quindi quella di una stretta sui controlli degli agrumi importati dall’estero

Da: QUI

Scritto da Gregorio

NEWS PRINCIPALI
Il grande business della SPAZZATURA. Chi paga? SEMPRE TU
Il grande business della SPAZZATURA. Chi paga? SEMPRE TU
(Milano)
-

BUSINESS RIFIUTI IN ITALIA - A Napoli si dice: MUNNEZZ E' RICCHEZZ....che vuol dire la spazzatura è un grande business...
BUSINESS RIFIUTI IN ITALIA - A Napoli si dice: MUNNEZZ E' RICCHEZZ....che vuol...


(Milano)
-


PROMESSE CONTRATTO GOVERNO CAMBIAMENTO - Nel creare un esecutivo con il...

Allarme Sanita': 20milioni di italiani costretti a rivolgersi al privato per accedere alle cure
Allarme Sanita': 20milioni di italiani costretti a rivolgersi al privato per accedere alle cure
(Milano)
-

CRISI SANITARIA IN ITALIA - La sanità italiana ha accumulato un debito con i propri fornitori di 22,9 miliardi di euro.
CRISI SANITARIA IN ITALIA - La sanità italiana ha accumulato un debito con i...

Imu Tasi acconto giugno prima casa: chi la paga?
Imu Tasi acconto giugno prima casa: chi la paga?
(Milano)
-

IMU TASI ACCONTO GIUGNO PRIMA CASA - Anche per il 2019 nulla è dovuto dai possessori di abitazione principale, sia per l’Imu che per la Tasi, a condizione che non si abbia una casa di lusso.
IMU TASI ACCONTO GIUGNO PRIMA CASA - Anche per il 2019 nulla è dovuto dai...

Ilva, cassa integrazione per 1400 lavoratori
Ilva, cassa integrazione per 1400 lavoratori
(Milano)
-

CASSA INTEGRAZIONE PER 1400 LAVORATORI ILVA - Non sembra esserci pace per la situazione industriale dell'ex Ilva.
CASSA INTEGRAZIONE PER 1400 LAVORATORI ILVA - Non sembra esserci pace per la...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati