L’Anpi affossa Renzi

(Reggio Emilia)ore 15:14:00 del 21/09/2016 - Tipologia: Denunce, Politica

L’Anpi affossa Renzi

Dire che è in gioco la democrazia è una presa in giro per il popolo italiano”, ha replicato Matteo Renzi, “Il nostro è un Paese con un eccesso politici e poca politica, soprattutto negli ultimi anni..

Immancabili anche stavolta le contestazioni a Renzi. Ma a chi gli urla “vai a casa” il premier risponde: “Le segnalo che c’è una procedura molto semplice per mandarmi a casa. Ci vado anche volentieri, non oggi che devo andare a Bratislava. Finché c’è la fiducia del Parlamento io rimango a servire il mio Paese con buona pace sua e di chi interrompe il dibattito”

Dopo un estate di battibecchi a distanza, è andato in scena sul palco della festa dell’Unità di Bologna l’atteso confronto tra premier e associazione partigiani – da sempre schierata per il “no” – sul tema del referendum.

 

L’ Anpi affossa Renzi: “Così si stravolge Costituzione” …Cara Boschi, fattene una ragione: i veri Partigiani vi mandano affanculo!!

“Si può votare sì, si può votare no. Ma dire che è in gioco la democrazia è una presa in giro per il popolo italiano”, ha replicato Matteo Renzi, “Il nostro è un Paese con un eccesso politici e poca politica, soprattutto negli ultimi anni. Il bicameralismo paritario non esiste in nessun altro Paese e non lo volevano né Dc né Pc”.

A Bologna il confronto tra premier e associazione partigiani – ANPI – in vista del referendum costituzionale

Il segretario del Pd ha poi ribadito la sua disponibilità a cambiare l’Italicum: “Il Pd è davvero pronto a discutere”, ha spiegato, “Come? Può esserci un modello diverso ma voglio vedere le carte. Mi riferisco a Sel, Fi, M5S, Lega: se avete delle proposte su cui siete disposti a discutere noi ci siamo. Per fare una riforma costituzionale non è che ci vuole una settimana, come ha detto Smuraglia. Noi ci abbiamo messo due anni e mezzo facendo di corsa”

Chiara Sarra

“È l’occasione per dare un esempio di civiltà. Per un confronto senza toni esasperati”, ha spiegato il presidente nazionale dell’Anpi, Carlo Smuraglia attaccando però duramente l’operato del governo: “Secondo noi sarebbe un danno per il Paese se passasse questa riforma, non abbiamo altro obiettivo che difendere la Costituzione da quello che riteniamo un suo stravolgimento. Il governo cade quando non ha la fiducia del Parlamento non quando lo decide un’associazione”, ha esordito Smuraglia, “Quello che si doveva e voleva, cioè aggiustare questo ping pong tra Camere, si poteva fare in una settimana. Invece si sono persi due anni per fare, io ritengo, una riforma fatta male”.

 

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Sondaggi: 6 italiani su 10 NON vogliono l'immigrazione
Sondaggi: 6 italiani su 10 NON vogliono l'immigrazione
(Reggio Emilia)
-

Censis: sei italiani su dieci non vogliono l’immigrazione
Sei italiani su dieci non vogliono immigrati extracomunitari, il 45% non ne...

Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare
Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare
(Reggio Emilia)
-

Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste di fine anno negli asili, gli italiani alla busta paga e a come far quadrare i conti e le imprese a lamentarsi di non riuscire a trovare personale.
Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste...

5G: la tecnologia utilizzata anche dai militari e' PERICOLOSA PER LA SALUTE
5G: la tecnologia utilizzata anche dai militari e' PERICOLOSA PER LA SALUTE
(Reggio Emilia)
-

Finalmente la sicurezza della tecnologia 5G viene messa in discussione
Nel caso non l’aveste notato, vi informo che i fascisti della tecnologia che...

Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni
Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni
(Reggio Emilia)
-

Blitz della finanza a Bergamo nella sede dei commercialisti del partito dove è registrata l’associazione Più voci finanziata dal costruttore Luca Parnasi.
Non c'è pace per la Lega di Matteo Salvini. Dopo la notizia dell'indagine sul...

Salvini  : 400 euro al mese per i PADRI SEPARATI IN DIFFICOLTA'
Salvini : 400 euro al mese per i PADRI SEPARATI IN DIFFICOLTA'
(Reggio Emilia)
-

“La Regione Lombardia dà 400 euro al mese di contributo ai padri separati. Conosco questa drammatica realtà e vorrei allargare a tutta l’Italia questo fondo
Il ministro dell'Interno e vicepremier del governo Conte, Matteo Salvini, ha...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati