Italia nel mirino degli estremisti islamici

CROTONE ore 12:20:00 del 04/03/2015 - Tipologia: Cronaca, Denunce, Politica, Sociale

Italia nel mirino degli estremisti islamici

Italia nel mirino degli estremisti islamici. Ecco la prova.

In concomitanza con gli attentati che hanno sconvolto Parigi e la Francia, la minaccia degli islamisti torna a scuotere la Capitale. Dopo la bandiera dello stato islamico piantata in Piazza San Pietro nel magazine ufficiale degli uomini in nero, la città simbolo della cristianità è la protagonista di un video apparso in rete in cui si inneggia alla vendetta per gli insulti ai mussulMani.

La retorica è la stessa dei video pubblicati dal Califfato di Abu Bakr al Baghdadi, ma la firma appare essere diversa: “Isra Media Production”, una sigla nuova anche per gli esperti del settore. Immagini dei campi di addestramento in Medio Oriente e dei raid americani sono intervallati da ricorrenti immagini del Colosseo, Pantheon, Piazza Navona, Fontana di Trevi e ovviamente del Vaticano. Immagini riprese da uno dei tanti video che si vedono sulla rete della Capitale, in particolare uno recentissimo girato con un drone. Poi al minuto 1.14 quello che appare come l‘ennesimo messaggio agli alleati dell’America. Affaritaliani.it ha chiesto ad un analista di questioni mediorientali di verificare l’attendibilità delle immagini e la fonte.

“Verificare l’attendibilità del filmato è difficile – afferma ad Affari Gianmarco Volpe, giornalista dell’agenzia Nova – di certo, non si tratta di una rivendicazione dell’attentato di Parigi da parte dello stato islamico come il titolo del video vorrebbe fare intendere: le immagini non hanno riferimenti all’attacco a Charlie Hebdo. Non ci sono nemmeno indicazioni che mostrano che lo Stato islamico sia effettivamente autore del filmato”.

“Il ricorrere insistente delle immagini di Roma può destare impressione, ma il tema della conquista della capitale italiana è già stato fatto proprio in più occasioni da Abu Bakr al Baghdadi, leader dello Stato islamico e auto-proclamatosi califfo. Per i jihadisti Roma, cuore della cultura e della religione cattolica, è un riferimento di grande valenza simbolica più che un obiettivo concreto. Questo non significa che l’Italia non corra pericoli o che possa abbassare le difese.

Rispetto a paesi come Francia e Gran Bretagna, i numeri dicono che dall’Italia sono partiti meno jihadisti diretti in teatri di guerra come la Siria e l’Iraq. Questo rende più facile il lavoro della nostra intelligence nel tracciarne gli spostamenti. La minaccia dei lupi solitari è però sempre presente, sebbene questi ultimi abbiano spesso una capacità operativa inferiore rispetto a chi, come nel caso degli attentatori di Parigi, ha ricevuto addestramento e accumulato esperienza in un contesto di conflitto”.

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
L'Ironman 2018? Ancora un vegetariano!
L'Ironman 2018? Ancora un vegetariano!

-

I dogmi ufficiali stanno saltando uno alla volta.
I dogmi ufficiali stanno saltando uno alla volta.Nella nutrizione collegata allo...

L'ultimo SCANDALO IN VATICANO
L'ultimo SCANDALO IN VATICANO

-

Accuse di “condotte immorali” al nuovo numero due della Segreteria di Stato. E il papa dice: è un attacco contro di me
In Italia il nome del monsignor Edgar Peña Parra non dice nulla a nessuno. E...

Hai una Smart Tv in salotto? Ecco come ti spiano!
Hai una Smart Tv in salotto? Ecco come ti spiano!

-

I televisori Samsung ascoltano le conversazioni che si intessono presso il focolare domestico e le trasmettono a terze parti perché vengano analizzate e trasformate in comandi.
  I televisori Samsung ascoltano le conversazioni che si intessono presso il...

Come l'austerity uccide i malati (e aggrava il debito pubblico)
Come l'austerity uccide i malati (e aggrava il debito pubblico)

-

Il vero pericolo per lo stato di salute di un paese e dei suoi cittadini non è rappresentato tanto da una crisi economica ma dalla risposta che a tale evento dà la politica.
Il vero pericolo per lo stato di salute di un paese e dei suoi cittadini non è...

Vivi vicino a un fast food? Aumenta il rischio DIABETE
Vivi vicino a un fast food? Aumenta il rischio DIABETE

-

Le persone che vivono in zona con un’alta densità di fast food e take away hanno l’11% di rischio in più di sviluppare il diabete
Le persone che vivono in zona con un’alta densità di fast food e take away hanno...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati