INSONNIA E DEPRESSIONE: il legame che tanti italiani soffrono

(Genova)ore 13:43:00 del 30/07/2018 - Tipologia: , Salute

INSONNIA E DEPRESSIONE: il legame che tanti italiani soffrono

Dio benedica chi ha inventato il sonno, mantello che avvolge i pensieri di tutti gli uomini, cibo che soddisfa ogni fame, peso che equilibra le bilance e accomuna il mandriano al re, lo stolto al saggio.

PENSO DUNQUE SONNO - IN ITALIA 9 MILIONI DI PERSONE SOFFRONO DI INSONNIA E MOLTE ALTRE LAMENTANO DIFFICOLTÀ AD ADDORMENTARSI – LE CAUSE E IL LEGAME STRETTO CON LA DEPRESSIONE - L' ERRORE PEGGIORE? DORMIRE POCHE ORE ALLA VOLTA: NUOCE AI RIFLESSI, ALLA CONCENTRAZIONE E ALLA MEMORIA. E SUL PISOLINO POMERIDIANO…

«Dio benedica chi ha inventato il sonno, mantello che avvolge i pensieri di tutti gli uomini, cibo che soddisfa ogni fame, peso che equilibra le bilance e accomuna il mandriano al re, lo stolto al saggio», scriveva Miguel de Cervantes. C' è, insomma, una sorta di giustizia «divina» nel dormire: dopo le gesta giornaliere, chiunque tu sia, ti aspetta il tepore dolce del riposo. Benché ancora in parte un mistero, il sonno è scandito da un «orologio» progettato dall' evoluzione per accordare il metabolismo dei viventi alla rotazione della Terra. Purtroppo, però, come tutti i fini meccanismi della biologia, anche questo può incepparsi.

In Italia soffrono di insonnia diagnosticata nove milioni di persone, mentre sette su 10 manifestano disturbi del sonno e quattro su 10 lamentano difficoltà ad addormentarsi.

Tante altre persone, per fortuna, stanno invece bene, ma, dando per scontata la regolarità dei propri bioritmi, la sacrificano costantemente, mettendola a dura prova. Rovinare tutto è estremamente facile, mette in guardia Giuseppe Insalaco, ricercatore dell' Istituto di biomedicina e di immunologia molecolare «Alberto Monroy» del Cnr di Palermo, uno dei centri d' avanguardia dedicati al sonno.

Trascurando il fatto che il corretto riposo è uno degli strumenti fondamentali legati alla sopravvivenza, per i motivi più diversi - dal lavoro alla famiglia e al divertimento - ritardiamo sempre più spesso l' appuntamento con le coperte, con la speranza di recuperare nel weekend.

Ancora, induciamo artificialmente il sonno o la veglia con integratori o farmaci con l' obiettivo di essere pronti «a comando». Tanti modi perfetti per scardinare gli ingranaggi del nostro orologio biologico. «Dormire è una fase dell' evoluzione del metabolismo giornaliero molto precisa - sottolinea lo specialista - e consta di un lungo periodo, diviso in cicli, tra i quali quelli del sonno leggero e profondo e il sonno Rem, durante il quale sogniamo». Interferire in qualunque modo con questi cicli manomette la qualità di vita e, quindi, anche la veglia.

Quando servono i farmaci Ecco perché «programmare le dormite, a seconda degli impegni, a volte spezzando il sonno qua e là nell' arco della giornata, non garantisce riposo, ma semmai espone all' insonnia». È un' abitudine ritenuta, a torto, in grado di «efficientare» la giornata. Se Leonardo da Vinci, per lavorare meglio, dormiva 20 minuti ogni quattro ore e se altri personaggi, da Thomas Edison a Napoleone Bonaparte e Winston Churchill, spezzavano il sonno, meglio non imitarli. In realtà il sonno «polifasico» nuoce ai riflessi, alla concentrazione e anche alla memoria. E, allora, il pisolino pomeridiano? Altro discorso: «A metà giornata il fisico ha un calo ed è bene abbassare la guardia, massimo 20 minuti, come per altro è politica delle grandi aziende statunitensi e giapponesi che l' hanno istituzionalizzato per migliorare la performance dei dipendenti».

Chi, poi, soffre di insonnia cronica deve essere trattato con i farmaci.

Ma «gli ipnotici, in primis le benzodiazepine, sono utili esclusivamente per brevi periodi - prosegue Insalaco -. Alla lunga danno dipendenza e non garantiscono un sonno ristoratore». E la famosa melatonina? «Può aiutare, ma l' efficacia è limitata e individuale».

Quanto alle terapie non farmacologiche, queste, di fatto, non esistono. Valgono piuttosto alcuni accorgimenti: la temperatura della stanza da letto non deve superare i 24 gradi, si devono spegnere le luci, anche i led degli elettrodomestici, e sono vietati gli schermi retroilluminati oltre a quelli di cellulari e tablet. Chi, invece, si risveglia nelle notte è meglio che si alzi: rigirarsi nelle coperte è inutile, ma niente sigarette, frigorifero e tv. Se adottiamo comportamenti «attivi», i neurotrasmettitori «pensano» sia giorno e non si riprende più sonno.

Meglio leggere.

La depressione Attenzione, infine, ad alcuni campanelli d' allarme. L' insonnia persistente ha un legame stretto con la depressione - una terapia antidepressiva può aiutare il sonno - e anche numerose malattie organiche: se vi svegliate spesso di notte per andare in bagno, meglio verificare la salute della prostata o eventuali cistiti. Se la minzione notturna è abbondante, può dipendere dal diabete. Oppure, ancora, potreste soffrire di sindrome da apnee ostruttive del sonno. Se poi a tenervi svegli è, in realtà, il partner che russa, spingetelo a mangiare meno: con la pancia gonfia, infatti, si innalza il diaframma e respirare diventa faticoso. E soprattutto dormire, per chi sta accanto.

Dago

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Dieta settembre 2019 per tornare in forma dopo le vacanze
Dieta settembre 2019 per tornare in forma dopo le vacanze
(Genova)
-

DIETA SETTEMBRE 2019 - Consigli del dott., biologo nutrizionista, Marty Fierro. 
DIETA SETTEMBRE 2019 - Consigli del dott., biologo nutrizionista, Marty...

Influenza Settembre 2019: sintomi e cura
Influenza Settembre 2019: sintomi e cura
(Genova)
-

INFLUENZA SETTEMBRE 2019 - Nei periodi estivi i fattori che possono portare alla comparsa di sintomi influenzali o parainfluenzali sono fondamentalmente due: oltre al fattore ambientale (con gli sbalzi di temperatura, sia quelli naturali che quelli “artif
INFLUENZA SETTEMBRE 2019 - Nei periodi estivi i fattori che possono portare alla...

Carenza di vitamine: sintomi e come prevenirla
Carenza di vitamine: sintomi e come prevenirla
(Genova)
-

SINTOMI E PREVENZIONE CARENZA VITAMINE - Il nostro corpo umano per il 99% è costituito da ossigeno, carbonio, idrogeno, calcio, fosforo ed azoto. 
SINTOMI E PREVENZIONE CARENZA VITAMINE - Il nostro corpo umano per il 99% è...


(Genova)
-


LA DENUNCIA SHOCK DI UN ONCOLOGO DI FAMA MONDIALE - "Il timore mio - me ne...

Macronutrienti nella dieta: come ripartirli
Macronutrienti nella dieta: come ripartirli
(Genova)
-

MACRONUTRIENTI NELLA DIETA - Gli alimenti che consumiamo quotidianamente sono costituiti da molecole dotate di funzione energetica, plastica e regolatrice, che controllano le attività cellulari alla base del corretto funzionamento del corpo umano.
MACRONUTRIENTI NELLA DIETA - Gli alimenti che consumiamo quotidianamente sono...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati