Il VELENO a Norma di Legge: Pane, pasta e Pizza!

(Torino)ore 17:19:00 del 08/09/2017 - Tipologia: , Ambiente, Denunce, Salute

Il VELENO a Norma di Legge: Pane, pasta e Pizza!

E’ ufficiale: con il grano ammuffito e con  il glutine stanno avvelenando mezzo mondo!.

E’ ufficiale: con il grano ammuffito e con 

il glutine stanno avvelenando mezzo mondo!
Non solo ci avvelenano, ma ci prendono pure in giro. 
Uno studio realizzato dalThe Economist Intelligence Unit, voluto dalla Barilla, spiega che in Canada sono tra i più attenti al mondo a quello che mangiano. 

Ma a noi italiani i canadesi – con la connivenza dell’Unione Europea (e, soprattutto, del Parlamento europeo) fanno mangiare il grano duro avvelenato da glifosato e micotossine

Mezzo mondo è ormai pieno di malattie provocate dai derivati del grano prodotti con questi grani ammuffiti, dalla sensibilità al glutine (malattia spesso scambiata per celiachia) a patologie molto più gravi come linfomi, morbo di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica (Sla) e il morbo di Parkinson. Ma non si fa nulla. 
Le multinazionali del cibo avvelenato 

non possono perdere il business…
Il grano dovrebbe essere coltivato delle aree del mondo a Sud del 42 parallelo nell’emisfero boreale. In queste zone – e le Regioni del Sud Italia rappresentano l’esempio classico – le radiazioni ultraviolette del sole eliminano i funghi che producono le micotossine, sostanze che creano seri problemi alla salute dell’uomo. Non altrettanto può dirsi delle aree umide, dove i grani, proprio a causa dell’umidità, sviluppano funghi e quindi le micotossine.

La presenza di micotossine nei derivati del grano (pasta, pane, pizze, farine, semola, dolci, eccetera) provoca disturbi anche seri al nostro organismo. La micotossina DON – che è quella che si ritrova nel grano coltivato nelle aree umide del mondo – provoca una sorta di allargamento delle ‘giunture serrate’ dei villi intestinali. In condizioni normali i villi intestinali non assorbono il glutine. In presenza dellamicotossina DON la funzione dei villi intestinali viene alterata e gli stessi villi iniziano ad assorbire il glutine che va nel sangue e crea problemi al nostro organismo.

Non solo. Nelle aree umide dove viene coltivato il grano – per esempio, in Canada, dove si coltiva il grano duro – la maturazione naturale del grano è impossibile. 

Così il grano viene fatto maturare artificialmente con irrorazioni di glifosato 

(o gliphosate), un erbicida che simula 

una vera maturazione

"Il grano duro canadese migliore di quello siciliano? 
Falso: è solo un grande imbroglio al glifosato

La moderna scienza ha già appurato quali sono gli effetti del glifosato nell’uomo, come potete leggere qui:

E’ ufficiale: il glifosato contenuto nella pasta provoca la Sla e il morbo di Alzheimer. Queste sono notizie ormai ufficiali. Ebbene, queste notizie non sortiscono alcun effetto. Non se ne parla. Nei giorni scorsi, ad esempio, sono stati diffusi i dati del rapporto Food Sustainability Index (Fsi), voluto dalla Fondazione Barilla e realizzato da The Economist Intelligence Unit.

Questo studio analizza le scelte alimentari di 25 Paesi del mondo partendo dalla sostenibilità dell’intero sistema alimentare mondiale. Stranamente, però, in questo studio – almeno a giudicare dagli articoli che noi abbiamo letto – non si parla del grano che viene coltivato nelle aree fredde e umide del mondo e delle conseguenze che il glifosato e le micotossine provocano nella salute umana.

Un paradosso che abbiamo letto è che il Canada, nella classifica dei Paesi più virtuosi stilata dagli autori di questo studio, è al terzo posto. Insomma, il Canada produce, distribuisce e consuma cibi di prim’ordine.

Sul consumo interno, con molta probabilità, è così: i canadesi, infatti, sono attentissimi a quello che mangiano, come potete 
leggere qui di seguito (clicca)

Il Canada esporta in Sicilia grano duro 

pieno di glifosato e micotossine, ma pretende uva da tavola siciliana supercontrollata!

Sulla produzione e sulla distribuzione non di cibi, ma del grano duro con il quale si producono i cibi – i già citati pasta, pane, pizze, farine, semole, dolci e via continuando – il Canada non ci sembra molto attento, se è vero che esporta – soprattutto in Italia – grano duro pieno di micotossine e glifosato.

A noi, se proprio la dobbiamo dire tutta, questo rapporto ci ha fatto sorridere amaramente. E’ un caso se sia stato promosso da una multinazionale della pasta come la Barilla?

Come si fa a nascondere quello che, ormai, è un problema mondiale? Una volta c’era la Celiachia, malattia autoimmune su base genetica. Da quando i grani coltivati nella zone fredde e umide del mondo hanno invaso il nostro pianeta i danni alla salute di milioni e milioni di persone non si contano più.

Milioni e milioni di persone, a un certo punto della loro vita – a trent’anni, a quarant’anni, a cinquant’anni – hanno cominciato ad accusare i sintomi di una malattia che pensavano fosse celiachia. Ma com’è possibile, si diceva, se la celiachia è una malattia su base genetica?"

Poi si è scoperto che non era celiachia, ma una malattia legata alla sensibilità al glutine (Gluten sensitivit). Cosa succede nel nostro organismo a causa dei derivati del grano che contengono le micotossine l’abbiamo già accennato: si ‘sfasciano’ i villi intestinali e questi ultimi cominciano ad assorbire il glutine che va nel sangue, creando seri problemi al nostro organismo.

Già, i problemi al nostro organismo: i disturbi all’apparato digerente e persino le emicranie, oggi sempre più diffuse nel mondo. Questi ed altri problemi li ha spiegati una delle massime autorità del mondo in questa materia, il professore Alessio Fasano, come potete leggere qui di seguito:

Tutto quello che dobbiamo sapere sul glutine, dalla celiachia alla Gluten sensitivity. 

Tra glifosato e micotossine c’è un mondo pieno di malattie
non soltanto la Gluten sensitivit, ma anche altre patologie: diabete, obesità, asma, linfomi, morbo di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica (Sla) e il morbo di Parkinson.

E che cosa si fa davanti a queste patologie provocate dal grano avvelenato da glifosato e micotossine? Nulla.

Anzi, si continua a fare ammalare la gente. 
Di recente l’Unione Europea ha siglato un accordo commerciale con il Canada: il CETA. In Europa solo la piccola Vallonia ha provato a opporsi ed è stata ‘zittita’, come potete legge qui di seguito:

La Vallonia cede: approvato l’accordo commerciale UE-Canada. Problemi per il grano duro del Sud Italia
Insomma, il grano duro canadese coltivato nelle aree fredde e umide continua ad arrivare in Europa e, soprattutto, in Italia?

Altra domanda: è possibile cambiare sistema? Ci dicono di no.

Del resto, non è che possiamo pretendere che le grandi multinazionali della pastasmettano di utilizzare il grano duro pieno di veleni? Non scherziamo con le cose serie! Prima vengono denaro, arricchimento, affari. Poi tutto il resto, compresa la salute di milioni di persone. Può sembrare incredibile, ma è così!

Poi arriva il signor Barilla e ci viene a dire che “il cibo italiano è per me il più buono al mondo come gusto, ma come sistema alimentare, anche se siamo nella parte alta della classifica, dobbiamo fare meglio”.

Siamo d’accordo con lei, signor Barilla: dovremmo iniziare a non utilizzare più il grano duro che contiene glifosato micotossine.

Anche perché sono in pochi a sapere quello che succede mangiando i derivati del grano che contengono queste sostanze. L’Unione Europea ci dice che, solo per lamicotossina DON, se mangiamo 5 chilogrammi all’anno di derivati del grano, possiamo stare tranquilli: non ci farà male.

Ora, a parte che l’Unione Europea nulla dice del glifosato, va detto che nel Sud Italia, in media, una persona, tra pane, pasta, pizze, dolci e via continuando consuma qualcosa come 130 chilogrammi di derivati del grano duro all’anno. Quindi i signori dell’Unione Europea, coscientemente, stanno avvelenando la metà della popolazione italiana.

Da: QUI

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
(Torino)
-

Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio nella sua città è stato legato mani e piedi e pestato da antifascisti con il volto coperto, nella centrale via Dante.
Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio...

Soffri di complesso di inferiorita'? Fatti queste domande...
Soffri di complesso di inferiorita'? Fatti queste domande...
(Torino)
-

Tutti facciamo comparazioni. Infatti, la comparazione è una delle attività fondamentali del pensiero. Fin da bambini apprendiamo a conoscere il mondo attraverso la comparazione.
Tutti facciamo comparazioni. Infatti, la comparazione è una delle attività...

La Mafia e' stata ESERCITO DELLA CIA. ECCO LE PROVE SHOCK
La Mafia e' stata ESERCITO DELLA CIA. ECCO LE PROVE SHOCK
(Torino)
-

Si arriva alle stragi del 92, due magistrati siciliani stavano arrivando alle alte sfere del connubio stato mafia, l’esplosivo utilizzato in ambedue le stragi era di tipo militare e di produzione americana o inglese; un’altra incredibile coincidenza.
Nel 1942 la guerra pendeva dalla parte dei nazifascisti, il presidente degli...

E' un dato di fatto: il M5S non vigila sul rispetto delle regole interne!
E' un dato di fatto: il M5S non vigila sul rispetto delle regole interne!
(Torino)
-

La vecchia morale grillina di insultare ad ogni avviso di garanzia, si è infranta non appena hanno interessato massicciamente il M5S.Ma il quel partito,le dimissioni non si usano,sanno che nelle successive elezioni non verranno più rieletti e resistono.
La vecchia morale grillina di insultare ad ogni avviso di garanzia, si è...

Altra tassa occulta nella Bolletta della Luce: ecco CHI state pagando
Altra tassa occulta nella Bolletta della Luce: ecco CHI state pagando
(Torino)
-

Ormai in Italia a pagare i costi delle bollette elettriche sono rimasti solo i clienti privati. Entro il 2019 le utenze di prime e soprattutto seconde case saranno vessati da una nuova tassa occulta, utile per coprire i costi di 15 miliardi di euro per on
Ormai in Italia a pagare i costi delle bollette elettriche sono rimasti solo i...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati