Il grande business della SPAZZATURA. Chi paga? SEMPRE TU

(Firenze)ore 08:26:00 del 22/06/2019 - Tipologia: , Ambiente, Denunce, Sociale

Il grande business della SPAZZATURA. Chi paga? SEMPRE TU

BUSINESS RIFIUTI IN ITALIA - A Napoli si dice: MUNNEZZ E' RICCHEZZ....che vuol dire la spazzatura è un grande business....

BUSINESS RIFIUTI IN ITALIA - A Napoli si dice: MUNNEZZ E' RICCHEZZ....che vuol dire la spazzatura è un grande business...

"Segui i camion". L'indicazione che arriva da un alto dirigente del ministero dell'Ambiente per capire chi fa affari con i rifiuti è semplice: "Segui i camion, e scoprirai uno dei più grandi trasferimenti di ricchezza del nostro Paese". Così, mentre i cassonetti di Roma esplodono e tante regioni convivono da anni con l'emergenza rifiuti, altri hanno saputo trasformare i problemi in opportunità, indirizzando le risorse economiche che si muovono insieme alla "monnezza", vengono idealmente caricate sui camion o sui treni nelle regioni del Centro o del Sud e finiscono lontano.

Per la precisione, finiscono nelle casse di aziende private o di municipalizzate pubbliche del Nord, ma anche in Austria dove arrivano da Roma ben tre treni merci ogni notte. A monte il business dei rifiuti urbani: 11 miliardi di euro all'anno, di cui 5 spesi per sostenere i costi del personale dei 100mila lavoratori del settore; 2 miliardi di costi operativi di gestione (camion, officine, attrezzi, ecc.); e 400 milioni di investimenti per la manutenzione e il rinnovo delle flotte. Quello che rimane, oltre 3 miliardi l'anno, è il business puro, ossia il costo sostenuto per smaltire e trattare i rifiuti. Sono questi i denari che prendono la strada del Nord, molto più attrezzato del Centro e del Sud e disposto ad accogliere camion e treni che arrivano dalle grandi città, Roma e Napoli su tutte.

UN BUSINESS GENIALE
Ma l'industria ha la soluzione: i «servizi ambientali». Passano a raccogliere carta, plastica, vetro e lattine a domicilio; persino la «frazione organica». Ma dev'essere ben separata e pulita. Non solo: devo pagare. Parecchio, sempre di più. Cioè: io gli fornisco preziosi materiali e glieli devo pure pulire. E devo pure pagare. Una volta pagavano loro: soldi in cambio di materiali. Ora do sia i soldi che i materiali; e li devo pure separare e pulire.


Non solo. Recentemente ho ricevuto dei «sacchi personalizzati»: se sbaglio a separare i preziosi materiali che regalo alla «industria del riciclo», mi multano. Grazie al codice a barre personalizzato sono facilmente individuabile. Non capisco. Io pago questa azienda che mi fornisce servizi: dovrei essere io a controllare. Invece è l'azienda che controlla me.
Poi, un giorno, ho capito. Un mio amico ha svuotato il garage e ha portato la risulta in discarica (pardon: piattaforma ecologica). Ha distribuito tutto tra vari container ma, arrivato al rotolo di catrame è stato fermato. «No, questo no». «Perché no?» ha chiesto stupito il mio amico. «Perché non lo possiamo vendere». Mi ha raccontato l'episodio piuttosto sconfortato: «Cosa me ne dovrei fare? Se non lo posso portare in discarica dove dovrei portarlo? Ti istigano ad abbandonare i rifiuti ai bordi delle strade... Me lo terrò ancora nel garage e poi... boh...». Però io ho capito. Non è un servizio. È un business. Un business geniale. Non pagano il materiale, non pagano la separazione né il trasporto alla loro sede. Se la manovalanza (cioè io) si sbaglia, fanno pure le multe (cioè prendono altri soldi). E la gente è anche entusiasta: lavora gratis, regala del materiale, paga ed è pure felice. Geniale.
BUSINESS RIFIUTI IN ITALIA -GRETA E I GRETINI CHE GLI VANNO DIETRO
Poi arriva questa ragazza di 17 anni acconciata come una bambina e partecipa al World Economic Forum di Davos. E dice: «Sul clima voglio che andiate nel panico, dovreste agire come se la vostra casa fosse in fiamme». Lo dice davanti ai rappresentanti dei membri del World Economic Forum cioè davanti a coloro che mi hanno riempito la casa (e il mondo) di spazzatura per aumentare i ricavi. Greta dice che vuole vederli nel panico, ma loro non sembrano nel panico. Sorridono e si atteggiano davanti a questa ragazza acconciata da bambina come se fosse davvero una bambina.

Non hanno l'idea di chi vuole smettere di inquinare. Poi ho capito.
Leggo una notizia sul sito dell'ANSA. Per abitudine vado alla fonte e trovo la conferma: «Il passaggio a questo percorso di crescita sostenibile a basse emissioni di carbonio potrebbe fornire un guadagno economico diretto di 26 trilioni di dollari fino al 2030 rispetto agli affari normali». Anche in questo caso: non è un servizio, e un business. Un business geniale. Perché se le companies guadagnano 26 trilioni di dollari in dieci anni... chi li spende? «[...] tutte le economie dovrebbero porre maggiore enfasi sugli investimenti in infrastrutture sostenibili come motore centrale del nuovo approccio alla crescita. [...] Ciò comporterà un lavoro a stretto contatto con i governi e gli investitori privati per sbloccare gli investimenti e potenziare le finanze miste». Risposta: io.
Greta non vuole vedere nel panico le companies, coloro che inquinano: vuole vedere nel panico me. Perché continui a regalare materiale, a selezionarlo, a trasportarlo e a pagare. Senza pensare. Chi è nel panico non pensa. Geniale.

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Maturita' 2020: ecco il calendario e date delle prove scritte
Maturita' 2020: ecco il calendario e date delle prove scritte
(Firenze)
-

Il Ministero dell’Istruzione ha fornito il calendario delle festività e degli esami di Stato 2019/2020.
CALENDARIO PROVE SCRITTE MATURITA' 2020 - Il Ministero dell'Istruzione ha reso...


(Firenze)
-


RIMBORSI TARIFFE 28 GIORNI NEWS - Altro che rimborsi rapidissimi, c'è "puzza...

Nevica microplastica sull'Artico: stiamo distruggendo la nostra Terra
Nevica microplastica sull'Artico: stiamo distruggendo la nostra Terra
(Firenze)
-

NEVICA PLASTICA SULL'ARTICO - Un gruppo di scienziati tedeschi e svizzeri ha trovato minuscoli frammenti di plastica e gomma nella neve caduta sullo stretto di Fram, il tratto di mar Glaciale Artico tra le isole Svalbard e la Groenlandia, in quantità tali
NEVICA PLASTICA SULL'ARTICO - Un gruppo di scienziati tedeschi e svizzeri ha...

Crisi dei negozi infinita: 1 su 4 prevede chiusura entro fine anno
Crisi dei negozi infinita: 1 su 4 prevede chiusura entro fine anno
(Firenze)
-

CRISI NEGOZI ITALIANI SOTTO CASA - Secondo un recente sondaggio condotto da SWG per Confesercenti è emerso che un negozio di vicinato su quattro prevede la chiusura a fine anno con bilancio negativo e due su dieci prevedono la riduzione della forza lavoro
CRISI NEGOZI ITALIANI SOTTO CASA - Secondo un recente sondaggio condotto da SWG...

Italia a RISCHIO RECESSIONE, ma ai nostri parlamentari non interessa
Italia a RISCHIO RECESSIONE, ma ai nostri parlamentari non interessa
(Firenze)
-

ITALIA A RISCHIO RECESSIONE - Lo spettro della crisi economico-finanziaria torna a farsi vivo in Europa.
ITALIA A RISCHIO RECESSIONE - Lo spettro della crisi economico-finanziaria torna...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati