I FILM IN STREAMING?? SONO LECITI! LEGGI E CONDIVIDI..

(Bari)ore 18:44:00 del 02/04/2017 - Tipologia: , Curiosità, Internet, Sociale

I FILM IN STREAMING?? SONO LECITI! LEGGI E CONDIVIDI..

LA SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI FROSINONE È DESTINATA A FARE GIURISPRUDENZA..

LA SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI FROSINONE È DESTINATA A FARE GIURISPRUDENZA. PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA E IN EUROPA INFATTI UN GIUDICE HA ANNULLATO UNA SANZIONE, DI QUASI 600 MILA EURO, A CARICO DEL GESTORE DEI SITI, NELLO SPECIFICO FILMAKERS.BIZ, FILMAKER.ME, FILMAKERZ.ORG E CINETEKA.ORG, CHE PERMETTONO DI VEDERE ONLINE I FILM IN STREAMING.

“Finalmente un giudice ha riconosciuto che non è automatica la violazione del diritto d’autore se un sito ospita link a streaming di film e musica su internet, anche con banner pubblicitari, se non è chiaro il fine di lucro“, dice l’avvocato Fulvio Sarzana a Repubblica.it. “Per la prima volta, è stato ristabilito lo stato di diritto nelle questioni di copyright. Questo è infatti il primo giudice che riconosce che se non ci sono prove sufficienti, un sito non può essere chiuso e il suo gestore sanzionato“, dichiara al quotidiano romano Marco Scialdone, docente a contratto in Digital Copyright, presso la Link Campus University di Roma e responsabile del team legale dell’Associazione “Agorà Digitale”, la principale organizzazione italiana in tema di diritti digitali.

Scialdone spiega perché la sentenza in questione può essere considerata storica: “Finora in Italia c’è stato un automatismo, come un riflesso culturale più che giuridico: se un sito era bollato come pirata, il giudice non usava le solite cautele per verificare l’impianto probatorio. Il tutto perché le tante battaglie politiche fatte dall’industria del copyright ha fatto passare l’idea che certe attività sono di per sé illegali, quindi attenzione del giudice si abbassava nell’affrontare i casi“. Questa volta però non è stato così tanto che la sanzione da quasi 600 mila euro nei confronti del gestore dei siti è stata annullata.

Il giudice – spiega l’avvocato Sarzana – rilevando come l’indicazione di link non possa qualificarsi come messa a disposizione diretta di file protetti dal diritto d’autore ha ritenuta lecita l’attività del portale. E questo nonostante la presenza di banner pubblicitari. Il giudice infatti ha evidenziato quanto in sé il file sharing, ovvero la condivisione di file protetti dal diritto d’autore, sia un risparmio di spesa e non una attività con finalità di lucro“. In sintesi, il giudice ha stabilito che “non basta che il sito produca reddito ma occorre dimostrare che l’attività di lucro sia collegata alla singola opera e che ne sia il corrispettivo, perché altrimenti siamo in presenza di un risparmio di spesa e non di una attività di messa a disposizione per finalità di lucro”, dice Sarzana.

Da: QUI

Scritto da Samuele

NEWS PRINCIPALI
I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO
I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO
(Bari)
-

Quanti pesticidi ci sono nel cibo che mangiamo? La famiglia D. ha deciso di scoprirlo.
Inizia così il video della seconda puntata de I pesticidi dentro di noi, una...

Liceo Scientifico cerca STUDENTI SOLO MASCHI per far VOLONTARIATO COI MIGRANTI!
Liceo Scientifico cerca STUDENTI SOLO MASCHI per far VOLONTARIATO COI MIGRANTI!
(Bari)
-

Sì, avete capito bene! Solo agli studenti maschi! E questa discriminante in mase al sesso è stata decisa - come spiega il dirigente scolastico nella circolare - per ragioni di AFFINITA'! 
Questo che state per leggere è il testo di una circolare (copia dell'originale...

Il volto OSCURO dell'ECOLOGIA e degli ANIMALISTI
Il volto OSCURO dell'ECOLOGIA e degli ANIMALISTI
(Bari)
-

Come i movimenti animalisti e vegetariani, vogliono estirpare la razza umana dalla faccia della terra
Nel suo Il volto oscuro dell'ecologia, Laurent Larcher fa ben capire come la...


(Bari)
-


E' curioso lo slancio umanitario che ha colto d'improvviso la Sinistra italiana...

Il coraggio di dire CIO' CHE SI PENSA in un mondo di FALSITA'
Il coraggio di dire CIO' CHE SI PENSA in un mondo di FALSITA'
(Bari)
-

Viviamo in un mondo di maschere nel quale è difficile dire quello che si pensa, c’è bisogno di tanto coraggio e spesso si viene etichettati come persone non-comuni, non conformi, fuori dalle regole.
Quello che dovrebbe essere un vantaggio, un pregio, ossia l’essere verità, dire...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati