Gulash Ungherese, come fare

(Firenze)ore 20:31:00 del 11/05/2018 - Tipologia: , Cucina

Gulash Ungherese, come fare

Col passare del tempo, verso la fine del XVIII secolo, la gulyásleves, la minestra dei mandriani, dalla prateria arrivò ad essere conosciuta dalle famiglie borghesi e a riscuotere il grande successo che ha portato il gulash a diventare il piatto tradizion.

Il gulash è sicuramente uno dei piatti più conosciuti e rappresentativi della gastronomia ungherese, che vanta molte imitazioni sia in Europa che oltreoceano.

La sua fortuna è sicuramente dovuta al fatto che si tratta di un piatto semplice da preparare e molto saporito, grazie soprattutto alla paprika, regina della cucina ungherese in generale e senza la quale il gulash non sarebbe gulash!

L'origine di questa ricetta è povera e antica: la sua riuscita è dovuta alla scelta degli ingredienti, al ricco bouquet di spezie e alla pazienza nel cucinarli lentamente. Proprio come volevano i mandriani ungheresi che, quando trasportavano i pregiati manzi grigi dalla pianura della Puszta ai mercati di Moravia, Vienna, Norimberga e Venezia, usavano preparare questa sorta di spezzatino di carne di manzo dentro un grande paiolo messo sopra un fuoco di legna all'aperto.

Il nome stesso della ricetta sembra confermare questa versione visto che il termine Gulyás, ovvero gulash in ungherese, deriva proprio dalle parole gulyás, che significa mandriano, e gulya che significa mandria.

Col passare del tempo, verso la fine del XVIII secolo, la gulyásleves, la minestra dei mandriani, dalla prateria arrivò ad essere conosciuta dalle famiglie borghesi e a riscuotere il grande successo che ha portato il gulash a diventare il piatto tradizionale ungherese per eccellenza.

Conservazione

Potete conservare il gulash per un paio di giorni chiuso in un contenitore ermetico.

Potete congelare se avete utilizzato ingredienti freschi non decongelati.

Consiglio

Se preferite accentuare le note della paprika potete utilizzare quella forte.

Al posto dei semi del cumino potete utilizzare il cumino in polvere che avrà note più marcate di sapore.

Ingredienti

  • 500 g Carne di vitellone o di manzo (per questa ricetta è stato utilizzato il bicchiere di vitellone )
  • 1 Peperone verde
  • 2 Patate
  • 2 Cipolle bianche
  • 1 Pomodoro
  • 1 Carota
  • 100 ml Passata di pomodoro
  • 1 cucchiaino Semi di cumino
  • 30 g Paprika dolce
  • 500 ml Brodo di carne
  • q.b. Olio extravergine d’oliva
  • q.b. Pepe
  • q.b. Sale

Preparazione

1. Metti sul fuoco una casseruola con un filo d’olio d’oliva extravergine e fai soffriggere leggermente le cipolle tagliate a pezzetti grossolani e la carota spezzettata.

2. Aggiungi nella casseruola anche il peperone tagliato a pezzetti piuttosto piccoli ed i semi di cumino.

3. Metti all’interno della casseruola anche la carne di vitello tagliata a tocchetti di circa 4 cm per lato (cerca di tagliare i pezzetti tutti delle stesse dimensioni in modo che la cottura sia uniforme per tutta la carne) e falla insaporire con gli altri ingredienti.

4. Quando la carne avrà iniziato a rosolare su tutti i lati, inserisci nella casseruola anche il pomodoro e la passata di pomodoro; poi, aggiungi anche un po’ di brodo.

5. Continua a far cuocere a fuoco basso la carne ed aggiungi anche la paprika dolce ed il sale e pepe a tuo piacimento.

6. Fai cuocere la carne per almeno 50 minuti a fuoco molto lento ed aggiungendo di tanto in tanto un po’ di brodo nel caso in cui il sugo diventi troppo denso; gira molto spesso il contenuto dell casseruola in modo che la cottura risulti uniforme.

7. Dopo che la carne avrà cotto per 50 minuti, aggiungi nel tegame anche le patate tagliate a tocchetti grossolani e con ancora la buccia e continua a far cuocere per 30 minuti circa, quindi servi il gulash ungherese ben caldo.

Scritto da Carla

NEWS PRINCIPALI
Come fare il Pasticcio di pollo e patate
Come fare il Pasticcio di pollo e patate
(Firenze)
-

Arricchite il vostro pasticcio con funghi trifolati, besciamella o cipolle saltate in padella!
  Quando si parla di pasticci in cucina non allarmatevi, nessun disastro in...

Pere al vino e cioccolato: guida
Pere al vino e cioccolato: guida
(Firenze)
-

Le pere williams sono sicuramente la varietà più adatta, infatti sono quelle ideali da sciroppare, resteranno sode e succose anche dopo la cottura!
  Pere e cioccolato: un abbinamento azzeccatissimo, sperimentato più e più...

Arrosto di maiale con prugne: guida
Arrosto di maiale con prugne: guida
(Firenze)
-

Per ottenere una carne tenera e non troppo asciutta consigliamo di monitorare la cottura con un termometro a sonda che permette di rilevare la temperatura nella parte più interna della carne.
  Con la ricetta dell’arrosto di maiale alle prugne il pranzo della domenica si...

Come fare la Pasta allo scarpariello
Come fare la Pasta allo scarpariello
(Firenze)
-

La pasta allo scarpariello è una vera prelibatezza, grazie principalmente alla qualità degli ingredienti utilizzati: in alcune parti della Campania viene preparata anche con il formato di pasta scialatielli e con il pomodorino giallo.
  Una pasta sciuè sciuè: pomodorini, formaggio e basilico fresco in abbondanza....

Come fare i Croissant salati
Come fare i Croissant salati
(Firenze)
-

I croissant salati si conservano per 1 giorno a temperatura ambiente.
  Siete amanti dei croissant, ma preferite iniziare la giornata con salumi e...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati