Gears 5: guida passo passo

(Bologna)ore 15:02:00 del 10/09/2019 - Tipologia: , Videogames

Gears 5: guida passo passo

Gli scambi di battute tra i protagonisti sfociano così in conversazioni esilaranti, ma anche in curiosi retroscena che meriteranno la nostra attenzione al fine di approfondire la complessa lore di Gears..

 

RECENSIONE GEARS 5 - Gli autori sono riusciti a mettere insieme vari elementi in maniera convincente, rispondendo a domande che i fan della saga si facevano da un bel po' di tempo e utilizzando un impianto che prova a uscire dai confini dei third person shooter lineari, il tutto utilizzando una progressione molto precisa: il primo atto della campagna funge da collegamento con il passato, laddove invece quelli successivi introducono la novità dello Skiff, una slitta a vela che consente di coprire lunghe distanze, per proiettarci all'interno di mappe aperte che ricordano molto le sezioni sulla jeep di Uncharted 4: Fine di un Ladro e consentono di cimentarsi non solo con le missioni principali ma anche con alcune quest secondarie che vanno ad aumentare la durata dell'esperienza in single player, che si aggira attorno alle tredici ore. Dopodiché naturalmente c'è la componente online, che parte appunto dalla possibilità di affrontare la campagna in cooperativa e si estende a un mix di modalità che includono novità assolute (Fuga, una lotta contro il tempo per tre giocatori) ed elementi molto ben collaudati (il Versus nelle sue varie declinazioni e l'Orda).

Al termine del Primo Atto assumeremo il controllo della nostra nuova eroina, reduce dalla morte della madre Reyna e afflitta ora da un’insolita emicrania che la tormenta con visioni a dir poco inquietanti. Kait decide così di mettersi alla ricerca delle dovute risposte, non prima di scontrarsi con i suoi stessi compagni, JD in primis. Abbiamo colto tale occasione per analizzare la complessa figura di Kait, ribelle e determinata, e il rapporto con gli altri personaggi, trovando in Del un alleato prezioso e un eccezionale membro di questo cast stellare; quello di Baird, Marcus e Cole – in questo preciso ordine – resta un trio formidabile, ma è evidente l’intenzione di spostare il focus sulle nuove leve, costruendo personalità di notevole spessore e prendendosi le giuste tempistiche per farlo. Gli scambi di battute tra i protagonisti sfociano così in conversazioni esilaranti, ma anche in curiosi retroscena che meriteranno la nostra attenzione al fine di approfondire la complessa lore di Gears.

RECENSIONE GEARS 5 - Tirando le somme, la Campagna di Gears 5 ci regala una storia coinvolgente, capace di divertire e di emozionare, con plot twist più o meno imprevedibili e momenti di elevata potenza drammatica. Tutto questo passa, tuttavia, per un ritmo narrativo un po’ altalenante – non sono mancati un paio di frangenti “morti” – e per una scrittura che, seppure brillante nella prima parte, si indebolirà nei pressi dell’epilogo. Detto questo, i veri punti di forza dell’avventura risiedono nella sorprendente varietà delle ambientazioni e, soprattutto, nei nuovi elementi che rendono quella di Gears 5 la campagna più ricca della saga.

RECENSIONE GEARS 5 - Visioni di ghiaccio e di deserti scarlatti

Il cambio di prospettiva JD > Kait arriva in concomitanza con un ulteriore, eclatante cambiamento: abbandoneremo le strade e gli angusti corridoi della città per esplorare sconfinate distese ghiacciate e lande desertiche, con tanto di bussola e veicolo. È in questo modo che Gears 5 abbraccia un’inedita struttura semi-open world, strizzando l’occhio a titoli come God of War (2018) in cui il giocatore può girovagare liberamente, curiosare alla ricerca di oggetti segreti e prendere parte ad attività aggiuntive. Dopo essere saliti a bordo del nostro Skif – una slitta sotto steroidi – avremo quindi due opzioni: dirigerci alla prossima quest principale o setacciare la zona, partecipando alle missioni secondarie disseminate nella mappa.

Aspiranti esploratori o meno, non sono pochi i motivi che ci spingeranno a scandagliare i suddetti territori. Per i completisti c’è una generosa manciata di collezionabili da raccogliere, ovvero oggetti che conterranno note e descrizioni inerenti alle principali fazioni di Sera e ai relativi conflitti; ci sono poi le Armi Reliquia, versioni rivisitate delle bocche da fuoco a noi già note, che si distingueranno per la presenza di skill passive o di altri bonus innescabili tramite la ricarica attiva. L’incentivo più importante coincide però con i cosiddetti Componenti, nascosti nei capitoli di ciascun Atto: li utilizzeremo per potenziare il nostro bot alleato, JACK, accedendo all’apposito albero di abilità.

È attraverso la figura del robottino COG che gli sviluppatori introducono un’altra importante novità. JACK è a tutti gli effetti un nostro compagno di squadra, pilotabile dall’IA o da un altro giocatore, magari meno esperto, all’interno delle sessioni co-op. Il nostro nuovo amico potrà dunque supportare Kait e co. durante la battaglia contro Sciame e DeBee (quelli ostili). In che modo? Generando scudi elettromagnetici che devieranno i proiettili, scansionando l’area circostante alla ricerca di nemici o di vie d’accesso, danneggiando gli avversari con scariche elettriche e molto altro ancora; il bot potrà persino raccogliere le armi e le munizioni avvistate nei paraggi: basterà segnalarne la posizione e attendere la consegna – Amazon, scansate. L’efficienza di JACK dipenderà direttamente dal numero di Componenti spesi nel suo skill tree e, in particolare, dal completamento delle missioni secondarie: se portate a termine, queste ultime ci ricompenseranno con una rarissima abilità Ultimate per il bot.

Tanti posti da visitare, oggetti da raccogliere e potenziamenti da sbloccare… ma quanto tempo occorrerà per ritenerci soddisfatti del nostro operato? Durante la nostra prima run abbiamo portato a termine la Campagna di Gears 5 in circa 10 ore, completando l’avventura al 73% e trovando solo 40 dei 90 Collezionabili disponibili – per non parlare delle centinaia di Componenti che non siamo riusciti a scovare. Chi dedicherà maggiore attenzione alla componente esplorativa – e opterà, magari, per un livello di difficoltà più alto – potrà facilmente superare le 15 ore di gioco.

 

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Recensione anteprima Pokemon Masters
Recensione anteprima Pokemon Masters
(Bologna)
-

In generale, Pokémon Masters è stato realizzato con un estremo riguardo verso i classici a cui il gioco si ispira; vi basterà visitare l’hub principale e orecchiare un nuovo remix dell’immancabile tema del Centro Pokémon per capire che il lavoro svolto da
  RECENSIONE POKEMON MASTERS - DeNA e The Pokémon Company hanno da poco...

Dying Light 2: guida passo passo
Dying Light 2: guida passo passo
(Bologna)
-

Dying Light 2 sembra fondere ottimamente i vari elementi che compongono il gameplay, tanto che la sessione di gioco da noi ammirata scorreva in maniera dannatamente fluida e priva di momenti di stallo (cosa che purtroppo accadeva nel predecessore, spesso
  ANTEPRIMA DYING LIGHT 2 - Tornare a immergersi tra le maestose rovine...

Predator Hunting Grounds: cosa sapere
Predator Hunting Grounds: cosa sapere
(Bologna)
-

L’arrampicata automatica, il salto e più in generale una mappatura dei controlli realmente complessa non ci ha permesso di goderci appieno la sessione di gioco nei panni dello yautja, tanto che sarebbe bastato un sistema di controllo più snello per evitar
  PREDATOR HUNTING GROUND ANTEPRIMA - Immaginate di essere in una foresta,...

Gears Pop: guida passo passo
Gears Pop: guida passo passo
(Bologna)
-

Esteticamente, il titolo abbandona lo stile tipico del franchise Gears, adottando uno stile molto più goliardico, in linea con lo spirito che anima i Funko Pop.
  RECENSIONE GEARS POP - In prima battuta Gears POP! si pone come un tower...

Ancestors The Humankind Odyssey: guida passo passo
Ancestors The Humankind Odyssey: guida passo passo
(Bologna)
-

ANCESTORS THE HUMANKIND ODYSSEY RECENSIONE - In Ancestors non c’è una storia a guidare questi nostri lontani parenti verso la conquista della posizione eretta e ogni giocatore vive per questo motivo un’esperienza unica: la conoscenza, la razionalizzazione
  ANCESTORS THE HUMANKIND ODYSSEY RECENSIONE - Ancestors: The Humankind...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati