Far Cry 5, cosa sapere

(Cagliari)ore 13:26:00 del 07/03/2018 - Tipologia: , Videogames

Far Cry 5, cosa sapere

Il nostro scopo sarà quello di arrestarlo e darlo alla custodia federale, in attesa che la giustizia faccia il suo corso.

L'incipit narrativo di Far Cry 5 lo conoscevamo, ma non avevamo mai avuto l'occasione di assistere a quella che è la sezione introduttiva del gioco, che ci ha dimostrato grande potenzialità e gusto in termini di messa in scena.

Noi impersoniamo una recluta dell'ufficio dello sceriffo locale, che assieme ad un Marshal si recherà presso il quartiere generale del progetto Eden's Gate, ovvero la setta dell'enigmatico Joseph Seed, il pastore in grado di riunire attorno a se un grande numero di adepti.

Il nostro scopo sarà quello di arrestarlo e darlo alla custodia federale, in attesa che la giustizia faccia il suo corso. La sequenza introduttiva dura circa cinque minuti ed è carica di tensione e ottima caratterizzazione non solo dell'ambiente ma anche dei personaggi, in particolare di Joseph Seed che, con il passare dei minuti, diventa sempre più inquietante.

Parlando con il team di sviluppo (in quest'articolo troverete spesso dei piccoli incisi derivanti dall'intervista che abbiamo avuto il piacere di fare) ci è stato confermato che il villain di Far Cry 5 è il grande protagonista dell'opera che, assieme ai suoi bracci destri, rappresentano il male da estirpare dal Montana. L'impressione è che il tessuto del racconto di questo nuovo Far Cry possa tener botta anche se confrontato ai capitoli più celebri e che, addirittura, possa dimostrarsi al pari se non superiore di quest'ultimi. Il plot ci ha davvero colpito, palesando delle potenzialità e una cura per la storia che ad oggi non avevamo ancora avuto il piacere di scoprire.

Montana, terra inospitale

Se un primo sguardo superficiale a Far Cry 5 può generare l'idea che il nuovo titolo Ubisoft sia un semplice more of the same, un'analisi più approfondita mostrerà invece un game design che, seppur rimanga molto fedele al brand (portandosi dietro alcuni difetti storici della serie) prova a innovare una formula che ha obbligatoriamente bisogno di qualche novità per mantenere alto l'interesse dell'utenza. Partiamo dunque con l'elencarvi quali sono le novità più importanti di questo nuovo Far Cry: in primis c'è la gestione delle varie regioni del Montana e di come bisogna agire per far proseguire la storia. Questa dinamiche è stata presa da Ghost Recon: Wildlands e propone una barra che mostra i progressi della suddetta regione; una volta portato al massimo l'indicatore, potremmo affrontare e sconfiggere il boss. Per guadagnare i punti che ci permettono di riempire la barra possiamo agire in modi differenti: completare missioni principali e secondarie, liberare i vari avamposti e soccorrere civili. La struttura di Far Cry 5 è costruita per rispondere alle nostre necessità e azioni, comportandosi di conseguenza. Sarà per esempio fondamentale parlare con quante più persone possibili per acquisire informazioni e nuove missioni, come sarà altrettanto importante tenere a mente che i pilastri fondamentali del gameplay sono l'esplorazione, la sopravvivenza, la crescita e la personalizzazione. Questi fattori si fondono in modo omogeneo alla struttura open-world pensata da Ubisoft, che lascia davvero molta libertà d'azione e interazione non solo con il mondo ma anche con la storia, permettendoci di farla progredire come meglio preferiamo. I boss da affrontare prima del confronto con Joseph Seed saranno presumibilmente tre e vi assicuriamo che le attività da fare sono molte, partendo dalle classiche missioni storia finendo per la pesca e la caccia.

Come visto nel trailer, si tratta infatti di dover distrugger due silos in giro per la mappa, ma pilotando un aereo d’agricoltura opportunamente modificato per diventare bombardiere. Come se non fosse abbastanza, sulle ali sono montate anche due mitragliatrici e dei lanciarazzi. Prima eliminando i bersagli fissi terreni, sfruttando la telecamera per il bombardamento, e poi togliendo di mezzo le camionette arrivate in supporto, la missione è quasi giunta al termine. Quasi, perché l’ultimo step è stato difendersi da un altro aereo per poi abbatterlo con l’uso dei missili. Con la mitraglia c’è poco gusto, ci piace un minimo di sfida.

Far Cry 5 trae il meglio/peggio dal nord-ovest americano

Croce e delizia di Far Cry 5 è stata però la parte grafica, sontuosa dal punto di vista della risoluzione, ma un po’ più insicura per quanto riguarda il frame-rate. Si parla sempre e comunque di una build precoce, con il lancio del gioco ancora ben lontano, essendo fissato per il prossimo febbraio. Giocato su PS4 Pro, Far Cry 5 ha dato sfoggio della bellezza del Montana con una risoluzione davvero eccellente ed una certa cura per i particolari, pregio già noto per Far Cry 5. Non appena sono cominciati i combattimenti, però, il frame-rate ha cominciato a singhiozzare, non solo per le esplosioni, ma anche per i movimenti repentini del giocatore. C’è comunque ancora parecchio tempo per ottimizzare il tutto e rendere Far Cry 5 piacevole come gli altri capitoli della serie.

In ConclusionE

Far Cry 5 porta il giocatore in un’ambientazione diversa dal solito, molto vicina agli stereotipi che tutto il mondo ha nei confronti della cultura americana. Fa questo mantenendo saldo lo stile del suo gameplay, con qualche aggiustamento per segnare una minima evoluzione dal capitolo precedente, ma Far Cry 5 introduce anche assolute novità, come la presenza di diverse armi corpo a corpo. L’aiuto degli alleati è prezioso in qualsiasi situazione, vista la scarsa vitalità del personaggio e la propensione a lanciarsi ogni volta in mischia.

La realizzazione grafica, pur con qualche difetto, è già ottima in molti aspetti e l’azione correttiva degli sviluppatori non può fare altro che migliorare la situazione, prima che il gioco venga portato sul mercato. Il suo lancio è infatti fissato per febbraio 2018, con un’attesa durante la quale Ubisoft può annotare i piccoli difetti e preparare Far Cry 5 ad un grande lancio.

Scritto da Sasha

NEWS PRINCIPALI
Recensione anteprima Sea of Thieves Shrouded Spoils
Recensione anteprima Sea of Thieves Shrouded Spoils
(Cagliari)
-

Si vede anche la ricomparsa delle statue delle sirene maledette, ma ora saranno distruttibili, per recuperare le gemme magiche.
  Rare ha presentato mediante un nuovo trailer di lancio Shrouded Spoils, nuovo...

Super Smash Bros Ultimate: guida passo passo
Super Smash Bros Ultimate: guida passo passo
(Cagliari)
-

Al di là dell’ormai celebre leit-motiv everyone is here!
  Dall’esordio nel 1999, Super Smash Bros. si è esibito in un percorso di...

Resident Evil 2: la prova
Resident Evil 2: la prova
(Cagliari)
-

Queste due anime, quella rispettosa e quella coraggiosa, sono perfettamente delineabili in Resident Evil 2 e sono riuscite a confermare, in quattro ore di prova, tutte le buone sensazioni che il gioco era riuscito a darci, dimostrandoci, come se ce ne fos
  Il remake di Resident Evil 2 è oramai in dirittura d’arrivo. Mancano davvero...

Just Cause 4: guida passo passo
Just Cause 4: guida passo passo
(Cagliari)
-

La premessa è insomma di quelle buone per esplorare in lungo e in largo Solìs, un’isola che può contare su una mappa non più grande di quanto abbiamo visto in passato ma di certo più variegata, costruita da Avalanche Studios su quattro biomi diversi che s
  In Just Cause 4, Rico si ritrova a Solìs per aggiungere un tassello...

Secret Files Il mistero di Tunguska: guida passo passo
Secret Files Il mistero di Tunguska: guida passo passo
(Cagliari)
-

Nina dovrà inoltre scoprire fino a che punto è immischiato un tale Oleg Kambursky, che nega di conoscere Vladimir e rifiuta ogni contatto con la ragazza.
  Era l’ormai lontano 2006, quando sui nostri PC, e successivamente sulle...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati