Due miliardi di euro per far ripartire L'Aquila

L'AQUILA (L Aquila)ore 22:02:00 del 16/08/2014 - Tipologia: Cronaca, Denunce

Due miliardi di euro per far ripartire L'Aquila

La cittadina abruzzese è ancora sotto shock in seguito al sisma avvenuto ormai cinque anni fa. Ma presto potrebbero arrivare i fondi necessari per far ripartire tutta la città.

Cinque anni dopo, forse è la volta buona. L'Aquila, il capoluogo abruzzese distrutto dal terribile sisma, attende ancora di ripartire. Oltre alle parole, alle promesse e ai comunicati stampa, i politici non hanno fatto nulla. Solo tante visite, tante fotografie, qualche stretta di mano e un paio di pseudo-inaugurazioni di villaggi fantasma. La verità è che L'Aquila è ancora oggi una città fantasma, abbandonata e rovinata, ferita nell'orgoglio oltre che nelle mura. Il Governo di Matteo Renzi pare essersi finalmente reso conto della vergogna ed è pronto a stanziare nuovi fondi per la ricostruzione.

Servono soldi per le case, per i servizi pubblici essenziali, per le scuole e le strutture sportive e di aggregazione. Se si vuole fare davvero rivivere L'Aquila, occorre dotarla di tutto ciò che c'era prima. Almeno. Altrimenti i giovani scapperanno come hanno continuato a fare in questi ultimi quattro anni. Una fuga alla disperata ricerca di un posto di lavoro, di sicurezza, di opportunità per loro e per le loro famiglie. La buona notizia è che insieme a nuovi fondi per la ricostruzione, L’Aquila e il “cratere” del terremoto potrebbero ritrovarsi protagonisti di un importante progetto di rilancio sociale ed economico.

A fari spenti, ma con determinazione, la governance locale e quella nazionale stanno mettendo in campo un’azione congiunta finalizzata alla realizzazione di un grande progetto di sviluppo di livello internazionale denominato “L’Aquila flies on the World”, in grado di determinare la rinascita territoriale ma anche di attrarre turisti e investitori. L'obiettivo dichiarato, ambizioso ma realizzabile se ben strutturato, è quello di far diventare L’Aquila un laboratorio, in quanto l’iniziativa diventerebbe replicabile su scala nazionale e ispirerebbe uno dei progetti di rilancio turistico e culturale del Paese.

A mettere le ali al maxi progetto di sviluppo integrato del capoluogo ci sarebbero i 2 miliardi di euro di fondi Inail destinati alla ricostruzione ma bloccati nelle casse dell’ente dal 2009. Somma che spesso è stata evocata e sulla quale periodicamente ci sono state polemiche. Cosa accadrà in termini concreti? Ovviamente per il momento è tutto top secret e in fase di elaborazione, anche se qualche spiffero è già arrivato all'esterno.

Si tratta di un disegno strategico con al centro il capoluogo, realizzato da una grande società di marketing che trovi sul territorio le proprie risorse e le metta a sistema, per farne una rappresentazione del prodotto L’Aquila da poter lanciare sul territorio nazionale e internazionale. Alla base del progetto potrebbe esserci quindi una Spa con partecipazione governativa e privata che garantirebbe investimenti per il rilancio del territorio, partendo da una scuola di formazione di beni culturali di altissimo livello che, sfruttando l’enorme patrimonio artistico della città, potrebbe portare sul territorio migliaia di studenti da ogni parte del mondo. Nell’ambizioso disegno che interseca cultura, tradizione, innovazione e tecnologie, infatti, c’è anche la città del ‘best buy’con network commerciali per la valorizzazione delle industrie, dei prodotti tipici del territorio e dell’enogastronomia con aree permanenti di ‘vintage’ e antiquariato.

Spazio anche alla tradizione con la realizzazione in centro storico e fuori dalle mura di piccoli hotel, agriturismi diffusi e ‘sunset bar’, il tutto inserito nella città ludica che ospiterà eventi, e Manifestazioni canore e sportive. Tra le proposte di “L’Aquila flies on the World”, anche quella di una linea ad alta velocità di collegamento ferroviario con Roma, per garantire un maggiore afflusso di turisti e un filo diretto con la Capitale, oltre alla creazione di megaparcheggi e un centro interamente pedonalizzato. La città che rinasce passa anche dallo sport e dalla valorizzazione della montagna del Gran Sasso, con la creazione di percorsi di trekking, in bici e a cavallo, di un Palazzo dello sport con piste di pattinaggio roller e sul ghiaccio, e di infrastrutture che potranno ospitare paracadutismo, parkour e bike acrobatica.

Scritto da Albertone

NEWS PRINCIPALI
Banche italiane in utile grazie alle GUERRE
Banche italiane in utile grazie alle GUERRE
(L Aquila)
-

I numeri degli affari del mondo bancario nel settore degli armamenti fanno impressione
Da una parte piangono crisi e chiedono salvataggi da parte dello stato (a spese...


(L Aquila)
-


E' già successo in Gran Bretagna per la Brexit e negli Stati Uniti per...

Silenzio dei media sui vaccini killer: STRAGE DI MILITARI MALATI
Silenzio dei media sui vaccini killer: STRAGE DI MILITARI MALATI
(L Aquila)
-

Mercurio e metalli pesanti nei vaccini somministrati ai militari: non sono un migliaio, ma ben 4.000, i soldati italiani colpiti da gravissimi problemi di salute per motivi di servizio.
Mercurio e metalli pesanti nei vaccini somministrati ai militari: non sono un...

Se tutti pagassero le tasse si potrebbe sanare il debito pubblico? RIDICOLO, ENNESIMA FAKE NEWS DELL'ELITE
Se tutti pagassero le tasse si potrebbe sanare il debito pubblico? RIDICOLO, ENNESIMA FAKE NEWS DELL'ELITE
(L Aquila)
-

Se tutti pagassero le tasse in 18 anni si potrebbe sanare il debito pubblico? Ridicolo.
Se tutti pagassero le tasse in 18 anni si potrebbe sanare il debito pubblico?...

Indovina la nazione che VIOLA di piu' le norme UE? L'Italia? NO! LA GERMANIA!
Indovina la nazione che VIOLA di piu' le norme UE? L'Italia? NO! LA GERMANIA!
(L Aquila)
-

LA DOMANDA È MOLTO SEMPLICE: QUAL E' IL PAESE EUROPEO CHE VIOLA PIU' NORME COMUNITARIE? MOLTI DIRANNO CHE E' L'ITALIA E COSI FACENDO COMMETTEREBBERO UN COLOSSALE ERRORE.
LA DOMANDA È MOLTO SEMPLICE: QUAL E' IL PAESE EUROPEO CHE VIOLA PIU' NORME...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati