Dieta di pochi giorni prima di Pasqua

(Udine)ore 14:43:00 del 27/03/2018 - Tipologia: , Salute

Dieta di pochi giorni prima di Pasqua

Manca un mese alla Pasqua, e un mese è il tempo sufficiente e ideale per mettersi in regola col proprio peso e dimagrire di qualche chilo per affrontare poi con leggerezza e gioia i piatti gustosi che ci aspettano per le feste..

Manca un mese alla Pasqua, e un mese è il tempo sufficiente e ideale per mettersi in regola col proprio peso e dimagrire di qualche chilo per affrontare poi con leggerezza e gioia i piatti gustosi che ci aspettano per le feste. Agnello, colomba, cioccolato… e la primavera che si avvicina, quindi il pericolo di ingrassare proprio quando il clima ci permetterà finalmente di scoprirci di più. C’è tutto il tempo, ora, per evitare questo inconveniente: il segreto è giocare d’anticipo.

Ecco allora qualche prezioso consiglio per fare una dieta dimagrante bilanciata, perdere perdere peso senza sforzo e disintossicarsi allo stesso tempo.

Il primo segreto è quello di non comprare i dolci tipici né le uova di cioccolato prima del tempo: avremo modo di mangiarne a sufficienza nei giorni di Pasqua e Pasquetta. Anzi, l’ideale sarebbe proprio – per 4 settimane da ora – evitare ogni tipo di dolce, risparmiando così notevolmente sulle calorie quotidianamente assunte.

Abbondiamo con la verdura, soprattutto abituandoci a mangiarla come primo piatto – prima della carne, ma anche prima della pastasciutta, quindi appena seduti a tavola – e abbondiamo coi liquidi come l’acqua minerale iposodica, le tisane, i centrifugati di frutta e verdura fresche, il the verde – dalle note proprietà dietetiche -. Tutto questo ci consentirà di introdurre nel nostro organismo molte fibre e sentirci sazi più in fretta, facendo anche il pieno di vitamine e sali minerali.

Prendiamo anche l’abitudine di preferire l’assunzione di carboidrati – meglio se integrali – a pranzo, quando il metabolismo è più attivo e ha tutto il tempo del pomeriggio per bruciare le calorie introdotte. A cena, l’ideale è una zuppa, un minestrone, molte verdure cotte e proteine magre: carne bianca e pesce. Una cena leggera e il più possibile lontana dall’ora di coricarsi ci aiuterà a non accumulare i grassi non consumati dall’organismo.

Il metodo di cottura e i grassi utilizzati come condimenti, poi, svolgono un ruolo importantissimo: per 4 settimane, senza sforzo alcuno – e, anzi, adottandola come sana abitudine dietetica – limitiamoci a cuocere gli alimenti solo al vapore, al forno o ai ferri in una padella antiaderente. Ed evitiamo qualsiasi grasso cotto o in fase di cottura: è consentito solo e soltanto l’olio d’oliva usato a crudo sugli alimenti.

Limitiamo al massimo l’alcol, che – come abbiamo detto tante volte – è ricco di calorie vuote, prive quindi di qualsiasi nutriente. Teniamo a mente che 1 grammo di alcol fornisce 7 kilocalorie – contro le 4 kilocalorie dei carboidrati e le 9 dei grassi. Qualsiasi dieta dimagrante, infatti, sconsiglia fortemente o vieta il consumo di alcolici.

Un altro segreto è quello di non saltare mai i pasti, ma dimezzarne le dosi, e sarà facile farlo utilizzando piatti più piccoli, come ad esempio mangiare solo e soltanto nei piattini da frutta.

Infine, non sarà difficile – in un mese – scegliere 3 giorni in cui seguire una dieta piuttosto restrittiva ma dal forte potere depurante. Il risultato sarà più che soddisfacente: arrivare alle leccornie di Pasqua e potersi concedere due o tre giorni di cibi golosi senza perdere la forma!

Ecco il menù per la dieta dimagrante e depurante per tre giorni – da non prolungare oltre perché molto rigida.

A colazione, sempre: uno yogurt magro al naturale e un kiwi. The verde non zuccherato. A metà mattina, sempre: una mela o una pera. A metà pomeriggio, sempre: un centrifugato di verdure fresche, tipo carote, sedano, cetrioli, ecc. The verde non zuccherato. Prima di dormire, sempre: una tisana ai semi di finocchio – dalle proprietà sgonfianti-.

Primo giorno – a pranzo: un uovo sodo, 100 grammi di asparagi lessi, 200 grammi di insalata fresca di stagione. Al massimo 2 cucchiaini d’olio a crudo per condire tutto il pasto. – a cena: una zuppa di verdure abbondante; 200 grammi di finocchi al vapore con al massimo 2 cucchiaini di olio crudo.

Secondo giorno – a pranzo: un’insalata mista con una scatoletta di tonno magro al naturale, pomodorini, carote, sedano, peperoni, cuori di lattuga e cuori di carciofo. Due cucchiaini al massimo di olio a crudo per condire e un frutto di stagione a scelta. – a cena: 120 grammi di merluzzo o nasello ai ferri o al forno con rosmarino e/o alloro; 200 grammi di broccoli al vapore con al massimo due cucchiaini d’olio a crudo.

Terzo giorno: – A pranzo: un’abbondante insalata mista verde con pomodori e gamberetti (40 grammi) e un frutto di stagione. Due cucchiaini d’olio al massimo per condire. – A cena: 80 grammi di ricotta magra; 200 grammi di spinaci al vapore con al massimo due cucchiaini d’olio a crudo.

Da: QUI

Scritto da Samuele

NEWS PRINCIPALI
Cibi anti caldo per combattere l'afa e dormire bene
Cibi anti caldo per combattere l'afa e dormire bene
(Udine)
-

Scoprite quali sono i cibi per combattere il caldo, perché idratano al meglio e sono ricchi di sali minerali, acqua e vitamine, sostanze utili in caso di sudorazione e temperatura elevata
Scoprite quali sono i cibi per combattere il caldo, perché idratano al meglio e...

Estate: migliorare il sesso? Puntate sulla VITAMINA D!
Estate: migliorare il sesso? Puntate sulla VITAMINA D!
(Udine)
-

Non servono pasticche blu o un bicchierino in più. Per migliorare il sesso, secondo la scienza, c’è una soluzione molto più semplice.
ESTATE, MOLLATE IL VIAGRA - PER MIGLIORARE IL SESSO PUNTATE SULLA VITAMINA D -...

Dimagrire senza seguire una dieta? Ecco le 10 regole fondamentali!
Dimagrire senza seguire una dieta? Ecco le 10 regole fondamentali!
(Udine)
-

Quante volte ci siamo promessi “da lunedì starò a dieta!” e quanti articoli abbiamo letto per scegliere la dieta migliore per noi, quella meno drastica e restrittiva?
Quante volte ci siamo promessi “da lunedì starò a dieta!” e quanti articoli...

Miele contaminato da pesticidi: quali sono i rischi
Miele contaminato da pesticidi: quali sono i rischi
(Udine)
-

I 3/4 del miele prodotto in tutto il mondo contiene pesticidi neonicotinoidi. Le concentrazioni rilevate dall’indagine non risultano pericolose per l’uomo, ma rappresentano una seria minaccia per le api.
Il 75 percento del miele venduto in tutto il mondo è contaminato da pesticidi;...

La dieta di CRISTIANO RONALDO
La dieta di CRISTIANO RONALDO
(Udine)
-

Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono molto più longevi perché hanno a disposizione dei preparatori sempre più bravi, perché la scienza medica è migliorata e gli infortuni costano meno caro a chi li subisce e perché
Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati