Come fare la Pizza di carne

(Torino)ore 19:05:00 del 21/04/2019 - Tipologia: , Cucina

Come fare la Pizza di carne

Trattandosi di una pizza margherita sarebbe bene rispettare la tradizione, ma visto che di una vera e propria pizza non si tratta lasciatevi ispirare dal vostro palato..

 

Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di carne si chiama così proprio perchè si ispira alla classica margherita, per la sua forma e il suo condimento!

Certamente l'impasto non è lo stesso, infatti non si utilizzano acqua, lievito e farina, ma un impasto simile a quello delle polpette, ricco di carne macinata pane e formaggio!

La pizza di carne è un secondo piatto sfizioso, un salvacena perfetto che piacerà ai grandi, ma soprattutto ai più piccoli! Ricco di sugo e mozzarella sarà una goduria per il palato!

CONSERVAZIONE

Una volta pronta la vostra pizza di carne potrete conservarla in frigorifero per un paio di giorni.

Se preferite potete congelarla sia da cruda che da cotta, solo se avete utilizzato ingredienti freschissimi.

CONSIGLIO

Trattandosi di una pizza margherita sarebbe bene rispettare la tradizione, ma visto che di una vera e propria pizza non si tratta lasciatevi ispirare dal vostro palato. Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.

Giusto per cominciare. Anche i formaggi possono essere variati, perché non del provolone o della scamorza? Infine, se proprio volete fare una variazione molto saporita, andate di diavola! Il salame piccante, o spianata calabra, renderanno speciale la vostra “pizza”!

DOSI PER

4 persone

DIFFICOLTÀ

bassa

PREPARAZIONE

15 min

COTTURA

30 min

COSTO

basso

REPERIBILITÀ ALIMENTI

facile

CARNE MACINATA DI MANZO 600 gr

PROVOLA 200 gr

GRANA PADANO 3 cucchiai da tavola

UOVA 2

PANGRATTATO q.b.

SALSA DI POMODORO PRONTA 1 tazza

PREZZEMOLO 1 ciuffo

OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA (EVO) q.b.

PEPE NERO q.b.

ORIGANO ESSICCATO q.b.

BASILICO 1 ciuffo

SALE q.b.

Preparazione

Per preparare la pizza di carne partite dall'insaporire la salsa di pomodoro che più avrà tempo di riposare e più acquisirà sapore. Raccogliete la salsa in una ciotola in vetro e aggiungete qualche foglia di basilico spezzettata a mano.

Ci raccomandiamo che spezzettiate il basilico a mano, in questo modo manterrà il colore e il sapore senza deteriorarsi, qualora lo tagliaste con un coltello sarà inevitabile che inizi ad ossidarsi cambiando sia nel colore che nell'aroma.

Insaporite la salsa anche con una quantità adeguata di sale e mescolate bene il tutto. Mettete la salsa da parte ad insaporirsi fino al momento in cui la dovrete utilizzare per procedere con la ricetta.

Dedicatevi ora alla carne macinata di manzo, raccoglietela in una bella ciotola in vetro e aggiungetevi dapprima le uova. Se non siete tanto bravi ad aprire le uova e se vi capita spesso e volentieri di far cadere dei pezzettini di guscio, vi consigliamo di rompere e far cadere il tuorlo e l'albume in una ciotola a parte così che possiate verificare che non vi siano pezzettini di guscio prima di unire le uova al resto della preparazione.

Aggiungete, quindi, due o tre cucchiai di parmigiano o grana grattugiato, questo ingrediente servirà per dare più sapore alla carne quindi dosatevi in base ai vostri gusti. Unite anche il pangrattato che, invece, ha il compito di compattare il composto, il quale dovrà risultare umido ma non troppo molliccio.

La quantità del pangrattato non è precisa, iniziate aggiungendone due o tre cucchiai e se fosse necessario, aggiungetene dell'altro successivamente, quando avrete aggiunto anche tutti gli altri ingredienti.

Terminate di preparare il composto aggiungendo sale, pepe in quantità adeguata e comunque sempre in base ai vostri gusti e un bel ciuffetto di prezzemolo tritato finemente che darà quel tocco di freschezza a tutto il composto.

Se avete dei bimbi che non apprezzano "le cose verdi" nel piatto, potete pensare anche di omettere l'aggiunta del prezzemolo, il risultato sarà comunque ottimo.

Impastate molto bene fino ad ottenere un impasto omogeneo, proprio come quello di un polpettone. Qualora l'impasto risultasse troppo umido, ovvero qualora risultasse difficile da modellare da quanto è umido, dovrete aggiungere altro pangrattato che asciugherà l'impasto e ne farà aumentare la compatezza.

A questo punto siete pronti per mettere la pizza di carne nello stampo. Prendete una pirofila o uno stampo di 26 cm di diametro e ungetelo con un filo d'olio extravergine d'oliva.

Stendete l'impasto di carne nella pirofila in uno strato uniforme, qualora utilizziate uno stampo diverso sia nelle dimensioni che nella forma sappiate che lo spessore della carne dovrà essere di circa 2 cm per una cottura perfetta e per poter risultare equilibrato rispetto al condimento che andrà aggiunto in superficie.

Riprendete la salsa di pomodoro condita e messa da parte e distribuitene una quantità generosa sullo strato di carne. Anche in questo caso, se i vostri bimbi non tollerano elementi di colore verde nel piatto, potete tranquillamente scartare le foglie di basilico presenti nella salsa.

Infornate la pizza di carne a 180°C per mezz'ora a forno ventilato per consentire una cottura omogenea.

Mentre la carne cuoce in forno, dedicatevi alla provola e seguite questo nostro trucchetto per velocizzare il passaggio del cubettarla. Tagliate un pezzo di provola e inseritela in uno schiacciapatate, ci vuole un po' di forza ma schiacciate fino a che la provola non fuoriesca dai buchini dello schiacciapatate sottoforma di vermicelli.

In questo modo potrete distribuire il formaggio sulla pizza di carne in modo omogeneo simulando in tutto e per tutto la mozzarella su di una pizza vera.

Quando sarà trascorsa la mezz'ora di cottura della base della vostra pizza di carne, toglietela dal forno, controllate che non vi siano dei buchi nella carne dovuti proprio alla cottura che ne riduce il volume e distribuite il formaggio appena preparato e una bella spolverata di origano o di altra erba aromatica sempre che la vogliate aggiungere.

Ungete la superficie della pizza con un filo d'olio extravergine d'oliva.

Infornate nuovamente sempre a 180°C per il tempo necessario affinché il formaggio possa fondersi a dovere, a seconda del forno vi servirà una decina di minuti.

 

Scritto da Carla

NEWS PRINCIPALI
Pasta alla vecchia bettola: guida
Pasta alla vecchia bettola: guida
(Torino)
-

Se desiderate potete preparare il sugo in anticipo e conservarlo in frigorifero per un paio di giorni, all’interno di un contenitore ermetico, oppure potete congelarlo; in entrambi i casi aggiungete la panna solo quando sarà il momento di riscaldarlo.
  RICETTA PASTA ALLA VECCHIA BETTOLA - Come ve lo immaginate un classico piatto...

Polpettone di pollo: guida
Polpettone di pollo: guida
(Torino)
-

Il polpettone di pollo si può conservare in frigorifero per 1-2 giorni. Se avete utilizzato ingredienti freschi potete congelarlo sia prima che dopo la cottura, avendo cura di lasciarlo scongelare in frigorifero prima di cuocerlo o riscaldarlo al forno o
RICETTA POLPETTONE DI POLLO - Alzi la mano chi non ama il polpettone! Classico o...

Sformato di Patate alla Pizzaiola: guida
Sformato di Patate alla Pizzaiola: guida
(Torino)
-

Tagliare la mozzarella a fettine e disporla su un colino per far scolare il siero.
SFORMATO DI PATATE ALLA PIZZAIOLA - Lo sformato di patate alla pizzaiola è un...

Tempura: guida
Tempura: guida
(Torino)
-

La salsa di soia sarà invece perfetta per accompagnare le altre specialità del vostro menù made in Japan, come sushi e gyoza!
RICETTA TEMPURA - La tempura è uno dei piatti più conosciuti e amati della...

Croissant bicolore: guida
Croissant bicolore: guida
(Torino)
-

CROISSANT BICOLORE RICETTA - Caldi e fragranti... dal profumo di burro che ricorda subito la Francia! Ovviamente stiamo parlando dei croissant, le classiche brioche immancabili per la colazione di tutti i giorni.
CROISSANT BICOLORE RICETTA - Caldi e fragranti... dal profumo di burro che...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati