Coldiretti: ECCO LA LISTA NERA DEI CIBI CONTAMINATI DA EVITARE ASSOLUTAMENTE!

(Perugia)ore 13:15:00 del 08/03/2017 - Tipologia: , Cronaca, Denunce, Salute

Coldiretti: ECCO LA LISTA NERA DEI CIBI CONTAMINATI DA EVITARE ASSOLUTAMENTE!

SE PENSATE CHE DIETRO MOLTI ALIMENTI D’IMPORTAZIONE SI NASCONDANO INNUMEREVOLI INSIDIE PER LA SALUTE SIETE GIÀ SULLA BUONA STRADA..

SE PENSATE CHE DIETRO MOLTI ALIMENTI D’IMPORTAZIONE SI NASCONDANO INNUMEREVOLI INSIDIE PER LA SALUTE SIETE GIÀ SULLA BUONA STRADA. A metterci sull’avviso è la Coldiretti proprio mentre aumentano le importazioni di cibi pericolosi provenienti dall'estero, dal +141% di arachidi cinesi al + 60% di peperoni turchi. Una vera e propria “ invasione” segnala la Coldiretti che ha stilato un dossier “La classifica dei cibi più pericolosi” presentato al Forum Internazionale dell'Agricoltura e dell'Alimentazione di Cernobbio ed elaborato sulla base del Rapporto del Ministero della Salute sui sistema di allerta europeo. In particolare nel 2015 gli arrivi di nocciole dalla Turchia, che si è classificato come prodotto più pericoloso con la presenza di aflatossine oltre i limiti, sono aumentati in valore del 47%, facendo segnare il valore record di 295 milioni di euro, massimo storico, con un ulteriore balzo in avanti dell'8% nel primo semestre del 2016. 

Il fatto che il primato sul cibo più contaminato vada alla Cina non è casuale. Il gigante asiatico infatti anche nel 2015 ha conquistato il record nel numero di notifiche dall’Ue per prodotti alimentari irregolari, perché contaminati dalla presenza di micotossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge. Su un totale di 2967 allarmi per irregolarità segnalate in Europa, ben 386 (il 15%) – precisa Coldiretti – hanno riguardato il gigante asiatico, che in Italia nello stesso anno ha praticamente quintuplicato (+379%) le esportazioni di concentrato di pomodoro, che hanno raggiunto circa 67 milioni di chili nel 2015, pari a circa il 10% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente.

Se nella maggioranza dei broccoli cinesi è stata trovata la presenza in eccesso di Acetamiprid, Chlorfenapyr, Carbendazim, Flusilazole e Pyridaben, nel prezzemolo vietnamita – sottolinea Coldiretti – i problemi derivano da sostanze come Chlorpyrifos, Profenofos, Hexaconazole, Phentoate, Flubendiamide mentre il basilico indiano contiene Carbendazim, che è vietato in Italia perché ritenuto cancerogeno.

Nella classifica dei prodotti più contaminati elaborata alla Coldiretti ci sono però anche le melagrane dall’Egitto che superano i limiti in un caso su tre (33%), ma fuori norma dal Paese africano sono anche l’11% delle fragole e il 5% delle arance che arrivano peraltro in Italia grazie alle agevolazioni sull’importazione concesse dall’Unione Europea. Con una presenza di residui chimici irregolari del 21% i pericoli – continua Coldiretti – vengono anche dal peperoncino della Thailandia e dai piselli del Kenia contaminati in un caso su dieci.

Ma si segnalano diversi problemi anche per la frutta che arriva dal Sud America, come i meloni e i cocomeri importati dalla Repubblica Dominicana, che sono fuori norma nel 14% dei casi per l’impiego di Spinosad e Cypermethrin. È risultato irregolare – sottolinea Coldiretti – il 15% della menta del Marocco, un altro Paese a cui sono state concesse agevolazioni dall’Unione Europea per l’esportazione di arance, clementine, fragole, cetrioli, zucchine, aglio, olio di oliva e pomodori da mensa, che hanno messo in ginocchio le produzioni nazionali.

L’accordo con il Marocco – precisa Coldiretti – è fortemente contestato dai produttori agricoli proprio perché nel Paese africano è permesso l’uso di pesticidi pericolosi per la salute che sono vietati in Europa. L’agricoltura italiana – conclude – è la più green d’Europa con 281 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp), il divieto all’utilizzo degli Ogm e il maggior numero di aziende biologiche, ma è anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%), quota inferiore di quasi 4 volte rispetto alla media europea (1,4%) e di quasi 20 volte quella dei prodotti extracomunitari.

Scritto da Gregorio

NEWS PRINCIPALI
Addio Rondini: il clima ferma i migratori
Addio Rondini: il clima ferma i migratori
(Perugia)
-

Il problema, oggi, è che la “memoria” delle rondini potrebbe non bastare più, da quando – a causa del surriscaldamento climatico – il Sahara ha preso ad avanzare anche verso Sud, estendendo in modo pericoloso l’habitat proibitivo del deserto
Vola sulle ali delle rondini il meraviglioso romanzo “Il viaggiatore notturno”,...

AFFITTOPOLI PD: canoni EVASI e sedi NON PAGATE
AFFITTOPOLI PD: canoni EVASI e sedi NON PAGATE
(Perugia)
-

Nella lista dei morosi negli immobili gestiti da Mm ci sono parecchi inquilini «amici» facilmente reperibili
Oltre un milione di affitti non pagati. Come ha anticipato ieri il Giornale, a...

TV degli USA dice la verita' sull'11 settembre: VIDEO
TV degli USA dice la verita' sull'11 settembre: VIDEO
(Perugia)
-

Per chi non lo sapesse, Richard Gage è il fondatore di Architetti e Ingegneri per la verità sull’11 settembre.
Per chi non lo sapesse, Richard Gage è il fondatore di Architetti e Ingegneri...

Attacchi alla Siria sono LEGALI? Si....PER LE BESTIE!
Attacchi alla Siria sono LEGALI? Si....PER LE BESTIE!
(Perugia)
-

La piena entità dei danni alla pace e alla sicurezza internazionali causati dagli attacchi alla Siria guidati dagli Stati Uniti impiegheranno del tempo per essere chiariti. Ma il suo impatto sul concetto stesso di legalità negli affari internazionali è gi
La piena entità dei danni alla pace e alla sicurezza internazionali causati...

Dieta del sesso per dimagrire in poco tempo
Dieta del sesso per dimagrire in poco tempo
(Perugia)
-

Per molte persone, fare una dieta significa seguire un programma alimentare restrittivo, in teoria l'unico modo per perdere i chili di troppo.
Per molte persone, fare una dieta significa seguire un programma alimentare...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati