Carceri sovraffolate: non c'è mai fine alla vergogna

PISTOIA ore 17:04:00 del 11/02/2015 - Tipologia: Sociale

Carceri sovraffolate: non c'è mai fine alla vergogna

Carceri sovraffolate: non c'è mai fine alla vergogna | Analisi imparziale della problematica .

La vergogna delle carceri italiane, nel silenzio di tutti i media. Sappiamo benissimo che le carceri sono destinate unicamente ad una determinata fetta della popolazione e comunque i parenti e amici delle vittime non possono pensare ad una vendetta perche' siamo in uno stato di diritto. Anzitutto si dovrebbe pensare al benessere della societa' collettiva: e' un dato di fatto che le carceri come sono strutturate adesso producano criminalita'; uno entra magari a 18 anni per aver rubato un Motorino ed esce con una "istruzione" sufficiente a decidere di fare una rapina a mano armata. Quindi rappresentano un fallimento totale sul piano pratico, morale, sociologico e istituzionale; questo anche per l'agghiacciante menefreghismo dell'opinione pubblica per non dire delle istituzioni.

All'atto pratico nelle carceri italiane viene praticata la tortura fisica e psicologica e onestamente non riesciamo a vedere i vantaggi offerti da tali pratiche immonde; per un paese che si dichiara contrario alla pena di morte un numero di suicidi tanto elevato dovrebbe fare riflettere sulla sua misera condizione. E se sperate che si suicidino personaggi come Izzo o Riina state freschi; quelle sono persone forti che si adattano bene, chi si uccide spesso sono gli elementi piu' deboli e non di rado alla prima incarcerazione.

Sotto questo punto di vista le carceri sono una delle massime vergogne del nostro paese, alimentate certamente dalla frustrazione che la maggior parte dei delinquenti gode di una certa impunibilita'; una forma rieducativa sarebbe indispensabile sia per gli aspetti etici che per quelli pratici. Purtroppo molte delle persone incarcerate non hanno avuto grandi alternative dalla vita; e chi ne ha avute, cioe' chi poteva scegliere realmente di non commettere un reato, quasi sempre e' in condizioni di

Stringendo quindi e' inutile cercare la ritorsione visto che tanto saranno sempre in pochi a pagare e commetteranno di nuovo quello che hanno fatto: e' piu' intelligente pensare di diventare finalmente civili, reprimere gli istinti da bestie e cercare nel possibile di offrire un'alternativa a chi ha sbagliato di modo che non siano davvero piu' un potenziale pericolo per nessuno. Non crediamo che se a un assassino lo si butti in carcere e lo si riempia di botte, quando esce (che tanto esce) abbia subìto una riabilitazione efficace.

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?

-

Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni imprudenti, a caccia di “shale oil” nel sottosuolo?
Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni...

Migranti: ecco il business della DETENZIONE e del RIMPATRIO (e i FRANCESI fanno soldi)
Migranti: ecco il business della DETENZIONE e del RIMPATRIO (e i FRANCESI fanno soldi)

-

La prefettura di Milano pubblica i bandi di gara per affidare centri e strutture per migranti e mette nero su bianco una realtà: punita economicamente la piccola accoglienza
È ufficiale: i famosi 35 euro per migrante sono stati cancellati. È finita la...

I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030 del NWO
I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030 del NWO

-

I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030. I falsi profeti e il mondo dello spettacolo in sostegno del Nuovo Ordine Mondiale
Avete sentito parlare di “obiettivi globali“? Se non ne avete sentito parlare,...

Donna di 106 anni ammette: 'il segreto per vivere cosi'? ESSERE SINGLE'!
Donna di 106 anni ammette: 'il segreto per vivere cosi'? ESSERE SINGLE'!

-

L’ultracentenaria inglese si è sempre tenuta lontana dallo stress delle relazioni sentimentali. Al pub ci è andata solo una volta: preferisce fare maglia e giardinaggio. E ha sempre percorso chilometri a piedi
Quando le chiedono se è stata sposata e come era suo marito, lei risponde: «Non...

Benvenuti in Italia, dove si MUORE al pronto soccorso dopo un'attesa di 6 ORE
Benvenuti in Italia, dove si MUORE al pronto soccorso dopo un'attesa di 6 ORE

-

Presunto caso di malasanità all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Un uomo di 72 anni, Eduardo Estatico, è deceduto lamentando dolori lancinanti all’addome, ma ha aspettato sei ore prima di essere visitato.
Presunto caso di malasanità all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Un uomo di 72...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati