Canederli di barbabietola: come fare

(Torino)ore 22:14:00 del 14/11/2018 - Tipologia: , Cucina

Canederli di barbabietola: come fare

Potete cuocere i canederli nel brodo vegetale oppure nel brodo di carne per renderli ancora più saporiti. La barbabietola si può sostituire con le carote lesse..

 

Le ricette della tradizione regionale italiana sono da sempre fonte di ispirazione per tante nuove preparazioni. Tra queste abbiamo scelto i canederli, ghiotte polpette tirolesi realizzate con un semplice impasto di pane raffermo, speck e formaggio, da cuocere in un brodo saporito. Prendendo spunto da questa ricca e gustosa pietanza, abbiamo dato vita ai canederli di barbabietola, deliziose polpette dalle tinte amaranto e dal gusto delicato, accompagnate da una sfiziosa salsa aromatizzata allo zafferano. Il risultato è un primo piatto accattivante e raffinato che stuzzicherà la curiosità dei vostri ospiti e ne conquisterà i palati

Ingredienti per circa 8 canederli

Barbabietole precotte 100 g Pane raffermo 130 g Farina 00 120 g Uova (circa 2) 100 g Latte intero 80 g Parmigiano reggiano 40 g Pangrattato 40 g Maggiorana q.b. Sale fino q.b.

PER LA SALSA ALLO ZAFFERANO

Panna fresca liquida 270 g Porri 1 Zafferano (2 bustine) 0,25 g Sale fino q.b.

Come preparare i Canederli di barbabietola

Per preparare i canederli di barbabietola iniziate eliminando la crosta dal pane (1), poi tagliatelo a pezzetti (2) e ponetelo in una ciotola. Versate il latte (3) e lasciate in ammollo sbriciolando il pane con le dita (4). Tagliate la barbabietola a pezzetti (5), ponetela in un bicchiere dal bordo alto e frullatela con il mixer ad immersione (6).

Dovete ottenere una purea omogenea (7). Aggiungete la barbabietola frullata al pane (8) e poi unite ad uno ad uno tutti gli ingredienti mescolando di volta in volta per incorporarli: aggiungete quindi il formaggio grattugiato (9), le uova intere (10), la farina (11), il sale (12) e infine il pangrattato (13). Amalgamate il composto con cura e create delle polpette da circa 80 grammi l’una (14). Man mano che formate le polpette adagiatele su un vassoio (15).

Passate alla preparazione della salsa allo zafferano: spuntate il porro e affettatelo (16), poi versate la panna in un pentolino e aggiungete le rondelle di porro (17). Cuocete così per circa 15-20 minuti a fuoco dolce (18), stando attenti che la panna non fuoriesca dal pentolino.

Trasferite la crema di porri nel bicchiere alto del mixer (19), aggiungete lo zafferano in polvere (20) e frullate tutto con il frullatore a immersione (21).

Otterrete una crema densa color ocra (22), salatela (23) e tenetela da parte in caldo. Ora cuocete i canederli in abbondante acqua bollente salata per circa 10 minuti (24), quindi scolateli (25) e adagiateli su un vassoio (26). Servite i vostri canederli su di un letto di salsa ai porri e zafferano e guarnite con foglioline di maggiorana (27).

Conservazione

I canederli di barbabietola si possono conservare in frigorifero per 3 giorni al massimo. Sconsigliamo la congelazione.

Consiglio

Potete cuocere i canederli nel brodo vegetale oppure nel brodo di carne per renderli ancora più saporiti. La barbabietola si può sostituire con le carote lesse.

Giallozafferano

 

Scritto da Carla

NEWS PRINCIPALI
Come fare la Ghirlanda di pane
Come fare la Ghirlanda di pane
(Torino)
-

Condividere la nostra ghirlanda di pane con tutta la famiglia sarà una gioia... anche per il palato!
  Il cenone della Vigilia e il pranzo di Natale sono un momento magico, in cui...

Come fare il Porridge mele e nocciole
Come fare il Porridge mele e nocciole
(Torino)
-

Per preparare il porridge mele e nocciole iniziate dall'avena: in una pentola versate l'acqua (1), il latte (2) e un pizzico di sale e poi unite i fiocchi d'avena mescolando con una marisa (3).
  Un trend che da qualche anno spopola in Inghilterra e ha preso piede anche in...

Come fare l'Insalata di nervetti
Come fare l'Insalata di nervetti
(Torino)
-

La vostra insalata di nervetti può diventare ancora più ricca con l’aggiunta di legumi cotti, come per esempio fagioli cannellini o borlotti.
  Non molto tempo fa, nelle osterie lombarde, si poteva gustare l’insalata di...

Crescia al formaggio: guida
Crescia al formaggio: guida
(Torino)
-

Per preparare la crescia al formaggio versate nella ciotola di una planetaria dotata di gancio la farina setacciata (1), il lievito di birra disidratato (2) e il miele (3).
    La crescia al formaggio è una ricetta tipica delle Marche e dell'Umbria...

Torta Savoia: guida
Torta Savoia: guida
(Torino)
-

La torta Savoia si conserva in frigorifero per 3 giorni al massimo.
  A prima vista potrete confonderla con la torta Sacher, ma leggendo bene...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati