Bonus Docenti 2019 e 2020: 500 euro per meritevoli e scadenza

(Genova)ore 17:11:00 del 30/04/2019 - Tipologia: , Economia, Guide, Lavoro

Bonus Docenti 2019 e 2020: 500 euro per meritevoli e scadenza

Tra i vari strumenti economici che lo Stato ha messo a disposizione dei cittadini negli ultimi anni, c’è anche la carta docenti dedicata a tutti coloro che lavorano nell’ambito dell’insegnamento scolastico..

Tra i vari strumenti economici che lo Stato ha messo a disposizione dei cittadini negli ultimi anni, c’è anche la carta docenti dedicata a tutti coloro che lavorano nell’ambito dell’insegnamento scolastico. Si tratta in sostanza di un bonus rendicontato con valore pari a 500 Euro, un servizio di sussidio proveniente dal Ministero della Pubblica Istruzione (MIUR) che sarà attivo anche per il biennio 2019-2020 e destinato a tutti i docenti meritevoli. Attraverso l’ottenimento del bonus e fino alla scadenza della carta, ogni insegnante che ne avrà diritto potrà ovviamente gestire la somma ricevuta, investendola per esempio su articoli online come quelli offerti da Amazon. Andiamo quindi a vedere cosa è possibile comprare sfruttando il bonus docenti, grazie al rendiconto da 500 Euro da spendere proprio sul web.

Come ottenere il Bonus Docenti 2019-2020 con rendiconto di 500 euro

La carta docenti è uno strumento di sussidio ricompreso all’interno del decreto legge denominato “La Buona Scuola”. Questo servizio di agevolazione economica in favore degli insegnanti più meritevoli è già stato erogato durante il primo anno di validità, utilizzando in forma eccezionale l’accredito integrativo sulla busta paga mensile. L’ente responsabile di fornire l’eventuale rendiconto con valore pari a 500 Euro è il MIUR (Ministero Istruzione Università Ricerca), il quale ha redatto di recente alcune note per chiarire la questione inerente sia i requisiti necessari per l’ottenimento del bonus docenti che le procedure formali per presentare la domanda. Sebbene questo strumento di sussidio risulti una novità degli ultimi tempi, sono oltre 700000 gli insegnanti di ruolo per la scuola italiana che hanno già avuto modo di ricevere il rendiconto da 500 Euro.

Cosa si può comprare e cosa no con il bonus docenti 2019

Se l’elenco di che cosa si può comprare è ufficiale, per esclusione dovrebbe risultare altrettanto facile comprendere cosa non rientra tra gli acquisti agevolabili. Peraltro non ci sono stati cambiamenti su questo punto. Tuttavia non sempre gli esercenti applicano orientamenti uniformi il che potrebbe generare confusione. Soprattutto se è il primo anno che hai diritto al bonus docenti, potrebbe esserti utile “ripassare” tutto quello che puoi comprare e cosa invece è escluso.

Si possono comprare con il bonus docenti:

  • libri;

  • hardware e software;

  • biglietti per eventi culturali, cinema, teatro o concerti;

  • strumenti musicali (solo per insegnanti di musica);

  • corsi di lingua o di formazione ma solo se organizzati da enti accreditati o qualificati per la scuola.

L’elenco è tassativo. Ci continuano ad arrivare richieste di consulenza sulla spendibilità del bonus docenti per alcuni beni e servizi che, invece, sono esclusi. Tra questi i più gettonati sono:

  •  smartphone e componenti parziali di dispositivi elettronici (ad esempio cartucce per stampanti);

  • connessione ADSL;

  • viaggi.

Il dubbio è lecito perché si tratta di voci borderline che potrebbero essere funzionali alla formazione del docente o allo svolgimento della sua attività ma restano fuori anche dal bonus docenti 2019.

Stipendio insegnanti: differenze tra bonus docenti, bonus di merito e bonus Renzi Scuola

A volte parlare genericamente di bonus insegnanti può trarre in confusione. Queste tre misure, di cui ci siamo occupati più volte, sono diverse sotto tutti i profili (importo, requisiti etc). Mentre il bonus docenti, come abbiamo visto, corrisponde a 500 euro caricate nella carta del docente, il bonus merito insegnanti spetta secondo criteri di aggiudicazione legati all’attività dell’insegnante.

Il bonus Renzi, come per altri lavoratori, può essere riconosciuto entro un massimo di 80 euro al mese: la polemica per le buste paga dei lavoratori statali si basa sul rischio che gli aumenti dello stipendio possano annullare il bonus Renzi. E’ il caso dell’insegnante che guadagna 24.600 euro annui e che quindi, con lo scatto salariale, resterebbe fuori dal bonus Renzi.

Scritto da Gregorio

NEWS PRINCIPALI
Paradisi fiscali: gli italiani nascondono 142 miliardi all'estero, ma nessuno fa nulla
Paradisi fiscali: gli italiani nascondono 142 miliardi all'estero, ma nessuno fa nulla
(Genova)
-

142 MILIARDI EVASI DAGLI ITALIANI - Nei paradisi fiscali ci sono 142 miliardi di euro nascosti da contribuenti italiani, una cifra grande quanto l'8,1% del Prodotto interno lordo.
142 MILIARDI EVASI DAGLI ITALIANI - Nei paradisi fiscali ci sono 142 miliardi di...

Come svegliarci sempre con il Buon Umore
Come svegliarci sempre con il Buon Umore
(Genova)
-

COME SVEGLIARSI DI BUON UMORE - Iniziare la giornata di buonumore ha moltissime benefici: ti permette di raggiungere i tuoi obiettivi con più facilità e leggerezza, ti rende una persona amabile e positiva e ti aiuta ad attirare cose belle ed energie posit
COME SVEGLIARSI DI BUON UMORE - Iniziare la giornata di buonumore ha moltissime...

Manovra 2019: in arrivo aumento su sigarette, giochi e plastica
Manovra 2019: in arrivo aumento su sigarette, giochi e plastica
(Genova)
-

AUMENTI MANOVRA 2019 - Bocciate le rimodulazioni dell'Iva proposte dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, per far quadrare i conti della manovra da 30 miliardi, il governo inserirà una raffica di balzelli sui consumi.
AUMENTI MANOVRA 2019 - Bocciate le rimodulazioni dell'Iva proposte dal ministro...

Tab Freeze: ecco come velocizzare Chrome
Tab Freeze: ecco come velocizzare Chrome
(Genova)
-

Chrome prova a ridurre l'impatto delle schede aperte in termini di occupazione di memoria RAM
TAB FREEZE COME FUNZIONA - Chrome rimane sempre il browser web preferito dagli...

Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
(Genova)
-

MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi multinazionali viene dirottato verso paradisi fiscali che permettono alle aziende di eludere la fiscalità nazionale e di guadagnare circa 5 euro su ogni euro di tasse pagate.
MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati