Aurion Legacy of the Kori-Odan, cosa conoscere

(Udine)ore 15:42:00 del 08/05/2016 - Tipologia: Videogames - Aurion Legacy of the Kori-Odan

Aurion Legacy of the Kori-Odan, cosa conoscere

Le abilità di combattente di Enzo non si dimostrano però sufficienti a sconfiggere l’assalitore e lo scontro volge al termine con la nostra sconfitta. .

Tanto coraggio ma pochi frame

Hardware MINIMI:  Sistema operativo: WINDOWS 7 / WINDOWS 8 / WINDOWS 10  Processore: Core Duo 1. 2 Ghz  Memoria: 2 GB di RAM  Scheda video: 512 MB, DirectX 10 Support, ATI Radeon HD 2000 Series / Nvidia GeForce 8800 Series  DirectX: Versione 9.0c  Memoria: 3 GB di spazio disponibile CONSIGLIATI Sistema operativo: WINDOWS 7 / WINDOWS 8 / WINDOWS 10  Processore: Quad Core 1.3 Ghz  Memoria: 4 GB di RAM  Scheda video: 1 GB, Directx 10 support, Ati Radeon HD5000 Series / Nvidia GeForce 600 Series  DirectX: Versione 9.0c  Memoria: 3 GB di spazio disponibile

Il peso della propria discendenza

DA: SPAZIOGAMES

In questa particolare avventura vestiamo i panni di Enzo, novello re della città di Zama. Le nostre peripezie cominciano proprio il giorno dell’incoronazione, il peso della sovranità grava pesantemente sulle spalle del protagonista ed egli è preoccupato di non essere in grado di adempiere degnamente ai suoi doveri di regnante. La cerimonia viene interrotta da un feroce energumeno di nome Ngarba, che si rivela poi essere il fratello di Erine, nostra consorte nonché regina di Zama. Le abilità di combattente di Enzo non si dimostrano però sufficienti a sconfiggere l’assalitore e lo scontro volge al termine con la nostra sconfitta. Così, noi e la nostra bella moglie, riusciamo a salvare la pelle fuggendo e trasformandoci in una coppia di esuli alla disperata ricerca di un’alleanza che ci permetta di riconquistare la patria perduta. Questo è l’incipit narrativo che, anche se non proprio originale, fa da preludio ad una storia ben narrata, densissima di dialoghi e testi esplicativi. Un enorme plauso va fatto agli sviluppatori, i quali hanno creato una lore veramente profonda, che si rifà ampiamente alla cultura africana. Il mondo di gioco è strutturato come un enorme arcipelago in cui ogni isola ospita una tribù con le sue tradizioni e la propria storia. I personaggi secondari che Incontriamo sul nostro cammino si prodigano spesso in approfondite spiegazioni (a volte un po’ tediose) che però mettono in mostra una cura certosina per la caratterizzazione dell’ambientazione. Le tradizioni, le leggende, i modi di vivere sono diversi per ogni villaggio e presto impareremo che Zama non è che un granello di sabbia in un enorme deserto tutto da scoprire. L’intero mondo di gioco si basa sull’Aurion, una forma energetica derivante dagli antenati delle famiglie più dotate, e che permette ai propri fruitori di padroneggiare devastanti tecniche di combattimento. Quando Enzo si ritrova esiliato e privato del proprio regno capisce che la strada per tornare sul trono passa dal “pellegrinaggio auronico”: un viaggio che consente ai guerrieri più abili di accedere ai quattro pilastri dell’Aurion, che si traducono in quattro tecniche di combattimento legate agli elementi base: fuoco, acqua, aria e terra. In Maniera non dissimile da quanto visto in Avatar: la leggenda di Aang, il nostro alter ego può imparare ed utilizzare degli stili di combattimento ad essi legati, ma non finisce qui; vi è infatti la possibilità di combinare tra loro i vari elementi per creare stili nuovi e dagli effetti ancor più devastanti.

Picchiatore coi rasta

Chi ha giocato a Dust: an Elysian Tale dovrebbe già avere un’idea piuttosto precisa della struttura di Aurion: Legacy of the Kori-Odan, l’unica differenza effettiva è che i combattimenti non sono in tempo reale ma istanziati. In buona sostanza il titolo si suddivide in due parti: quella esplorativa, in cui ci muoviamo tra le splendide ambientazioni, risolviamo qualche piccolo enigma ambientale, ci divertiamo con qualche minigioco e intavoliamo lunghe discussioni con vari PNG, e i combattimenti. Questi ultimi hanno inizio non appena si entra in contatto con il modello del nemico, che abitualmente staziona sulla nostra strada ma che non esita a scagliarsi contro di noi non appena siamo a portata. Il combat system è veramente intricato e vi consigliamo caldamente di dotarvi di un game pad; diversamente, vi occorreranno parecchi minuti per settare la tastiera in modo da avere una fruizione quantomeno accettabile. Enzo dispone di un attacco fisico base, che può essere caricato per aggiungere un breve stordimento, uno scatto laterale utilizzabile sia a terra che in aria e la parata. A questi comandi base si aggiungono un attacco speciale standard, che si traduce in una palla di fuoco o ad un monolite di ghiaccio in grado di congelare brevemente i nemici, più gli attacchi auronici. Per questi c’è da fare un discorso a parte: il nostro alter ego può accedere a un massimo di quattro stili durante i combattimenti (da impostare sui tasti rapidi dal menu scegliendo tra tutti quelli che abbiamo sbloccato tramite il pellegrinaggio o la fusione). Ogni stile auronico ha due o tre attacchi che ovviamente consumano mana, ma di contro riempiono una barretta dedicata. Una volta carica è possibile scatenare il pieno potere dello stile in uso, canalizzando una mossa speciale dagli effetti devastanti e dall’elevato grado di spettacolarità. Al nostro fianco durante le battaglie abbiamo Erine, la quale funge da personaggio di supporto. La sua abilità primaria le consente di generare una bolla energetica utile per ripristinare la nostra salute, ma non disdegna anche degli attacchi, anche se sempre volti principalmente a toglierci di dosso accaniti gruppi di nemici. Se a tutto questo si aggiungono quattro slot per gli oggetti rapidi da utilizzare su entrambi i personaggi, quello che otteniamo è un combat system estremamente complesso da padroneggiare e che richiede riflessi pronti e buona memoria, per non rischiare di mangiarsi un tozzo di pane mentre la nostra intenzione era quella di cambiare stile di combattimento.

Aurion: legacy of the Kori-Odan regala un impatto visivo di tutto rispetto. Gli sviluppatori hanno abbandonato l’idea iniziale di realizzare la loro opera in pixel art, virando su un bellissimo stile realizzato interamente a mano. Sia i fondali che i personaggi sono piacevoli da vedere, coloratissimi e le ambientazioni esotiche sapranno lasciarvi estasiati in più di un’occasione. La produzione non è però esente da difetti e questi sono principalmente legati al budget ridotto e all’utilizzo di un’engine proprietario che zoppica malamente in alcune situazioni. La mancanza più grave è sicuramente legata alle animazioni: queste contano un numero estremamente limitato di frame e ciò si traduce in un effetto scattoso che ricorda certi giochi di bassa lega realizzati in flash. A queste si aggiungono dei caricamenti stranamente lunghi per un titolo bidimensionale e alcuni bug che ci hanno impedito di navigare agevolmente la mappa di gioco o di spostarci senza intoppi tra una schermata e l’altra. Insomma quello che poteva essere un esordio col botto è stato invece parzialmente intaccato da esigenze di produzione che non permettono al titolo di elevarsi al livello di indie più blasonati. Un vero peccato perché il colpo d’occhio soddisfa e lo spettatore è giustificato a storcere il naso solo nel momento in cui i modelli iniziano a muoversi. La spettacolarità (e la "tamarraggine") dei combattimenti e delle cutscene avrebbe avuto una resa completamente diversa se la animazioni fossero state più fluide. Ogni occasione mancata è persa, ma il talento dimostrato dagli sviluppatori è innegabile e speriamo con tutto il cuore che il parziale successo di questo titolo possa dare modo ai ragazzi di Kiro’o Games di rifarsi in futuro, magari supportati da un producer che possa valorizzare a pieno le capacità del team.

Kickstarter, lo sappiamo, è un'enorme fucina di idee, alcune buone e altre... be', un po' meno. Il bello di questa piattaforma è che concede la possibilità, anche a chi si trova in situazione di ristrettezza economica, di portare avanti il proprio progetto. L'Africa non è di certo uno dei paesi più conosciuti per lo sviluppo dei videogiochi ma i ragazzi di Kiro'o Games possono vantarsi di aver esordito con un titolo di tutto rispetto, anche se non esente da difetti. Aurion: Legacy of the Kori-Odan è un'avventura action GDR che rende omaggio al paese di origine dei propri sviluppatori, con un'ambientazione da loro stessi definita african fantasy.

Scritto da Samuele

NEWS PRINCIPALI
Recensione ufficiale The Walking Dead L'Ultima Stagione
Recensione ufficiale The Walking Dead L'Ultima Stagione
(Udine)
-

The Walking Dead: A New Frotiner pare essere stato veramente una qualche sorta di spin-off, visto che dei personaggi principali dei passati episodi non si fa la minima menzione.
Era il 2012 quanto la prima stagione di The Walking Dead, sviluppata da...

Fortnite arriva su Android! Come installarlo
Fortnite arriva su Android! Come installarlo
(Udine)
-

Dopo una lunga ed estenuante attesa, Epic Games ha finalmente pubblicato Fortnite – il popolare videogioco “battle royale” che conta oltre 125 milioni di giocatori in tutto il mondo – sui dispositivi Android, l’ultima piattaforma mancante per il titolo.
Dopo una lunga ed estenuante attesa, Epic Games ha finalmente pubblicato...

Call of Duty Black Ops 4, guida passo passo
Call of Duty Black Ops 4, guida passo passo
(Udine)
-

E’ interessante notare che una mappa sarà ambientata ai tempi dei gladiatori, stuzzicando la fantasia dei fan con l’idea di usare armi bianche anziché da fuoco e proporre qualcosa di diverso in termini di giocabilità pura.
E’ confermata la modalità zombie, la cui narrativa sarà leggermente più...

Street Fighter 5, guida
Street Fighter 5, guida
(Udine)
-

Con l'uscita di questo Abraham Lincoln sopra le righe, però, le basi del confronto sono diventate molto più solide e le prove di un legame tra i due combattenti hanno iniziato ad accumularsi. Portando a termine la storia si sblocca un costume praticamente
La mossa della compagnia nipponica ha colto tutti di sorpresa, visto che secondo...

Videogames: Operazione Apocalisse Hearthstone
Videogames: Operazione Apocalisse Hearthstone
(Udine)
-

Magnetismo consente di fondere due robot giocando quello che porta in dote la keyword alla sinistra di uno già presente sulla board, così da creare combinazioni decisamente potenti per abilità e corpo del nuovo servitore ottenuto.
Dopo settimane di attesa, condite dal consueto stillicidio di informazioni...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati