Associazione nazionale presidi: bambini non vaccinati? Stop frequenza!

(Firenze)ore 09:29:00 del 17/03/2018 - Tipologia: , Denunce, Salute

Associazione nazionale presidi: bambini non vaccinati? Stop frequenza!

Da lunedì 12 marzo, chiarisce l'Istituto Superiore di Sanità, si avvia il meccanismo messo a punto dalla circolare congiunta dei ministeri della Salute e dell'Istruzione che impone ai dirigenti scolastici l'obbligo di inviare entro il 20 marzo una comunic.

Da lunedì 12 marzo, chiarisce l'Istituto Superiore di Sanità, si avvia il meccanismo messo a punto dalla circolare congiunta dei ministeri della Salute e dell'Istruzione che impone ai dirigenti scolastici l'obbligo di inviare entro il 20 marzo una comunicazione scritta alle famiglie dei bambini non ancora in regola con le vaccinazioni, invitandole a provvedere.

L'operatività dei presidi, spiega Giannelli, "è dettata dalla legge, ma questa situazione per noi è lacerante e peraltro, come avevamo ampiamente denunciato, ci fa lavorare in una situazione di grande incertezza". Anche perché, aggiunge, "noi non siamo i gendarmi della burocrazia". In ogni caso, a suo giudizio, la situazione non si presta a dubbi o a interpretazioni di sorta: "I bimbi delle scuole materne o dei nidi non in possesso della documentazione che comprovi l'avvenuta vaccinazione o la prenotazione per adempiere all'obbligo non potranno entrare nelle scuole".

I presidi, se decidessero altrimenti, "potrebbero incorrere nel reato di omissione di atti di ufficio". Tuttavia "è evidente che dopo la promulgazione, mesi fa, della legge sull'obbligo vaccinale si poteva fare di più e meglio. In più c'è da chiedersi perché in molti territori non sia stato attivato un sistema informativo. La legge risponde a un principio di civiltà, perché gli indici di mortalità su alcune patologie erano diventati preoccupanti. Ora però c'è una situazione di confusione e incertezza e questo è inaccettabile".

Il presidente dell'Istituto superire di sanità, Walter Ricciardi, sottolinea l'improrogabilità del termine del 10 marzo per la presentazione della documentazione richiesta: da lunedì, dunque, i presidi che hanno già le informazioni relative ai bambini non in regola con le vaccinazioni potranno convocare le famiglie o trasmettere loro una comunicazione scritta. Nello specifico, i bambini di asili nido e scuole materne che non sono stati vaccinati e che non sono in lista d'attesa per esserlo non potranno entrare finché la loro situazione non sarà regolarizzata. I tempi in cui questo accadrà sono variabili. Ad esempio, si prevede che possano essere più rapidi nelle regioni che hanno adottato l'anagrafe vaccinale: in questo caso le scuole ricevono direttamente dalle Asl la situazione relativa a quanti sono in regola con le vaccinazioni. Dove l'anagrafe vaccinale ancora non c'è è invece la scuola a dover raccogliere la documentazione dalle famiglie e questo potrebbe richiedere tempi più lunghi.

Da: QUI

Scritto da Sasha

NEWS PRINCIPALI
La dieta di CRISTIANO RONALDO
La dieta di CRISTIANO RONALDO
(Firenze)
-

Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono molto più longevi perché hanno a disposizione dei preparatori sempre più bravi, perché la scienza medica è migliorata e gli infortuni costano meno caro a chi li subisce e perché
Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono...

Quanto PIL viene prodotto in Italia dagli immigrati?
Quanto PIL viene prodotto in Italia dagli immigrati?
(Firenze)
-

Per il ministero dell’Economia nel 2018 la gestione dei migranti ci costerà 4,6 miliardi, l’Europa ne mette 80 milioni, ma ci “permette” di non contabilizzare le cifre nel deficit.
Per il ministero dell’Economia nel 2018 la gestione dei migranti ci costerà 4,6...

SUPER BATTERI: entro il 2050 faranno un morto ogni 3 secondi
SUPER BATTERI: entro il 2050 faranno un morto ogni 3 secondi
(Firenze)
-

Super batteri resistenti ai farmaci, un morto ogni 3 secondi nel 2050
Entro il 2050, i superbatteri resistenti ai farmaci potrebbero fare un morto...

Aumenti stipendi? ITALIA PEGGIORE IN EUROPA
Aumenti stipendi? ITALIA PEGGIORE IN EUROPA
(Firenze)
-

L’Italia non va al massimo, come un popolare ritornello di una canzone del rocker Vasco Rossi. Dal 1999 al 2017, nel nostro Paese gli stipendi degli italiani sono aumentati dell’1,6 per cento.
L’Italia non va al massimo, come un popolare ritornello di una canzone del...

Privatizzazioni: chi ha SVENDUTO e ROVINATO la nostra economia
Privatizzazioni: chi ha SVENDUTO e ROVINATO la nostra economia
(Firenze)
-

Perché le privatizzazioni hanno rovinato la nostra economia? Perché si fanno? Quale funzione hanno? Occorre prima comprendere le ragioni del declino industriale italiano per potervi porre rimedio.
Perché le privatizzazioni hanno rovinato la nostra economia? Perché si fanno?...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati