Anno 2040: popolazione controllata, schiava e senza diritti

(Torino)ore 10:20:00 del 21/02/2018 - Tipologia: , Curiosità, Sociale

Anno 2040: popolazione controllata, schiava e senza diritti

Governava a livello planetario una ristretta cerchia di personaggi, con a capo un comandante supremo che rispondeva al nome di Nigel Wilson Orwell..

CORREVA L'ANNO 2040, LA POPOLAZIONE MONDIALE AVEVA ORMAI SUPERATO I DIECI MILIARDI DI INDIVIDUI, FAUNA E FLORA ERANO QUASI DEL TUTTO SCOMPARSE, LA NATURA DEVASTATA, E IL GOVERNO UNICO MONDIALE AVEVA DECISO DI LIMITARE LA POPOLAZIONE.

Governava a livello planetario una ristretta cerchia di personaggi, con a capo un comandante supremo che rispondeva al nome di Nigel Wilson Orwell.

Le campagne erano quasi del tutto disabitate, la popolazione del tutto controllata e mircochippata, il denaro contante inesistente, le televisioni diffondevano proclami e istruzioni, ad uso e consumo delle elite, le religioni sostituite da una sorta di miscellanea tra le religioni antecedenti, e le megalopoli abitate da una subumanità che faceva fatica a tirare avanti, a comunicare, e a immaginare un futuro migliore.

Qualche anno prima era avvenuta una imponente glaciazione, per via del fatto che il sole era schermato da un cielo lattiginoso che a mala pena lasciava passare qualche raro raggio di sole.

Riguardo alla produzione del cibo vennero limitate le classiche tecniche agricole, per dare spazio ad alimenti di derivazione industriale.

I terreni erano ricoperti da sostanze velenose, e il poco cibo che si riusciva a produrre in maniera naturale, era in genere molto tossico.

Il governo poteva decidere, tramite tecnologie innovative e meteorologiche, dove causare inondazioni, siccità, terremoti, pestilenze, e pulizie etniche tramite i microchip impiantati in ciascuno degli abitanti il pianeta, che assorbivano vibrazioni haarp e similari, in grado di uccidere a distanza.

Più della metà della popolazione era divenuta o fatta divenire tecnologicamente omosessuale, la logica conclusione di tutto ciò fu che nel giro di un solo lustro, la popolazione mondiale si attestava intorno al miliardo di individui.

I carceri vennero riconvertiti a veri e propri campi di concentramento, dai quali non usciva mai nessuno, la popolazione inattiva, inutile, o non ubbidiente, internata in quei campi e fatta sparire, perchè nutrire gente che non poteva essere utile alla comunità?

I medici potevano decidere chi aveva diritto a sopravvivere, così pure come poteva decidere la sorte  di ciascuno una organizzazione governativa che valutava la capacità finanziaria di ciascuno, ad di sotto di una certa soglia di povertà, questi sfortunati venivano internati ed eliminati. Per poter procreare, la gente aveva bisogno di una autorizzazione governativa, che valutava la perfezione fisica e la capacità finanziaria di ciascuna coppia. Agli altri, cioè ai meno adatti, venivano distribuite delle frequenze vibrazionali, che interagendo con i microchip, inibivano il concepimento. Solo una limitata cerchia di popolazione privilegiata,  aveva accesso a corrette informazioni, tramite un portale internet dedicato, poteva viaggiare con poche limitazioni, godere dell'energia che il pianeta elargisce gratuitamente, e godere di una operatività finanziaria al di sopra della media, poteva gestire affetti e famiglia in maniera quasi autonoma, e dotare la propria casa di tecnologie vietate alla stragrande parte di popolazione. Aveva diritto a scuole che realmente insegnassero, ad acquisire risultanze corrette, riguardo alla ricerca scientifica, e a fondare strutture mediatiche e disinformative, che però dovevano rendere conto al potere dei risultati raggiunti, in questo modo si teneva la popolazione mondiale sotto un certo grado di pseudo-cultura. La vera cultura, è sempre deleteria per qualunque potere.

Attenzione, questa narrazione non è la risultanza di pensieri estemporanei gettati alla rinfusa, il mondialismo esiste veramente, e può fare danni incalcolabili sulla mente della gente, i suoi profeti, consapevoli o meno, di diffondere concetti mondialisti, stanno agendo in questi anni, sono tra noi, non farti ingannare, rifiuta pseudo lingue comuni, sii critico verso la scuola e la televisione, verso le religioni, studia e informati autonomamente, evolvi sotto il profilo spirituale, sii consapevole che viviamo in una maledetta illusione, diffida di chi ti dice che devi votare, che devi ubbidire, che devi chiedere, chiedere sempre, e per qualunque concessione dovuta, ringraziare sempre, ringraziare e omaggiare sempre.

Da: QUI

Scritto da Luca

NEWS PRINCIPALI
Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
(Torino)
-

Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta correlazione che ci fu tra il partito comunista e l’estrema sinistra.
Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta...

10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze
10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze
(Torino)
-

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che vivessimo nel peggiore dei mondi possibili e che la felicità fosse solo un’illusione.
Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che...

7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa
7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa
(Torino)
-

Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a leggere o scrivere.
Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a...

Luoghi pubblici: guinzaglio si, guinzaglio no?
Luoghi pubblici: guinzaglio si, guinzaglio no?
(Torino)
-

Il 19 luglio scorso, a Villagrazia in provincia di Palermo, un pitbull ha staccato a morsi il braccio di una ragazza ventitreenne.
GUINZAGLIO SÌ O GUINZAGLIO NO? – DOPO I TRE CASI DI BAMBINI MORSI DAI CANI SI...

Non utilizzare lo SMARTPHONE DI NOTTE: ecco perche'
Non utilizzare lo SMARTPHONE DI NOTTE: ecco perche'
(Torino)
-

Tutti usiamo i nostri smartphone, ogni giorno. Anche quando dormiamo, tendiamo a lasciarlo vicino alla nostra testa
Tutti usiamo i nostri smartphone, ogni giorno. Anche quando dormiamo, tendiamo a...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati