Aiuti i tuoi figli a fare i compiti a casa? Ecco perche' NON dovresti farlo!

(Pescara)ore 21:17:00 del 16/05/2018 - Tipologia: , Cultura, Curiosità, Sociale

Aiuti i tuoi figli a fare i compiti a casa? Ecco perche' NON dovresti farlo!

Aiutare i figli con i compiti a casa crea problemi di autostima e rallenta lo sviluppo.

I compiti a casa possono essere difficili per questo alcuni genitori aiutano i figli completandoli al posto loro: questo comportamento però è controproducente per lo sviluppo dell’autostima dei più piccoli. I bambini troppo aiutati infatti si sviluppano più lentamente e percepiscono un senso di sfiducia da parte dei genitori.

Le mamme che aiutano i figli a fare i compiti a casa, completandoli al posto loro, in realtà stanno minando la capacità dei bambini di essere autonomi e, tra le righe, mandano un segnale negativo: “non credo in te”.

La conferma arriva dai ricercatori della University of Eastern Finland che sulla rivista Learning and Instruction hanno pubblicato il loro studio intitolato “Maternal homework assistance and children’s task-persistent behavior in elementary school”. Ma come è possibile? E come bisogna comportarsi?

C’è modo e modo di aiutare. I ricercatori svedesi hanno scoperto che più i genitori permettono ai loro figli di svolgere i compiti a casa in maniera autonoma, più questi sviluppano competenze, ostinazione e sicurezza in sé stessi.

Diversamente, quando i genitori aiutano i figli concretamente, quindi facendo i compiti al posto loro, in realtà stanno rallentando il loro sviluppo rendendoli più incapaci di completarli da soli: questo circolo vizioso porta allora mamme e papà ad intervenire ancora di più, minando nuovamente la sicurezza dei più piccoli (ovviamente il tutto involontariamente).

Come è possibile. “Una possibile spiegazione è che quando la madre dà al bambino l’opportunità di fare i compiti autonomamente, la madre invia anche un messaggio e cioè che crede nelle competenze e nelle capacità del bambino.

Questo, a sua volta, rende più sicuro il bambino delle sue stesse capacità”, spiega il professore associato Jaana Viljaranta dell’Università della Finlandia orientale. Al contrario quindi, essere troppo presenti e partecipativi, sostituendosi al bambino, manda un segnale negativo e cioè che i genitori non credono nel figlio.

L’importanza dell’autonomia. Rendere autonomi i propri figli, partendo dai compiti, per quanto possa sembrare ‘crudele’ ad alcuni, è in realtà un modo per insegnare loro ad insistere e persistere e a credere in loro stessi: tanto che il rendimento scolastico in questi casi migliora.

Insomma, “sì” ad aiutare sostenendo e spiegando, ma “no” a sostituirsi.

Da: QUI

Scritto da Gerardo

NEWS PRINCIPALI
10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze
10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze
(Pescara)
-

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che vivessimo nel peggiore dei mondi possibili e che la felicità fosse solo un’illusione.
Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che...

Ceronetti: il genio italiano TROPPO SCOMODO
Ceronetti: il genio italiano TROPPO SCOMODO
(Pescara)
-

I cosiddetti “grandi italiani”, ebbe a dire l’autore televisivo Diego Cugia, sono personaggi che normalmente gli italiani neppure conoscono: la maggior parte della popolazione non sa neppure chi siano, che faccia abbiano, per quale ragione debbano essere
I cosiddetti “grandi italiani”, ebbe a dire l’autore televisivo Diego Cugia,...

7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa
7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa
(Pescara)
-

Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a leggere o scrivere.
Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a...

Luoghi pubblici: guinzaglio si, guinzaglio no?
Luoghi pubblici: guinzaglio si, guinzaglio no?
(Pescara)
-

Il 19 luglio scorso, a Villagrazia in provincia di Palermo, un pitbull ha staccato a morsi il braccio di una ragazza ventitreenne.
GUINZAGLIO SÌ O GUINZAGLIO NO? – DOPO I TRE CASI DI BAMBINI MORSI DAI CANI SI...

Non utilizzare lo SMARTPHONE DI NOTTE: ecco perche'
Non utilizzare lo SMARTPHONE DI NOTTE: ecco perche'
(Pescara)
-

Tutti usiamo i nostri smartphone, ogni giorno. Anche quando dormiamo, tendiamo a lasciarlo vicino alla nostra testa
Tutti usiamo i nostri smartphone, ogni giorno. Anche quando dormiamo, tendiamo a...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati