Addio Giornalismo: le news le redigono i servizi segreti...

(Firenze)ore 23:04:00 del 11/09/2017 - Tipologia: , Denunce, Politica, Sociale

Addio Giornalismo: le news le redigono i servizi segreti...

Cos’è il mainstream? Quando in America si faceva l’esaltazione del giornalismo, il “Quarto Potere” era un’altra cosa. Questa cosa non c’è più. Questo giornalismo non esiste più. È ormai storia. Adesso siamo nella Comunicazione Mondiale Centralizzata.

Cos’è il mainstream? Quando in America si faceva l’esaltazione del giornalismo, il “Quarto Potere” era un’altra cosa. Questa cosa non c’è più. Questo giornalismo non esiste più. È ormai storia. Adesso siamo nella Comunicazione Mondiale Centralizzata. È la fine di un processo. Quello che si vede in superficie sono i proprietari: Murdoch, la “Bbc”, la “Cnn”… questa gente sono i magnati, ma non contano granché. Anche loro sono stati messi sui binari da un sistema centrale unificato della comunicazione, che va al di là dei giornali e delle televisioni che vedete. Siamo in un’altra epoca della storia dell’uomo. L’informazione è unificata. Noi tutti – italiani, francesi, tedeschi – siamo immersi in un flusso informativo che viene deciso da alcuni centri molto limitati di persone, i quali determinano ogni giorno l’agenda del giorno. E tutti coloro che sono dentro questo sistema, e che non lo conoscono, non fanno che seguire più o meno le norme che vengono dettate da qualche parte. E questa “qualche parte” sono i servizi segreti, che si sono organizzati da tempo per gestire questo tipo di informazione e che la determinano.

I canali principali sono quelli noti, la “Cnn”, la “Bbc”: queste sono le portaerei, insieme alla “Reuters”, all’“Associated Press”, ovvero l’informazione anglosassone, che determina tutta l’informazione dell’Occidente e gran parte dell’informazione Giulietto Chiesamondiale. Se tu stai dentro a questi binari vai bene. Se vai fuori da questi binari esci dal giornalismo mainstream. Se tu stai dentro tu sei costretto a raccontare bugie. Non c’è via di mezzo, perché loro selezionano i quadri. Io faccio i nomi. Chi è il presidente della Rai? Monica Maggioni (ndr: selezionata per la carica di presidente della Commissione Trilaterale). E per diventare presidente della Rai dovete passare attraverso una serie di prove. Non venite nominati per caso alla testa della più importante compagnia informatrice che influisce su 60 milioni di persone. Pensate che il potere lasci questi posti in mano a chiunque? Non è così, toglietevelo dalla testa. La signora Maggioni viene selezionata, così come quasi tutti i direttori dei più importanti giornali e telegiornali italiani, sulla base del suo fermo e determinato criterio di raccontare ciò che dice il mainstream e basta. Lei sta lì per difendere la porta di ingresso. Si chiama “gatekeeper”.



Riguarda tutti i grandi nomi del giornalismo italiano, senza eccezione alcuna. Quasi, perché in qualche caso si può uscire dai binari. Ma solo per un pochino, senza esagerare. Per alcune questioni c’è il tabù assoluto. E questo lo sanno tutti, a memoria, non c’è bisogno che glielo dicano. Dell’11 Settembre non si deve parlare. Nessuno dei giornali del mainstream ne parla. Quelle rare volte che lo fanno – accade nel mio caso specifico, essendomi ingaggiato nella questione senza mezzi termini – ti circondano con 4 o 5 giornalisti, che ti impediscono di parlare o che ti interrompono, a cominciare dal conduttore. Ti fanno parlare così ti possono dire “se ne è parlato”. Soltanto che non se ne è parlato per niente, perché non ti danno modo di parlare. Monica MaggioniÈ solo un esempio. Questo è il mainstream. E questo mainstream è potentissimo. È invalicabile. È costruito in modo tale che non se ne possa uscire. Il mainstream è nutrito da una serie di sofisticati meccanismi di condizionamento dell’opinione pubblica. Sofisticatissimi. Ci sono interi edifici che lavorano per nutrire il mainstream di notizie false, o di notizie mezze false, o di notizie false per un terzo, a seconda dei casi. E queste notizie diventano norma.

Ormai nel giornalismo contemporaneo non c’è più il criterio della verifica delle notizie. Nessuno dei giornalisti dei più importanti giornali italiani pubblica notizie verificando la fonte. Si prende la fonte che viene fornita dal mainstream. Volete un esempio? La stampa è nemica della pace. Quando, dopo l’11 Settembre, ci fu l’attacco americano contro l’Iraq, che fu preparato con molta precisione dagli uffici di cui vi ho parlato, il segretario di Stato Colin Powell si dirige al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e a un certo punto alza una mano e mostra al mondo intero una fialetta, dicendo: «Abbiamo le prove che Saddam Hussein ha le armi di distruzione di massa». Nessuno dei giornali e delle televisioni italiane verificò quella notizia. E tutti i giornali italiani, all’unanimità assoluta, Colin Powellpubblicarono la fotografia di Colin Powell che alzava la mano, e dissero: «Saddam Hussein ha le armi di distruzione di massa». Qualcuno lo mise anche tra virgolette, ma chi è che legge le virgolette? Soltanto gli specialisti.

Tutti hanno letto sulle prime pagine dei giornali l’annuncio dell’invasione, l’annuncio di una guerra che avrebbe ucciso mezzo milione di iracheni. Mezzo milione di uomini e donne, vecchi, bambini sono stati massacrati sulla base di quella fialetta, che a posteriori si è scoperto che era una truffa. Lo capite quello che sto dicendo? È stata fatta una guerra che ha portato all’uccisione di Saddam Hussein, alla distruzione, conquista e colonizzazione di un paese e alla morte di mezzo milione di persone – probabilmente molte di più – sulla base di una menzogna. Ma qui io non me la prendo con chi ha detto la menzogna. Me la prendo con tutti i colleghi che quel giorno, senza verificare nulla – nulla! – accettarono la versione che era stata loro proposta a loro, come a Colin Powell, ironicamente. Perché poi io sono amico di Gorbaciov e un giorno mi raccontò che lui era stato negli Stati Uniti e aveva parlato con Colin Powell. E gli chiese: «Ma che cosa è successo?». È un racconto di Gorbaciov, una rivelazione che non ho mai fatto. Colin Powell si girò, lo guardò in faccia e disse: «Hanno ingannato anche me». Voi capite il giro, vero? E questo è il mondo nel quale voi vivete e del quale voi vi nutrite tutti i giorni.

Da: QUI

Scritto da Sasha

NEWS PRINCIPALI
Pace Fiscale: rottamazione cartelle anche per il VATICANO?
Pace Fiscale: rottamazione cartelle anche per il VATICANO?
(Firenze)
-

Dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea, che chiede all’Italia di trovare un modo per recuperare i miliardi di euro di ICI non versati dalla Chiesa, il Governo costretto a trovare una soluzione.
Una recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha annullato...

Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
(Firenze)
-

Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della partenza del 5G, pubblichiamo volentieri questa importante iniziativa italiana.
Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della...

Decreto GENOVA e' LEGGE: ecco cosa prevede
Decreto GENOVA e' LEGGE: ecco cosa prevede
(Firenze)
-

Il testo passa con 167 favorevoli al Senato. Bagarre in aula per il pugno chiuso di Toninelli. Tra le fila dei grillini 10 gli assenti. Dalla ricostruzione del ponte al condono per Ischia, i punti del decreto
Tra polemiche, esultanze e contestazioni, il Senato ha definitivamente approvato...

Si puo' andare in pensione a 62 anni? REQUISITI E COSA CI PERDI
Si puo' andare in pensione a 62 anni? REQUISITI E COSA CI PERDI
(Firenze)
-

Con le nuove leggi approvate dal nuovo governo, sta diventando sempre più difficile capire quando e come si potrà andare in pensione.
Pensione quota 100, così è stata definita la riforma sulla legge Fornero che...

Legge 104: ecco per quali tipo di INVALIDITA' e' riconosciuta
Legge 104: ecco per quali tipo di INVALIDITA' e' riconosciuta
(Firenze)
-

Non sempre una disabilità con percentuale alta significa automaticamente il riconoscimento del diritto alla legge 104.
Non sempre una disabilità con percentuale alta significa automaticamente il...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati