2018: l'anno di Di Maio nuovo LENIN o dell'ennesimo DEMOCRISTIANO?

(Roma)ore 20:34:00 del 14/04/2018 - Tipologia: , Denunce, Politica

2018: l'anno di Di Maio nuovo LENIN o dell'ennesimo DEMOCRISTIANO?

Sarà lui il nuovo “Lenin” o si tratta semplicemente di un nuovo democristiano o ancora peggio di un “paraculo”, come dicono a Roma?.

Resta il fatto che il “gattopardismo” dimostrato da Gigino, durante queste prime consultazioni per la formazione del nuovo Governo, potrebbe aver lasciato interdetti quanti avevano preso alla lettera le promesse fatte dai 5 Stelle in campagna elettorale

Di Maio e la sua cricca di pentastelalti non devevano forse essere “puri e duri” come avevano promesso?
I fans dei pentastellati non si erano fatti smuovere dall’imbarazzante gestione pentastellata del Comune di Roma, dalle continue giravolte in campagna elettorale (euro si, euro no, missioni militari Nato no, poi si ), non avevano impressionato più di tanto le frequenti epurazioni in stile staliniano (tra cui Pizzarotti a Parma), non veniva neppure criticata la saga dei Casaleggio e la relativa successione monastica – di padre in figlio – nella gestione del Movimento – ma le promesse fatte come il reddito di cittadinanza per tutti e le altre visioni di una società più giusta ed assistenziale per quanti non ce la fanno a tenere il passo, avevano fino ad oggi fatto superare ogni riserva.
D’altra parte, anche se Di Maio e gli altri della compagnia si proclamavano nè di sinistra nè di destra, la sindaca di Roma Raggi aveva rotto gli indugi ed aveva dichiarato quanto si poteva facilmente aspettare, dopo che lei stessa aveva stanziato mille euro per chi ospita in famiglia un immigrato e dopo aver dato le case popolari ai rom.

Risulta che il primo cittadino della Capitale aveva salutato con entusiasmo l’annuncio di Luigi Di Maio relativo ad un accordo post elettorale tra M5s e comunisti, per appoggiare un eventuale governo guidato da Pietro Grasso fondato sulla comune difesa dell’immigrazione clandestina, reato che i grillini hanno contribuito a cancellare. “C’è una recrudescenza del neofascismo che dobbiamo stroncare. Alcuni argini democratici sono caduti e ora tocca a noi ripristinarli, affinché quanto successo a Repubblica non si ripeta più”, ha dichiarato la Raggi. “Basta equivoci. Noi abbiamo una forte natura antifascista”, ha sottolineato con tono deciso. Le dichiarazione per inciso è avvenuta nel corso di una visita a “Repubblica” il quotidiano del gruppo de Benedetti che costituisce il tempio del “politicamente corretto” e della sinistra progressista e liberal.

La Raggi adesso si sente più sicura dopo che, su suggerimento di Casaleggio, ha fatto approvare una postilla nel contratto dei suoi collaboratori, secondo la quale : “…i candidati al consiglio comunale di Roma per il M5S hanno sottoscritto un contratto” con la Casaleggio & Associati (NdA) “che li obbliga a far approvare in maniera preventiva allo staff della società qualunque atto amministrativo di una certa importanza…” –
La Casaleggio è di fatto il ” Deus ex machina” che controlla tutti i candidati al Comune, al Parlamento ed i collaboratori nello staff dei 5 Stelle. Nessuno può mettere in dubbio i discussi collegamenti che la Casaleggio ha avuto e che tuttora ha con la finanza internazionale, con gruppi di influenza anglosassoni e con organismi sovranazionali, che molti osservatori hanno messo in rilievo. Vedi: M5, al loro convegno l’uomo di George Soros: sono al guinzaglio dell’alta finanza?

La grande forza dei 5Stelle è stata fino ad ora quella di fare leva sul sogno di un’Italia migliore, più onesta, di rappresentare una nuova generazione di politici aperti alla gente e non “intrallazzatori” come i personaggi della prima e seconda Repubblica. Loro, i pentastellati si presentavano come differenti”.
La Sindaca pentastellata, con la sua sguaiata ed improvvida recita dell’inno ‘Bella ciao’, intonato da Virginia Raggi dai banchi del Campidoglio, potrebbe ora assumere un significato profetico per un prossimo crollo dei consensi e fuga dai 5 Stelle apparsi nella loro realtà di improvvisatori teleguidati da Casaleggio e Poteri Forti Spa.

Forse avviene oggi che i travestimenti da “finti rivoluzionari” antisistema non bastano più.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

NEWS PRINCIPALI
Andalusia: trionfa l'estrema destra dopo 36 anni di socialismo
Andalusia: trionfa l'estrema destra dopo 36 anni di socialismo
(Roma)
-

Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata della Spagna, compie un passo senza precedenti verso destra, mettendo fine al dominio dei socialisti, durato ben 36 anni, e spalancando le porte alla nuova destra nazionalista
Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata...

Boeri vuole 10 MILIONI DI MIGRANTI per trattarli da SCHIAVI
Boeri vuole 10 MILIONI DI MIGRANTI per trattarli da SCHIAVI
(Roma)
-

Davvero l’intervista a Boeri dalla Annunziata è qualcosa che fa gelare il sangue: secondo questo signore l’Italia dovrebbe importare fino a 10 milioni di migranti per consentire ai conti dell’INPS di essere sostenibili.
Davvero l’intervista a Boeri dalla Annunziata è qualcosa che fa gelare il...

Manovra, arriva la nuova tassa auto: una PANDA costera' piu' di una BMW
Manovra, arriva la nuova tassa auto: una PANDA costera' piu' di una BMW
(Roma)
-

Il governo vara la linea verde. Ma spiccano alcuni paradossi sul sistema 'bonus-malus' sulle emissioni di CO2
Una Panda che paga più di una Bmw da 50mila euro, l'ibrida Toyota Rav4 non solo...

Stop appalti pulizia per scuole: in arrivo 12mila assunzioni a costo zero
Stop appalti pulizia per scuole: in arrivo 12mila assunzioni a costo zero
(Roma)
-

Dopo gli scandali e le polemiche, grazie a un emendamento alla manovra finanziaria e approvato in commissione, si dà il via alla stabilizzazione degli ex lavoratori socialmente utili.
Stop agli appalti di pulizia nelle scuole. Il governo ha deciso distabilizzare i...

Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
Francia, i gillet gialli VINCONO LA BATTAGLIA. Aumento del carburante SOSPESO
(Roma)
-

Il primo ministro francese Edouard Philippe annuncerà una moratoria sull’aumento delle tasse sui carburanti
Il primo ministro francese Edouard Philippe, secondo fonti governative, è pronto...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati