119 anni di Jacques Prevert. La sua piu' bella poesia d'amore

(Bologna)ore 10:39:00 del 10/02/2019 - Tipologia: , Cultura

119 anni di Jacques Prevert. La sua piu' bella poesia d'amore

119 anni fa nasceva Jacques Prévert, noto poeta e sceneggiatore francese. Vogliamo ricordarlo con una delle sue più tenere poesie d’ amore :“Questo amore” .

Jacques Prévert nacque il 4 febbraio del 1900. La sua vita si avvia con l’inizio del nuovo secolo, il quale gli ha fatto vivere  le due Grandi Guerre mondiali e gli orrori che queste comportarono. Visse per più di settant’anni tra una Parigi che alternava guerra, pace e splendore,fino alla sua morte nell’ 11 aprile del 1977.

La poesia di Prévert è una poesia scritta per essere letta e quindi più parlata che scritta, fatta per entrare a far parte della vita. Ciò che esce con prepotenza è il concetto di amore come unica salvezza del mondo, un amore implorato, sofferto, tradito, ma alla fine sempre ricercato.

Prévert però oltre al lato sentimentale aveva anche un lato anarchico e ribelle abbastanza pronunciato. Leggendo molte sue poesie infatti, lo si può considerare un anarchico che sconfina con le sue parole nel regno della bestemmia e dell’ingiuria, ma la sua non è altro che la voce del cittadino che protesta. I temi sono dunque quelli comuni come la collera istintiva contro chi comanda e fa le leggi, contro i finti moralisti, contro chi ama e vuole le guerre, contro chi giudica.

La poesia di Prévert nasce con intento polemico e da una continua lotta al più deleterio conformismo, e sfocia in una satira violenta, specialmente nelle poesie più impegnate in cui non sembra esserci posto per i sentimentalismi. Le parole di Prévert, dettate da un amore spontaneo, sanno esprimere la forza del rimpianto, della violenza, dell’ironia, della tenerezza, della vendetta e dell’amore e non sono altro che le parole alle quali l’uomo comune dedica la propria vita.

Benché sia riduttivo definirlo solo un poeta, e ancor più banale relegarlo solo alla poesia d’ amore, Prévert rimane senza dubbio legato a questa classificazione. Ecco una delle sue più belle poesie d’ amore tradotta in italiano:

Cet Amour “Questo amore” Di Jacques Prévert

Questo amore
Così violento
Così fragile
Così tenero
Così disperato
Questo amore
Bello come il giorno
E cattivo come il tempo
Quando il tempo è cattivo
Questo amore così vero
Questo amore così bello
Così felice
Così gaio
E così beffardo
Tremante di paura come un bambino al buio
E così sicuro di sé
Come un uomo tranquillo nel cuore della notte
Questo amore che impauriva gli altri
Che li faceva parlare
Che li faceva impallidire
Questo amore spiato
Perchè noi lo spiavamo
Perseguitato ferito calpestato ucciso
negato dimenticato
Perchè noi l’abbiamo perseguitato ferito
calpestato ucciso negato
dimenticato
Questo amore tutto intero
Ancora così vivo
E tutto soleggiato
E’ tuo
E’ mio
E’ stato quel che è stato
Questa cosa sempre nuova
E che non è mai cambiata
Vera come una pianta
Tremante come un uccello
Calda e viva come l’estate
Noi possiamo tutti e due
Andare e ritornare
Noi possiamo dimenticare
E quindi riaddormentarci
Risvegliarsi soffrire invecchiare
Addormentarci ancora
Sognare la morte
Svegliarci sorridere e ridere
E ringiovanire
Il nostro amore è là
Testardo come un asino
Vivo come il desiderio
Crudele come la memoria
Sciocco come i rimpianti
Tenero come il ricordo
Freddo come il marmo
Bello come il giorno
Fragile come un bambino
Ci guarda sorridendo
E ci parla senza dir nulla
E io tremante l’ascolto
E grido
Grido per te
Grido per me
Ti supplico
Per te per me e per tutti coloro che si amano
E che si sono amati
Sì io gli grido
Per te per me per tutti gli altri
Che non conoscono
Fermati là
Là dove sei
Là dove sei stato altre volte
Fermati
Non muoverti
Non andartene
Noi che siamo amati
Noi ti abbiamo dimenticato
Tu non dimenticarci
Non avevamo che te sulla terra
Non lasciraci diventare gelidi
Anche se molto lontano sempre
E non importa dove
Dacci un segno di vita
Molto più tardi ai margini di un bosco
Nella foresta della memoria
Alzati subito
Tendici la mano
E salvaci.

Di Jacques Prévert

Poesia tratta da  Paroles, 1946.

Da: Jeda

Scritto da Carmine

NEWS PRINCIPALI
RIP Lingua italiana: all'universita' errori da terza elementare!
RIP Lingua italiana: all'universita' errori da terza elementare!
(Bologna)
-

Il Gruppo di Firenze per la scuola del merito e della responsabilità ha inviato una lettera appello per rimettere la lingua italiana al centro della didattica alla quale hanno già aderito oltre 230 docenti universitari.
Il Gruppo di Firenze per la scuola del merito e della responsabilità ha inviato...

La spada nella roccia? Si trova in Italia! Ma non tutti lo sanno
La spada nella roccia? Si trova in Italia! Ma non tutti lo sanno
(Bologna)
-

Tutti conoscono Re Artù, ma forse non tutti sanno che una spada molto simile alla sua, conficcata nella roccia, si trova nel cuore dell'Italia
Chi di noi non conosce la leggenda del mitico re Artù e della sua tavola...

Vietato l'ingresso ai cani e agli ITALIANI: quando i migranti ERAVAMO NOI
Vietato l'ingresso ai cani e agli ITALIANI: quando i migranti ERAVAMO NOI
(Bologna)
-

Quando in Germania, Svizzera, Belgio ecc. nei locali scrivevano: “VIETATO L’INGRESSO AI CANI E AGLI ITALIANI”. Ma i razzisti siamo noi
Paragonare gli italiani che sono emigrati nel mondo, a cui nessuno regalava...

Tutte le stragi SENZA nessuna Giornata della Memoria
Tutte le stragi SENZA nessuna Giornata della Memoria
(Bologna)
-

E’ possibile celebrare la Giornata della Memoria per ricordare, tra tutti i genocidi della storia recente, solo quello nazista ai danni degli ebrei?
E’ possibile celebrare la Giornata della Memoria per ricordare, tra tutti i...

Matera Capitale della CULTURA EUROPEA: viaggio tra i SASSI
Matera Capitale della CULTURA EUROPEA: viaggio tra i SASSI
(Bologna)
-

Mancano pochissimi giorni a quello che sarà l’avvenimento più importante per la città di Matera
Fino a 20 anni fa Matera era solo una cittadina di provincia ignorata dal...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati