(Milano)ore 20:35:00 del 20/04/2018 - Tipologia: , Cronaca, Sociale

.

VALLANZASCA LIBERO – L’EX BOSS DELLA MALA MILANESE, NONOSTANTE I 4 ERGASTOLI POTREBBE OTTENERE LA LIBERTÀ VIGILATA – COM’È POSSIBILE? PER LO STAFF DEL CARCERE HA AVUTO UN “CAMBIAMENTO PROFONDO, INTELLETTUALE ED EMOTIVO” – LA PAROLA PASSA AI GIUDICI DI TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA 

Renato Vallanzasca, protagonista della mala milanese e condannato a 4 ergastoli e 296 anni di carcere, ha avuto un "cambiamento profondo", "intellettuale ed emotivo", "non potrebbe progredire con altra detenzione" e dunque si ritiene che "possa essere ammesso alla liberazione condizionale", ossia possa concludere la pena fuori dal carcere in regime di libertà vigilata. 

Lo scrive l'équipe di osservazione e trattamento del carcere di Bollate in una relazione depositata dalla difesa al Tribunale di Sorveglianza che deve decidere. Il cambiamento di Vallanzasca, scrive Massimo Parisi, direttore dell'équipe del carcere, "evidenziato anche dall'anonimato degli ultimi anni (non ha consentito nessuna intervista), appare di un livello tale (tenuto conto della persona, della sua storia e del contesto) che non potrebbe progredire con altra detenzione, che potrebbe, di fatto, al contrario sollecitare una nuova chiusura dello stesso".

Si tratta, si legge nella relazione, "di un cambiamento profondo, non solo anagrafico, ma intellettuale ed emotivo, frutto di una sofferenza che, seppur non evidenziata, nei colloqui con gli operatori che da anni lo seguono, sa emergere in modo autentico e non sovrastrutturata".

Gli operatori di Bollate "prendono atto che dopo una revoca" della semilibertà per una condanna per rapina impropria (semilibertà chiesta di nuovo in subordine rispetto alla liberazione condizionale dal legale Davide Steccanella) "ipotizzare una misura più ampia di quella revocata", ossia la liberazione condizionale (la pena si sconta fuori dal carcere e non si rientra a dormire in cella) "potrebbe sembrare un'anomalia trattamentale".

Anche alla luce "del principio dell'individualizzazione del trattamento, non si riesce a cogliere", però, a detta degli operatori, "lapercorribilità/sostenibilità di un percorso graduale (esempio permessi, lavoro all'esterno, semilibertà) che, tenuto conto dei tempi e dell'età del soggetto, rischia, di fatto di essere irrealizzabile". 

Secondo il carcere, dunque, ci sono "le condizioni (nonché la necessità da un punto di vista andragogico) di sostenere unulteriore sviluppo del percorso del soggetto, ravvisando anche un adeguato livello di ravvedimento, tenuto conto del percorsodi mediazione penale, vista la rete esterna (lavoro, volontariato, affetti)" e si ritiene "che il soggetto possa essere ammesso alla liberazione condizionale (o in subordine alla semilibertà)".

La decisione, dopo l'udienza di oggi, spetterà ai giudici della Sorveglianza (presidente Corti, relatore Gambitta).

Dago

Scritto da Samuele

NEWS PRINCIPALI
Soros vuole una stretta sui SOCIAL: 'rappresentano una MINACCIA'
Soros vuole una stretta sui SOCIAL: 'rappresentano una MINACCIA'
(Milano)
-

L’attivista miliardario George Soros ha richiesto all’Unione Europea di dare una”stretta ai social network perché considerati da lui una “minaccia pubblica”.
L’attivista miliardario George Soros ha richiesto all’Unione Europea di regolare...

Lavoro minorile: Italia Paese dei PICCOLI SCHIAVI
Lavoro minorile: Italia Paese dei PICCOLI SCHIAVI
(Milano)
-

Hanno tra i 10 e i 14 anni. Per paghe da fame si spaccano la schiena nei campi o scaricano casse al mercato. Inchiesta su una piaga sociale in aumento, che ci fa ripiombare nel passato
Mercato del pesce di Napoli, prime luci dell’alba. Giovanni,13 anni, affonda le...

Cristiano Ronaldo e stupro: chiesto l'esame del DNA
Cristiano Ronaldo e stupro: chiesto l'esame del DNA
(Milano)
-

Questo il presunto ordine della polizia di Las Vegas nell’ambito dell’inchiesta per il presunto stupro commesso da CR7 nel Palms Hotel di Las Vegas nel 2009 che continua a far discutere.
Cristiano Ronaldo dovrà sottoporsi all'esame del Dna. Questo il presunto ordine...

Come mai in Italia non e' vietata l'apologia di COMUNISMO?
Come mai in Italia non e' vietata l'apologia di COMUNISMO?
(Milano)
-

In questi giorni in cui si ricomincia a parlare di leggi contro i simboli del fascismo, più d’uno si è chiesto perché analoga sorte non tocchi anche ai simboli del comunismo.
Fa semmai un po’ più di rabbia la costante apologia dei crimini legati alle...

Professor Aiuti muore dalle scale: ecco cosa affermava sui vaccini
Professor Aiuti muore dalle scale: ecco cosa affermava sui vaccini
(Milano)
-

È deceduto oggi al policlinico Gemelli a Roma il professor Fernando Aiuti immunologo di fama internazionale fondatore dell’associazione Anlaids.
È deceduto oggi al policlinico Gemelli a Roma il professor Fernando Aiuti...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati