(Padova)ore 14:02:00 del 28/11/2016 - Tipologia: , Cronaca, Salute

.

Sono decenni che funziona così. Su tutto il territorio nazionale. A Roma in primis, se poi aggiungi il cartello delle pompe funebri e l'esternalizzazione alle stesse del trasporto salme dal reparto di decesso alla camera mortuaria, momento critico per " l'aggancio del cliente". La Magistratura non sa mai niente, neanche per sentito dire... magari da amici o parenti.

I reati che vengono contestati a una trentina di persone sono, a diverso titolo, la corruzione aggravata per atti contrari ai doveri d’ufficio, falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale e truffa. L’inchiesta ha preso il via da un esposto anonimo, ma ha trovato subito il conforto di alcune precise testimonianze di persone che assistevano a un vero mercato sulla pelle dei defunti. Con quale meccanismo? Al momento del decesso la salma veniva trasferita in obitorio. Nei casi di autopsia, le pompe funebri sono tenute al versamento all’Azienda ospedaliera di 80 euro, una specie di “ticket” per effettuare tutta la preparazione, completa di pulizia, vestizione e tanatocosmesi, ovvero quella serie di trattamenti che rendono la salma presentabile, così che i parenti possano serbare un buon ricordo.

Per i pubblici ufficiali, la vestizione è un dovere, che spetta loro in quanto dipendenti dell’ospedale di Padova. Ma il sistema prevedeva di farci la cresta, ovvero di ottenere pagamenti in nero, quantificati in 50-60 euro per ogni salma. Un pagamento esentasse, capace di pesare pesantemente in rapporto agli stipendi percepiti. A beneficiarne sarebbero stati sei operatori socio-sanitari, che avrebbero ricevuto le somme di denaro dalle pompe funebri. Contro di loro ci sarebbero parecchie prove, a cominciare da intercettazioni telefoniche e ambientali, qualche foto scattata dagli investigatori e, soprattutto, riprese video che avrebbero fissato il pagamento delle tangenti.

L’ultima frontiera delle tangenti è il caro estinto. In particolare la vestizione dei corpi in obitorio, durante la fase di composizione delle salme e di preparazione, preludio del funeralee della tumulazione. L’inchiesta, condotta a Padova dal pubblico ministero Maria D’Arpa, sotto la direzione del procuratore Matteo Stuccilli, ha portato ad iscrivere una trentina di persone del registro degli indagati. Si tratta di infermieri o addetti al reparto e di titolari o dipendenti delle pompe funebri che avrebbero trovato un accordo per guadagnarci reciprocamente qualcosa.

Secondo l’accusa, nell’ospedale di Padova, in cambio di una tangentina di 50-60 euro (quindi 20 euro un meno rispetto alla tariffa ufficiale) gli addetti avrebbero effettuato le operazioni necessarie. Ma dovevano firmare una dichiarazione (di qui l’ipotesi di falso) secondo cui la salma era arrivata in obitorio già pronta per essere sistemata nella bara. I dipendenti pubblici ci guadagnavano un extra, le pompe funebri facevano risparmiare qualcosa ai clienti, che erano soddisfatti per il servizio. A rimetterci, secondo l’accusa, l’amministrazione ospedaliera, che non percepiva il ticket. Secondo una stima, ogni operatore avrebbe incassato circa5mila euro all’anno.

Scritto da Samuele

NEWS PRINCIPALI
La Pianura Padana? PRIMA IN EUROPA per atmosfera INQUINATA!
La Pianura Padana? PRIMA IN EUROPA per atmosfera INQUINATA!
(Padova)
-

Tra automobili, riscaldamenti domestici accesi nonostante il caldo tardivo e disastrosi incendi boschivi nelle valli alpine, in ottobre l’intera pianura Padana si è trasformata in una camera a gas.
La Valle del Po ha conquistato il primato di area con l’atmosfera più malsana...

Condannato a 2 anni il peggior sindaco della storia di Roma (MARINO) per peculato e falso!
Condannato a 2 anni il peggior sindaco della storia di Roma (MARINO) per peculato e falso!
(Padova)
-

Con Marino è normale un giudizio «misto»: sull’onestà dell’uomo non si discute; certo è che si tratta di un’onestà che deriva dal suo principale limite: narcisismo psicotico.
Con Marino è normale un giudizio «misto»: sull’onestà dell’uomo non si discute;...

Bere caffe' fa male? BALLE! Il dietrofront della SCIENZA
Bere caffe' fa male? BALLE! Il dietrofront della SCIENZA
(Padova)
-

Da secoli scienziati e dottori mettono alla sbarra la caffeina per le sue proprietà dannose, ma oggi la scienza fa dietro front e scagiona la bevanda più consumata al mondo.
CONTRORDINE: BERE CAFFÈ NON FA MALE. ANZI AIUTA A CONTRASTARE ANCHE L’ALZHEIMER...

Volete cambiare il mondo protestando contro i sacchetti? CHE BRANCO DI PECORE!!
Volete cambiare il mondo protestando contro i sacchetti? CHE BRANCO DI PECORE!!
(Padova)
-

Il cervello e l’intelligenza del gregge oramai sono un optional e un vero e proprio mistero.
L’Italia è stata trasportata in discarica e serve quanto prima un sacchetto....

215 milioni di cristiani PERSEGUITATI nel mondo...ma nessuno si indigna o ne parla...
215 milioni di cristiani PERSEGUITATI nel mondo...ma nessuno si indigna o ne parla...
(Padova)
-

Quasi duemila detenuti senza processo, 1.252 persone rapite, oltre mille stuprate, 33.255 vittime di abusi fisici o psicologici, 1.240 costrette a sposarsi con la forza.
Quasi duemila detenuti senza processo, 1.252 persone rapite, oltre mille...



Italia Blog | Contatti | Sitemap articoli

2013 Italia Blog - Tutti i diritti riservati